Cosmic Tones for Mental Therapy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cosmic Tones for Mental Therapy
Artista Sun Ra, and his Myth Science Arkestra
Tipo album Studio
Pubblicazione 1967
Durata 31:53
Dischi 1
Tracce 5
Genere Free jazz
Jazz
Musica sperimentale
Free improvisation
Etichetta El Saturn Records
Evidence (CD)
Produttore Alton Abraham
Registrazione 1963, New York

Cosmic Tones for Mental Therapy è un album discografico del musicista jazz statunitense Sun Ra e della sua Myth Science Arkestra. Registrato nel 1963 venne però pubblicato solo nel 1967 dall'etichetta El Saturn Records di proprietà dello stesso Sun Ra.[1] Nel 2000 il disco è stato ristampato in formato compact disc dalla Evidence in abbinamento con Art Forms of Dimensions Tomorrow.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di uno degli album più discussi fra quelli incisi da Sun Ra nel periodo newyorchese. Cosmic Tones for Mental Therapy (il cui titolo in italiano è traducibile con "Toni cosmici per terapia mentale") funge da base per tutte le successive sperimentazioni e stranezze che affiorarono nella musica dei prossimi lavori di Sun-Ra, contenendo pezzi come And Otherness e gli esperimenti afro-jazz di Thither And Yon. In Adventure Equation è presente una sorta di eco spaziale, trattamento poi ripreso anche per gli svolazzi del sax in Voice Of Space, che rende l'intera esperienza ancora più disorientante per l'ascoltatore.[2]

Originariamente pubblicato con una copertina stilizzata raffigurante uno scarabocchio disegnato da Sun Ra, solo nel 1969 comparve la seconda versione della copertina, quella maggiormente diffusa, opera di Richard Pedreguera.[3] Pedreguera disegnò anche la copertina dell'album The Nubians of Plutonia circa nello stesso periodo.

Registrazione[modifica | modifica wikitesto]

Le prime due tracce furono registrate allo studio Choreographer's Workshop di New York (dove abitualmente l'Arkestra effettuava le prove) nel 1963.[3] Adventure-Equation, Moon Dance e Voice of Space furono invece incise dal vivo al Tip Top club di Brooklyn, sempre nel '63, alle dieci di mattina dopo l'esibizione di Tommy Hunter e del Sarah McLawler's Trio, perché nel locale era presente un organo Hammond B-3 che si poteva utilizzare "gratis".[4] Hunter ricorda che alcuni ragazzi del quartiere fecero capolino dalla porta del locale mentre Sun Ra e l'Arkestra stavano registrando, e urlarono: «Questi ragazzi non sanno proprio suonare!».[4]

Anticipando la psichedelia[modifica | modifica wikitesto]

Essendo stato inciso nel 1963 (anche se pubblicato solo successivamente), l'album è stato frequentemente indicato come anticipatore, a tratti, di generi musicali a venire quali la psichedelia[4][5] e il funk di George Clinton. Se infatti i rituali astrali di Clinton sembrano ispirati alla dottrina della Nation of Islam, nondimeno sono assimilabili allo stile di Sun Ra, e quando nel 1979 gli venne chiesto dell'influenza di Sun Ra sulla sua musica, Clinton rispose: «Quel ragazzo era veramente fuori di testa - nello stesso modo come lo sono io».[6]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

LP vinile 12"[modifica | modifica wikitesto]

  • Tutti i brani sono opera di Sun Ra
Lato A
  1. And Otherness - 5:10
  2. Thither and Yon - 4:01
  3. Adventure-Equation - 8:26
Lato B
  1. Moon Dance - 6:34
  2. Voice of Space - 7:42

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Sun Ra - Organo Hammond B-3, Clavioline, Percussioni
  • Marshall Allen - Oboe, Percussioni
  • Danny Davis - Sax Alto, Flauto
  • John Gilmore - Clarinetto Basso, Percussioni
  • possibly Bernard Pettaway - Trombone Basso
  • Pat Patrick - Sax Baritono
  • Robert Cummings - Clarinetto Basso
  • Ronnie Boykins - Basso
  • Clifford Jarvis - Batteria
  • James Jacson - Percussioni
  • Tommy Hunter - Percussioni, Riverbero

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ All Music Guide
  2. ^ Boomkat.com
  3. ^ a b Discografia di Sun Ra, R Campbell
  4. ^ a b c Space is the Place, John F. Szwed, Mojo, 2000, pag. 200
  5. ^ Rolling Stone Overview
  6. ^ George Clinton citato nel libro Space is the Place, John F. Szwed, Minimum Fax, 2013, pag. 320
Jazz Portale Jazz: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Jazz