Consultazione popolare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nel diritto costituzionale, le consultazioni popolari sono le forme di esercizio della sovranità popolare di natura elettorale o legislativa, previste da costituzioni, statuti o altre leggi. La consultazione popolare ha carattere prettamente politico e deriva dalla nozione primo-novecentesca di suffragio universale.

In età contemporanea, esse contemplano:

Consultazioni popolari dell'età antica[modifica | modifica wikitesto]

Nelle istituzioni di diritto e storia antica non è dato distinguere, come oggi avviene, tra la fase del popolo elettore e la fase del popolo legislatore:

  • la bulé (βουλή) dell'antica Grecia: assemblea del popolo delle poleis, che approvava le leggi ed eleggeva i magistrati.
  • i Comitia: assemblee popolari dell'epoca romana, che erano sede unitaria sia per l'electio dei magistrati che per l'approvazione delle leggi.
  • Volksbefragung: referendum non vincolante di tradizione germanica nel territorio del baliato.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto