Coppa del Mondo di rugby femminile 1998

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Coppa del Mondo di rugby femminile 1998
1998 Women’s Rugby World Cup
Wereldkampioenschap rugby vrouwen 1998
Logo della competizione
Competizione Coppa del Mondo femminile
Sport Rugby union pictogram.svg Rugby a 15
Edizione
Organizzatore World Rugby e Rugby Nederland
Date dal 1º maggio 1998
al 16 maggio 1998
Luogo Paesi Bassi
Partecipanti 16
Formula A gironi + play-off
Sede finale Nationaal Rugby Centrum (Amsterdam)
Risultati
Vincitore Nuova Zelanda Nuova Zelanda
(1º titolo)
Finalista Stati Uniti Stati Uniti
Terzo Inghilterra Inghilterra
Statistiche
Miglior marcatore Nuova Zelanda Annaleah Rush (73)
Record mete Paesi Bassi Minke Docter (9)
Incontri disputati 40
Cronologia della competizione
Left arrow.svg Coppa del Mondo 1994 Coppa del Mondo 2002 Right arrow.svg

La Coppa del Mondo di rugby femminile 1998 (in inglese 1998 Women’s Rugby World Cup; in olandese Wereldkampioenschap rugby vrouwen 1998) fu la 3ª edizione della Coppa del mondo di rugby a 15 femminile per squadre nazionali, nonché la prima organizzata dall’International Rugby Board[1], l’organo di governo del rugby a 15 mondiale oggi noto come World Rugby; per circa dieci anni dalla sua istituzione quella in oggetto fu considerata la 1ª Coppa del Mondo fin quando l’IRB non ne ufficializzò anche il palmarès delle edizioni 1991 e 1994 non tenutesi sotto la sua egida[2].

Si tenne tra 16 squadre nazionali dal 1º al 16 maggio 1998 ad Amsterdam, nei Paesi Bassi, e tutti gli incontri furono ospitati nel complesso sportivo federale Nationaal Rugby Centrum, fornito di due campi che resero possibile anche lo svolgimento in contemporanea di due incontri alla volta, laddove necessario per esigenze di calendario. La vittoria finale arrise alla Nuova Zelanda, che così conquistò il primo di quattro consecutivi titoli di campione del mondo, che in finale batté gli Stati Uniti con il punteggio di 44-12 davanti a un pubblico di circa 2 500 spettatori[3].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Preparazione[modifica | modifica wikitesto]

La Coppa del 1998 prese vita su premesse completamente differenti da quelle delle prime due edizioni; se nel 1991 l’International Rugby Football Board aveva ignorato l’avvenimento e nel 1994 aveva ventilato un proprio patrocinio salvo poi sconfessarlo a tre mesi dalla data d’inizio, per la terza edizione della Coppa decise di assumere in proprio l’organizzazione dell’evento[1] garantendole così l’ufficialità necessaria ad assicurare la presenza di tutte le federazioni ad essa affiliate o associate. La federazione dei Paesi Bassi, che quattro anni prima aveva rifiutato di affrontare le spese di organizzazione dopo che l’IRFB negò il sostegno alla manifestazione, fu incaricata di allestire la prima edizione ufficiale del torneo.

L’egida della IRFB, nel frattempo divenuta International Rugby Board nel 1997, garantì anche la copertura di tutti i costi organizzativi[1] e l’afflusso degli sponsor: per esempio la squadra inglese poté affrontare il torneo forte di un finanziamento di 146 000 sterline dell’epoca provenienti dalla quota di fondo delle lotterie di Stato destinato agli aiuti allo sport[1][4] e di un compenso della compagnia assicurativa Swiss Life per portare il suo nome sulle maglie[1]; la nazionale irlandese ricevette altresì un contributo federale di 20 000 sterline[1] e più in generale, sebbene molte giocatrici, in particolare quelle che svolgevano pubblico servizio come agenti di polizia o infermiere, dovettero prendere permessi non retribuiti sul posto di lavoro, le spese individuali di partecipazione si ridussero di molto[1].

Rispetto al 1994 tornarono nel torneo la Nuova Zelanda, dopo che la mancata ufficializzazione dell’edizione precedente aveva causato il ritiro del patrocinio alla squadra da parte della NZRU[1], l’Italia e la Spagna ed esordìrono l’Australia, nata quattro anni prima e ancora in cerca della sua prima vittoria in un test match, e la Germania.

Il torneo[modifica | modifica wikitesto]

Le Black Ferns si presentavano forti di un 67-0 inflitto all’Inghilterra pochi mesi prima in occasione del primo incontro assoluto tra le due squadre, e apparvero a tutti come le più serie candidate al titolo finale[1], mentre l’Inghilterra campione uscente, gli Stati Uniti e la Francia erano indicate come le più attendibili rivali. La ripartizione dei quattro gruppi, in ciascuno dei quali ognuna delle squadre citate fu sorteggiata, confermò in effetti tale indicazione, perché tutte le favorite vinsero il proprio girone ed entrarono nei quarti a punteggio pieno; nel girone dell’Inghilterra la sorpresa fu il Canada che ebbe la meglio sulle padrone di casa olandesi a pari punti perché vincitrici dello scontro diretto. Stessa dinamica negli successivi due gironi, dove ci furono altrettanti ex aequo a quota 2 punti: in quello degli Stati Uniti la seconda classificata, la Spagna, si qualificò a spese del Galles, in quello della Nuova Zelanda fu la Scozia ad avere la meglio sull’Italia (nonostante quest’ultima vantasse un +47 di differenza punti rispetto alle britanniche). Nel girone D invece fu la differenza punti marcati/subìti a mandare avanti l’Australia e a dirottare il Kazakistan al minitorneo per il nono posto.

Anche i quarti di finale rispettarono sostanzialmente il pronostico con Inghilterra, Stati Uniti e Nuova Zelanda che prevalsero nettamente su, rispettivamente, Australia, Scozia e Spagna[5]; di nuovo il Canada fu la sorpresa, vincitore 9-7 sulla Francia e in semifinale destinato a incontrare le vicine di casa statunitensi.

Lo scontro nordamericano di finale si risolse in una vittoria della nazionale a stelle e strisce che si impose per 46-6, mentre invece quello tra neozelandesi e inglesi vide le Black Ferns sopravanzare nettamente le Roses per 44-11[6].

La finale fu la riproposizione di quella di due edizioni prima che vide le americane battere le neozelandesi, ma pochi tra gli addetti ai lavori pronosticarono un esito simile a quello del 1991[6]: le Black Ferns vinsero infatti 44-12 e si laurearono per la prima volta campionesse del mondo, mentre nella finale di consolazione l’Inghilterra surclassò il Canada per 81-15[3]. Per gli Stati Uniti si trattò dell’ultima presenza fra le prime 4 per i successivi 19 anni, mentre per la Nuova Zelanda del primo di quattro titoli mondiali consecutivi.

Il post-torneo[modifica | modifica wikitesto]

David Hands, dalle colonne del Times, scrisse che la vittoria della Nuova Zelanda[3] aveva «fissato un nuovo standard di eccellenza» nel gioco, e che quello sarebbe stato il livello cui aspirare per puntare alla vittoria della successiva Coppa del 2002[3] (che in effetti fu vinto di nuovo dalle Black Ferns in finale sulle inglesi).

In particolare fu messo in risalto il gap tra le prime tre e le altre, come la vittoria inglese per 81-15 sul Canada nella finale per il terzo posto testimoniò[3]. Nonostante quest’ultimo pesante rovescio, tuttavia, la Coppa del 1998 significò il passaggio del testimone del rugby nordamericano: la squadra a stelle e strisce, infatti, fino all’edizione 2017 non riuscì più a raggiungere neppure la semifinale mentre le canadesi disputarono la prima di tre consecutive e, nel 2014, giunsero a giocarsi il titolo in finale contro l’Inghilterra.

Per quanto riguarda invece la citata Inghilterra e la Nuova Zelanda, nelle successive tre edizioni le due squadre monopolizzarono il torneo incontrandosi sempre in finale; di fatto, fino al 2017, non vi sarebbe stata un’edizione in cui una delle due o entrambe non figurassero nella gara di assegnazione per il titolo.

Nel 2009 l’International Rugby Board, infine, ufficializzò anche le due edizioni del 1991 e del 1994, facendo così diventare quella del 1998 la terza edizione della Coppa del Mondo[2].

Formula[modifica | modifica wikitesto]

Le 16 squadre furono ripartite in 4 gironi di 4 squadre ciascuno (A, B, C e D), e l’accoppiamento riguardò solo la prima giornata; nella successiva le due squadre vincitrici si sarebbero incontrate tra di loro, e così le due perdenti della prima giornata. La classifica complessiva, calcolata su tali due incontri, avrebbe tenuto conto, a pari punti tra due o più squadre, innanzitutto dei risultati degli incontri diretti tra di esse e a seguire della differenza punti fatti/subiti.

Le prime due classificate di ogni girone accedettero ai quarti di finale per il titolo; le ultime due a quelle del nono posto a scalare. Gli accoppiamenti di quarti e semifinale delle prime 8 squadre furono:

  1. Vincente A1 — D2 vs vincente C1 — B2
  2. Vincente A2 — D1 vs vincente C2 — B1

Le perdenti di tali incontri disputarono il minitorneo per il quinto posto (Plate).

Per quanto riguarda invece i posti dal nono al sedicesimo, gli accoppiamenti riguardarono gli stessi gironi. Le semifinali per il nono posto (Bowl) furono determinati dai seguenti incontri:

  1. Vincente A3 — D4 vs vincente C3 — B4
  2. Vincente A4 — D3 vs vincente C4 — B3

Le perdenti disputarono il minitorneo per il tredicesimo posto (Shield). Tutte le gare si svolsero a eliminazione diretta.

Gironi[modifica | modifica wikitesto]

Girone A Girone B Girone C Girone D

Fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

Girone A[modifica | modifica wikitesto]

Data Incontro Risultato Sede
1-5-1998 Paesi BassiCanada 7-16 Amsterdam
2-5-1998 InghilterraSvezia 75-0 Amsterdam
5-5-1998 CanadaInghilterra 6-72 Amsterdam
5-5-1998 SveziaPaesi Bassi 0-44 Amsterdam
Classifica G V N P PF PS PT
1 Inghilterra Inghilterra 2 2 0 0 147 6 +141 4
2 Canada Canada 2 1 0 1 22 79 -57 2
3 Paesi Bassi Paesi Bassi 2 1 0 1 51 16 +35 2
4 Svezia Svezia 2 0 0 2 0 119 -119 0

Girone B[modifica | modifica wikitesto]

Data Incontro Risultato Sede
2-5-1998 SpagnaGalles 28-18 Amsterdam
2-5-1998 RussiaStati Uniti 0-84 Amsterdam
5-5-1998 SpagnaStati Uniti 16-38 Amsterdam
5-5-1998 RussiaGalles 7-83 Amsterdam
Classifica G V N P PF PS PT
1 Stati Uniti Stati Uniti 2 2 0 0 122 16 +106 4
2 Spagna Spagna 2 1 0 1 44 56 -12 2
3 Galles Galles 2 1 0 1 101 35 +66 2
4 Russia Russia 2 0 0 2 7 167 -160 0

Girone C[modifica | modifica wikitesto]

Data Incontro Risultato Sede
2-5-1998 GermaniaNuova Zelanda 6-134 Amsterdam
2-5-1998 ItaliaScozia 8-37 Amsterdam
5-5-1998 Nuova ZelandaScozia 76-0 Amsterdam
5-5-1998 GermaniaItalia 5-34 Amsterdam
Classifica G V N P PF PS PT
1 Nuova Zelanda Nuova Zelanda 2 2 0 0 210 6 +204 4
2 Scozia Scozia 2 1 0 1 37 84 -47 2
3 Italia Italia 2 1 0 1 42 42 0 2
4 Germania Germania 2 0 0 2 11 168 -157 0

Girone D[modifica | modifica wikitesto]

Data Incontro Risultato Sede
2-5-1998 FranciaKazakistan 23-6 Amsterdam
2-5-1998 AustraliaIrlanda 21-0 Amsterdam
5-5-1998 AustraliaFrancia 8-10 Amsterdam
5-5-1998 IrlandaKazakistan 6-12 Amsterdam
Classifica G V N P PF PS PT
1 Francia Francia 2 2 0 0 33 14 +19 4
2 Australia Australia 2 1 0 1 29 10 +19 2
3 Kazakistan Kazakistan 2 1 0 1 18 29 -11 2
4 Irlanda Irlanda 2 0 0 2 6 33 -27 0

Fase a play-off[modifica | modifica wikitesto]

Quarti di finale per il 9º posto[modifica | modifica wikitesto]

Quarti di finale Semifinali Finale 9º posto
  Paesi Bassi Paesi Bassi   18
  Irlanda Irlanda   21  
  Irlanda Irlanda   20
    Italia Italia   5  
  Italia Italia   51
  Russia Russia   7  
  Irlanda Irlanda   10
    Kazakistan Kazakistan   26
  Germania Germania   12
  Galles Galles   55  
  Galles Galles   13 Finale 11º posto
    Kazakistan Kazakistan   18  
  Kazakistan Kazakistan   47   Italia Italia   10
  Svezia Svezia   5     Galles Galles   12
Amsterdam
9 maggio 1998, ore 11 UTC+2
Italia Italia51 – 7
referto
Russia RussiaRugby Centrum 1
Arbitro: Spagna José Juega

Amsterdam
9 maggio 1998, ore 13 UTC+2
Kazakistan Kazakistan47 – 5
referto
Svezia SveziaRugby Centrum 1
Arbitro: Paesi Bassi Sean Mallon

Amsterdam
9 maggio 1998, ore 15 UTC+2
Paesi Bassi Paesi Bassi18 – 21
referto
Irlanda IrlandaRugby Centrum 1
Arbitro: Inghilterra Sarah Stanley

Amsterdam
9 maggio 1998, ore 17 UTC+2
Galles Galles55 – 12
referto
Germania GermaniaRugby Centrum 1
Arbitro: Australia Carolyn Warren

Play-off per il 13º posto[modifica | modifica wikitesto]

Semifinali Finale 13º posto
  Paesi Bassi Paesi Bassi   61  
  Russia Russia   0  
 
      Russia Russia   3
    Svezia Svezia   23
Finale 15º posto
  Germania Germania   20   Paesi Bassi Paesi Bassi   67
  Svezia Svezia   18     Germania Germania   3


Semifinali[modifica | modifica wikitesto]

Amsterdam
12 maggio 1998, ore 11:15 UTC+2
Germania Germania20 – 18
referto
Svezia SveziaRugby Centrum 2
Arbitro: Francia Daniel Gillet

Amsterdam
12 maggio 1998, ore 13:15 UTC+2
Paesi Bassi Paesi Bassi61 – 0
referto
Russia RussiaRugby Centrum 2
Arbitro: Irlanda Eddie Walsh

Finale per il 15º posto[modifica | modifica wikitesto]

Amsterdam
15 maggio 1998, ore 16:15 UTC+2
Russia Russia3 – 23
referto
Svezia SveziaRugby Centrum 2
Arbitro: Paesi Bassi Sean Mallon

Finale per il 13º posto[modifica | modifica wikitesto]

Amsterdam
15 maggio 1998, ore 18 UTC+2
Paesi Bassi Paesi Bassi67 – 3
referto
Germania GermaniaRugby Centrum 1
Arbitro: Irlanda Gordon Black

Play-off per il 9º posto[modifica | modifica wikitesto]

Semifinali[modifica | modifica wikitesto]

Amsterdam
12 maggio 1998, ore 15:15 UTC+2
Galles Galles13 – 18
referto
Kazakistan KazakistanRugby Centrum 2
Arbitro: Spagna José Juega

Amsterdam
12 maggio 1998, ore 17:15 UTC+2
Irlanda Irlanda20 – 5
referto
Italia ItaliaRugby Centrum 2
Arbitro: Paesi Bassi Sean Mallon

Finale per l’11º posto[modifica | modifica wikitesto]

Amsterdam
15 maggio 1998, ore 16:15 UTC+2
Italia Italia10 – 12
referto
Galles GallesRugby Centrum 1
Arbitro: Spagna José Juega

Finale per il 9º posto[modifica | modifica wikitesto]

Amsterdam
15 maggio 1998, ore 20:15 UTC+2
Irlanda Irlanda10 – 26
referto
Kazakistan KazakistanRugby Centrum 1
Arbitro: Italia Rossano Faccioli

Quarti di finale per il titolo[modifica | modifica wikitesto]

Quarti di finale Semifinali Finale
  Inghilterra Inghilterra   30
  Australia Australia   13  
  Inghilterra Inghilterra   11
    Nuova Zelanda Nuova Zelanda   44  
  Nuova Zelanda Nuova Zelanda   46
  Spagna Spagna   3  
  Nuova Zelanda Nuova Zelanda   44
    Stati Uniti Stati Uniti   12
  Stati Uniti Stati Uniti   25
  Scozia Scozia   10  
  Stati Uniti Stati Uniti   46 Finale 3º posto
    Canada Canada   6  
  Francia Francia   7   Inghilterra Inghilterra   81
  Canada Canada   9     Canada Canada   15
Amsterdam
9 maggio 1998, ore 11:15 UTC+2
Stati Uniti Stati Uniti25 – 10
referto
Scozia ScoziaRugby Centrum 2
Arbitro: Italia Rossano Faccioli

Amsterdam
9 maggio 1998, ore 13:15 UTC+2
Francia Francia7 – 9
referto
Canada CanadaRugby Centrum 2
Arbitro: Inghilterra Rob Sawyer

Amsterdam
9 maggio 1998, ore 15:15 UTC+2
Inghilterra Inghilterra30 – 13
referto
Australia AustraliaRugby Centrum 2
Arbitro: Francia Daniel Gillet

Amsterdam
9 maggio 1998, ore 17:15 UTC+2
Nuova Zelanda Nuova Zelanda46 – 3
referto
Spagna SpagnaRugby Centrum 2
Arbitro: Galles Huw Lewis

Play-off per il 5º posto[modifica | modifica wikitesto]

Semifinali Finale 5º posto
  Australia Australia   17  
  Spagna Spagna   15  
 
      Australia Australia   25
    Scozia Scozia   15
Finale 7º posto
  Scozia Scozia   27   Spagna Spagna   22
  Francia Francia   7     Francia Francia   9


Semifinali[modifica | modifica wikitesto]

Amsterdam
12 maggio 1998, ore 11 UTC+2
Scozia Scozia27 – 7
referto
Francia FranciaRugby Centrum 1
Arbitro: Inghilterra Ed Morrison

Amsterdam
12 maggio 1998, ore 13 UTC+2
Australia Australia17 – 15
referto
Spagna SpagnaRugby Centrum 1
Arbitro: Italia Rossano Faccioli

Finale per il 7º posto[modifica | modifica wikitesto]

Amsterdam
16 maggio 1998, ore 12:15 UTC+2
Francia Francia9 – 22
referto
Spagna SpagnaRugby Centrum 2
Arbitro: Irlanda Eddie Walsh

Finale per il 5º posto[modifica | modifica wikitesto]

Amsterdam
12 maggio 1998, ore 14 UTC+2
Australia Australia25 – 15
referto
Scozia ScoziaRugby Centrum 1
Arbitro: Galles Huw Lewis

Play-off per il titolo[modifica | modifica wikitesto]

Semifinali[modifica | modifica wikitesto]

Amsterdam
12 maggio 1998, ore 15 UTC+2
Stati Uniti Stati Uniti46 – 6
referto
Canada CanadaRugby Centrum 1
Arbitro: Irlanda Gordon Black

Amsterdam
12 maggio 1998, ore 17 UTC+2
Inghilterra Inghilterra11 – 44
referto
Nuova Zelanda Nuova ZelandaRugby Centrum 1
Arbitro: Galles Huw Lewis

Finale per il 3º posto[modifica | modifica wikitesto]

Amsterdam
12 maggio 1998, ore 14 UTC+2
Inghilterra Inghilterra81 – 15
referto
Canada CanadaRugby Centrum 1
Arbitro: Francia David Gillet

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Amsterdam
12 maggio 1998, ore 16:15 UTC+2
Nuova Zelanda Nuova Zelanda44 – 12
referto
Stati Uniti Stati UnitiRugby Centrum 1 (2 500 spett.)
Arbitro: Inghilterra Ed Morrison

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Squadra
Gold medal icon.svg Nuova Zelanda Nuova Zelanda
Silver medal icon.svg Stati Uniti Stati Uniti
Bronze medal icon.svg Inghilterra Inghilterra
4 Canada Canada
5 Australia Australia
6 Scozia Scozia
7 Spagna Spagna
8 Francia Francia
9 Kazakistan Kazakistan
10 Irlanda Irlanda
11 Galles Galles
12 Italia Italia
13 Paesi Bassi Paesi Bassi
14 Germania Germania
15 Svezia Svezia
16 Russia Russia

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i (EN) David Hands, England outlook blackened by rivals, in The Times, 1º maggio 1998. URL consultato il 29 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 29 agosto 2018).
  2. ^ a b (EN) The History of the Women’s Rugby World Cup, su englandrugby.com, Rugby Football Union, 21 luglio 2017. URL consultato il 14 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 14 agosto 2018).
  3. ^ a b c d e (EN) David Hands, New Zealand expose limitations, in The Times, 19 maggio 1998. URL consultato il 29 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 29 agosto 2018).
  4. ^ (EN) Chris Hewett, Women’s Rugby Union: Burns sets tone as a Corinthian with attitude, in The Independent, 2 maggio 1998. URL consultato il 29 agosto 2018.
  5. ^ (EN) Marian Phillips, George opens route for grand England defence, in The Sunday Times, 10 maggio 1998. URL consultato il 29 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 29 agosto 2018).
  6. ^ a b (EN) John Wales, Rugby Union: Other All Blacks end defence, in The Guardian, 13 maggio 1998. URL consultato il 29 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 29 agosto 2018).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Rugby Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby