Other Planes of There

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Other Planes of There

Artista Sun Ra, and his Solar Arkestra
Tipo album Studio
Pubblicazione 1966
Durata 47:37
Dischi 1
Tracce 5
Genere Jazz
Free jazz
Etichetta El Saturn Records
Evidence (CD)
Produttore Alton Abraham
Registrazione 1964, New York[1]

Other Planes of There è un album discografico del musicista jazz statunitense Sun Ra e della sua Solar Arkestra. Registrato nel 1964, il disco venne pubblicato nel 1966[1] dalla El Saturn Records, etichetta di proprietà dell'artista. L'album è stato ristampato in formato compact disc per la prima volta dalla Evidence nel 1992.

Il disco[modifica | modifica sorgente]

Registrazione[modifica | modifica sorgente]

Il materiale che costituisce l'album venne registrato al Choreographer's Workshop, New York (luogo abituale delle prove dell'Arkestra) nel 1964.[1]

The New Thing[modifica | modifica sorgente]

Poco tempo dopo l'incisione di Other Planes of There, il pittore/musicista Bill Dixon e il regista Peter Sabino iniziarono a presentare vari concerti al Cellar Cafe, una caffetteria sulla West 91st Street, a New York. Ingaggiarono Sun Ra il 15 giugno, ed egli si presentò con una band formata da quindici elementi con la partecipazione di Pharoah Sanders (in sostituzione di John Gilmore) e Black Harold. La folla che partecipò a questa esibizione, e a quella di Archie Shepp, persuase i promotori ad organizzare un festival della "New Thing" (la "cosa nuova" come veniva inizialmente chiamato il nascente movimento free jazz) in quattro serate. Senza pubblicità - o elettricità - Dixon chiamò ad esibirsi più di quaranta artisti, inclusi John Tchicai, Cecil Taylor, Roswell Rudd e Jimmy Giuffre.[2]

Uno degli spettatori dei concerti al Cellar Cafe fu Bernard Stollman, un avvocato che si innamorò letteralmente di questa nuova musica tanto da voler registrare e mettere sotto contratto tutti gli artisti della new thing per la sua etichetta discografica ESP-Disk. Il primo album free jazz ad uscire per la ESP fu Spiritual Unity di Albert Ayler, seguito poi da vari dischi di Ornette Coleman, Pharoah Sanders e The Fugs. Sun Ra avrebbe inciso per la ESP nel 1965; producendo l'album The Heliocentric Worlds of Sun Ra, Volume One.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

LP vinile 12"[modifica | modifica sorgente]

  • Tutti i brani sono opera di Sun Ra.
Lato A
  1. Other Planes of There - 22:01
Lato B
  1. Sound Spectra/Spec Sket - 7:39
  2. Sketch - 4:46
  3. Pleasure - 3:10
  4. Spiral Galaxy - 10:01

Formazione [3][modifica | modifica sorgente]

  • Sun Ra - piano
  • Walter Miller - tromba
  • Ali Hassan - trombone
  • Teddy Nance - trombone
  • Bernard Pettaway - trombone basso
  • Marshall Allen - sax alto, oboe, percussioni
  • Danny Davis - sax alto, flauto
  • John Gilmore - sax tenore
  • Pat Patrick - sax baritono
  • Robert Cummings - clarinetto basso
  • Ronnie Boykins - contrabbasso
  • Roger Blank - batteria
  • Lex Humphries - batteria

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Sun Ra's Discography, R. Campbell
  2. ^ John F. Szwed, Space Is The Place, Mojo 2000, pag. 205
  3. ^ Note interne ristampa Evidence
Jazz Portale Jazz: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Jazz