Consiglio dei commissari del popolo dell'Unione Sovietica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'analogo organo della RSFS Russa, vedi Consiglio dei commissari del popolo della RSFS Russa.
Consiglio dei commissari del popolo dell'URSS
Stato URSS URSS
Tipo Governo
Sigla Sovnarkom, SNK
Istituito 30 dicembre 1922
da Congresso dei Soviet dell'URSS
Predecessore Consiglio dei commissari del popolo della RSFS Russa
Operativo dal luglio 1923
Soppresso 15 marzo 1946
da Soviet Supremo dell'URSS
Successore Consiglio dei ministri dell'URSS
Sede Cremlino, Mosca

Il Consiglio dei commissari del popolo dell'URSS (in russo: Совет народных комиссаров СССР?, traslitterato: Sovet narodnych komissarov SSSR), abbreviato in Sovnarkom o SNK dell'URSS, è stato l'organo esecutivo e amministrativo dell'Unione Sovietica dalla sua fondazione fino al 1946, mentre analoghe strutture operavano nelle Repubbliche federate.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Sovnarkom dell'URSS, sul modello di quello della RSFS Russa, fu istituito all'atto della fondazione dell'Unione Sovietica dal I Congresso dei Soviet dell'URSS ed eletto nella sua prima composizione pochi mesi più tardi dal Comitato esecutivo centrale dell'URSS.[1]

Fu confermato nella Costituzione sovietica del 1924 come organo esecutivo e amministrativo del Comitato esecutivo centrale,[2] le cui camere ne eleggevano i componenti in seduta comune[3] e che aveva diritto di sospenderne le deliberazioni.[4] Del Sovnarkom facevano parte Presidente del Consiglio dei Commissari del popolo, vicepresidenti e dieci Commissari del popolo,[2] ciascuno alla direzione dei Commissariati del popolo, cinque di carattere federale, unici per tutte le Repubbliche, e cinque unificati.[5]

Nel 1932 i Commissariati furono estesi a dodici con la suddivisione del Consiglio superiore dell'economia nazionale nei tre Narkomat dell'industria pesante, dell'industria leggera e dell'industria boschiva.[6] Con la Costituzione del 1936 vennero previsti otto Commissariati del popolo federali e dieci federali-repubblicani,[7] ma il numero di Narkomat fu ampliato a 24 nei tre anni successivi.[8] Oltre ai rispettivi Commissari, al Presidente e ai vicepresidenti del Sovnarkom, entravano a far parte del Consiglio, eletto dal Soviet Supremo, anche i Presidenti di determinati Comitati e Commissioni statali.[9]

Il Consiglio dei commissari del popolo dell'URSS e quelli delle Repubbliche federate furono riorganizzati in Consigli dei ministri con legge del Soviet Supremo dell'URSS nel 1946.[10]

Presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Presidenti del Consiglio dei commissari del popolo dell'URSS.

Commissariati del popolo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Lista dei Commissariati del popolo dell'URSS.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN130718943