Clemens Krauss

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Foto di Clemens Krauss

Clemens Heinrich Krauss (Vienna, 31 marzo 1893Città del Messico, 16 maggio 1954) è stato un direttore d'orchestra e impresario teatrale austriaco, particolarmente specializzato nell'esecuzione delle opere di Richard Strauss.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Krauss nacque da una relazione extraconiugale di Clementine Krauss, all'epoca quindicenne ballerina della Wiener Staatsoper e successivamente cantante di operette e attrice, a sua volta nipote del famoso soprano Gabrielle Krauss (1842-1904). Suo padre naturale, il cavaliere Hector Baltazzi (1851-1916),[1] apparteneva ad una facoltosa famiglia di banchieri residenti a Vienna. La sorella maggiore di Baltazzi, Helen, era sposata al barone Albin Vetsera ed era la madre di Maria Vetsera, cugina di Clemens Krauss.[2]

Da ragazzo, Krauss fece il corista nella Hofkapelle (coro imperiale). Studiò al Conservatorio di Vienna, diplomandosi nel 1912. Studiò poi composizione con Hermann Graedener e teoria musicale con Richard Heuberger. Iniziò quindi la carriera come maestro del coro al Teatro di Brno (1912-1913). Li fece il suo debutto come direttore d'orchestra nel 1913. Sposò poi, in seconde nozze, il famoso soprano rumeno Viorica Ursuleac, con la quale aveva collaborato in varie occasioni.

Krauss lavorò molto nei teatri lirici di secondaria importanza e diresse a Riga (1913-1914), Norimberga (1915) e Stettino (1916-1921). L'ultimo incarico gli consentì facilità di viaggio per Berlino dove si recò spesso per ascoltare Arthur Nikisch dirigere i Berliner Philharmoniker. Krauss tornò quindi in Austria, dove divenne direttore dell'Opera e dell'Orchestra sinfonica di Graz. Nel 1922 fece parte della direzione della Wiener Staatsoper dove debutta dirigendo Der Rosenkavalier con Elisabeth Schumann e divenne insegnante di direzione d'orchestra all'Accademia di Stato tedesca. Nello stesso anno diresse anche Die Entführung aus dem Serail con la Schumann, Der Fliegende Holländer, Carmen (opera), Aida, Tosca (opera) con Maria Jeritza e Richard Tauber, La sposa venduta, Don Pasquale, Salomè (opera), Der Barbier von Bagdad di Peter Cornelius con la Schumann e Le nozze di Figaro. Nel 1923 divenne direttore della Vienna Tonkünstler Concerts dove rimase fino al 1927, e Intendente dell'Opera di Francoforte sul Meno fino al 1929. Ancora allo Staatsoper nel 1923 dirige Johann von Paris di François-Adrien Boieldieu, Fidelio, Ariadne auf Naxos e la prima assoluta di Tanzsuite di Richard Strauss al Burgtheater diretto anche a Dresda. Nel 1924 a Vienna dirige L'Africaine, Tiefland di Eugen d'Albert e La Juive con la Jeritza ed a Francoforte sul Meno la prima assoluta di Kammermusik n. 2 di Paul Hindemith.

Diresse regolarmente al Festival di Salisburgo dal 1926 al 1934 iniziando con Ariadne auf Naxos con Lotte Lehmann. A Francoforte nel 1926 dirige la prima assoluta di Der Golem di Eugène d'Albert. Ancora a Salisburgo nel 1929 dirige Der Rosenkavalier con la Lehmann. Nell'agosto dello stesso anno diventa sovrintendente della Staatsoper fino al 1934 sostituendo Franz Schalk ed in novembre dirige Così fan tutte a Vienna.

Krauss visitò gli Stati Uniti nel 1929, dirigendo l'Orchestra di Filadelfia e la New York Philharmonic. La sua orchestra, nei concerti indipendenti fu la Wiener Philharmoniker, che lo nominò direttore nel 1930 fino al 1933. Ancora a Vienna nel 1930 dirige Simon Boccanegra, Wozzeck, Schwanda, der Dudelsackpfeifer di Jaromír Weinberger e Violanta di Erich Wolfgang Korngold con Maria Nemeth. A Salisburgo nel 1930 dirige Die Hochzeit des Figaro (Le nozze di Figaro) con Viorica Ursuleac. Nel 1931 a Vienna dirige Der Opernball di Richard Heuberger con la Lehmann, Sigfrido (opera) con la Nemeth, la prima assoluta di Die Bakchantinnen di Egon Wellesz e La dama di picche (opera) ed a Salisburgo Così fan tutte con la Ursuleac e Fidelio con la Lehmann. Nel 1932 a Vienna dirige Elettra (Strauss) con la Ursuleac, Don Carlo con la Ursuleac e Spuk im Schloß (Böse Zeiten für Gespenster) di Jaroslav Křička ed a Salisburgo Die Frau ohne Schatten con la Ursuleac e la Lehmann ed ancora nel 1933 a Vienna dirige Parsifal (opera) con Max Lorenz (cantante). Sempre nel 1993 dirige Macbeth (opera) all'Opera di Amburgo ed a Vienna, il successo della prima assoluta di Arabella (opera) con la Ursuleac al Semperoper di Dresda e Die ägyptische Helena con la Ursuleac a Salisburgo portata anche a Vienna dove dirige anche Arabella con la Lehmann e nel 1934 Die vier Grobiane (I quatro rusteghi).

Al Royal Opera House, Covent Garden di Londra nel 1934 dirige Schwanda, der Dudelsackpfeifer con la Ursuleac ed Alexander Kipnis ed Arabella con la Ursuleac, a Salisburgo Elektra con la Ursuleac, al Teatro La Fenice di Venezia Così fan tutte con la Ursuleac e La donna senz'ombra con la Ursuleac ed a Vienna la prima assoluta di Das Veilchen di Julius Bittner.

Nel 1933 e 1934 Krauss lasciò gli incarichi a Vienna e divenne direttore dell'Opera di Stato di Berlino nel 1935 dopo che Erich Kleiber si dimise per protesta contro il nazismo. Nel 1933 abbandonò le prove per la prima di Arabella di Strauss, quando il direttore Fritz Busch (altro non ebreo antinazista) lasciò l'incarico. Nel 1935 dirige Ariadne auf Naxos con la Ursuleac a Stoccarda. Nel 1937 venne nominato Intendant al Nationaltheater München (Opera di Stato della Baviera) e della Bayerisches Staatsorchester, dopo le dimissioni di Hans Knappertsbusch. Nel 1938 a Monaco dirige la prima assoluta di Friedenstag di Strauss con Hans Hotter, la Ursuleac e Julius Patzak e nel 1939 di Der Mond con Patzak ed Arabella. Nel 1939 dirige Don Giovanni con Elisabeth Rethberg, Maria Cebotari, Anton Dermota ed Ezio Pinza a Salisburgo ed il primo Concerto di Capodanno di Vienna con musiche di Johann Strauss (figlio). Nel 1940 dirige Ariadne auf Naxos con la Ursuleac e Patzak al Collegium Germanicum di Roma e nel 1941 il secondo Concerto di Capodanno di Vienna con musiche di Johann Strauss (figlio), la prima assoluta del balletto Verklungene Feste Richard Strauss a Monaco e Così fan tutte con la Ursuleac, Patzak e Hilde Güden nella trasferta della Bayerische Staatsoper a Vienna. Nel 1942 dirige il terzo Concerto di Capodanno di Vienna con musiche di Johann Strauss (padre) e figlio ed a Salisburgo Arabella con la Ursuleac. Divenne amico intimo di Richard Strauss, per il quale scrisse il libretto per l'opera Capriccio (Strauss) che dirige nella prima assoluta a Monaco di Baviera nel 1942 con la Ursoleac e Hotter. Nel 1943 dirige il quarto Concerto di Capodanno di Vienna con musiche di Johann Strauss padre e figlio, la prima assoluta di Divertimento di Richard Strauss al Burgtheater con i Wiener Philharmoniker ed a Salisburgo con Die Zauberflöte con Patzak e Hotter. Nel 1944 dirige il quinto Concerto di Capodanno di Vienna con musiche di Johann Strauss padre e figlio e Capriccio al Semperoper. Diresse anche la prima esecuzione dell'opera Die Liebe der Danae di Strauss.

Dopo il bombardamento dell'Opera di Stato di Monaco di Baviera, Krauss tornò a dirigere la Wiener Philharmoniker fino alla fine della seconda guerra mondiale (1944-1945). Dopo la guerra, alcuni ufficiali alleati investigarono sul suo comportamento filo-nazista e gli vietarono di apparire in pubblico fino al 1947. Emerse anche che egli aiutò diversi ebrei a mettersi in salvo dalle persecuzione degli uomini della Gestapo. Quando finì di scontare la pena inflittagli, tornò a dirigere frequentemente la Wiener Philharmoniker, compreso il famoso Concerto di Capodanno.

Dopo la riabilitazione diresse il Covent Garden a Londra dal 1951 ed il Festival di Bayreuth nel 1953 . Morì nel corso di una visita a Città del Messico, ed è tumulato assieme alla moglie, che morì nel 1985, a Ehrwald in Austria.

Egli non realizzò molte incisioni; ma la sua registrazione del 1950 del Die Fledermaus di Johann Strauss II, realizzata a Vienna, viene ancora oggi ritenuta fra le migliori. La sua incisione dal vivo del 1953 de L'Anello del Nibelungo di Richard Wagner al Festival di Bayreuth è molto apprezzata ancora oggi. Una registrazione con la Wiener Symphoniker della Fantasia corale di Beethoven, ripubblicata da più di un'etichetta economica, venne registrata originariamente per la Vox Records.

Discografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

  • Beethoven Klavierkonzerte 4 & 5 - Wilhelm Backhaus/Clemens Krauss, Decca
  • Brahms: Alto Rhapsody, Op. 53 - Kathleen Ferrier/Clemens Krauss/London Philharmonic Orchestra & Choir, Discover
  • Strauss, R. - Clemens Krauss dirige Richard Strauss - Krauss/WPO, 1950/1954 Decca
  • Strauss, R: Salome - Christel Goltz/Clemens Krauss/Vienna Philharmonic Orchestra, 1954 Decca
  • Strauss II: Die Fledermaus - Hilde Güden/Julius Patzak/Wilma Lipp/Alfred Poell/Kurt Preger/Sieglinde Wagner/August Jaresch/Vienna State Opera Chorus/Vienna Philharmonic Orchestra/Clemens Krauss, Regis/Preiser
  • Wagner: Parsifal - The Chorus & Orchestra Of Bayreuther Festspiele/Clemens Krauss, Unchained Melodíe
  • Wagner: Die Walküre - The Bayreuth Festival Orchestra/Clemens Krauss, Unchained Melodíe
  • Wagner: Der Ring der Nibelungen - Bayreuth Festival Orchestra/Clemens Krauss/Hans Hotter/Gustav Neidlinger/Ira Maluniuk, Opera d'Oro
  • Famous Conductors Of The Past - Clemens Krauss, Preiser
  • The Great Conductors: Clemens Krauss – The Music of the New Year's Concertos - Vienna Philharmonic Orchestra/Clemens Krauss, Jube
  • New Year's Concert 1941 - Clemens Krauss/Vienna Philharmonic Orchestra, Ton 4
  • New Year's Concert 1954 - Vienna Philharmonic Orchestra/Clemens Krauss, Archiphon
  • The Complete New Year Concerts (1952-1954) - Clemens Krauss/Vienna Philharmonic Orchestra, Archipel Walhall

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Note riprese da una riedizione del disco Decca relativo a musiche di Richard Strauss, Testament SBT1184
  2. ^ Albero genealogico della famiglia Baltazzi

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Joseph Gregor, Clemens Krauss: Seine Musikalische Sendung (Munich, 1953)
  • G. K. Kende and Signe Scanzoni, Der Prinzipal: Clemens Krauss-Fakten, Vergleiche, Rückschlüsse (Berlin, 1988) ISBN 3-7952-0549-2

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN46833777 · LCCN: (ENn82101528 · ISNI: (EN0000 0001 0857 2079 · GND: (DE11871578X · BNF: (FRcb12341368g (data)