Claude Jade

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Claude Jade nel 1994

Claude Jade, pseudonimo di Claude Marcelle Jorré (Digione, 8 ottobre 1948Boulogne-Billancourt, 1º dicembre 2006), è stata un'attrice francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata in una famiglia borghese (i genitori erano professori universitari), dimostra fin da piccola una grande passione per la recitazione, che la porta a frequentare il Conservatoire d'art dramatique della città natale. Successivamente viene insignita nel 1966 del premio "Prix de Comédie", grazie alla sua interpretazione di Ondine di Jean Giraudoux. Trasferitasi a Parigi, nell'ottobre 1966 diviene allieva di Jean-Laurent Cochet. Muove i primi passi in televisione nel 1967, partecipando, tra le altre cose, al serial televisivo Les oiseaux rares.

François Truffaut e Claude Jade alla premiere del loro terzo film comune, L'amore fugge, 1979

Al Théâtre Moderne interpreta il ruolo di Frida in Enrico IV di Pirandello. In sala è presente François Truffaut, che due mesi dopo le propone il ruolo di Cristine Darbon in Baci rubati. Il film, in cui recita con Jean-Pierre Léaud, la rende celebre. Del regista, che la definì "la fidanzatina del cinema francese", Claude Jade, protagonista di tre capitoli della serie Antoine Doinel (Baci rubati, Non drammatizziamo... è solo questione di corna e L'amore fugge), ha rivelato anche aspetti della personalità più intimi: "François aveva una grande delicatezza e sensibilità nel fare la corte. Si innamorò di me che avevo appena 19 anni. È stato il primo amore della mia vita e, anche quando ci separammo, continuò a volermi proteggere come un padre pigmalione, mi aiutava, mi dava consigli anche quando volevo sposarmi: tu sei la mia terza figlia diceva".[1]

In seguito Claude Jade girò con Alfred Hitchcock in Topaz, iniziando così una carriera internazionale che la portò in Giappone e in Unione Sovietica. In Italia interpretò tre film – Number One, La ragazza di via Condotti e Una spirale di nebbia – e una serie televisiva, Voglia di volare, con Gianni Morandi. In televisione Claude Jade è stata protagonista dello sceneggiato L'isola delle trenta bare, che narra il viaggio intriso di mistero di Véronique d'Hergemont. Dal 1998 al 2000 è stata l'eroina della serie Cap des Pins (Venti del nord).

Claude Jade ha recitato molto a teatro. È stata tra le altre Helena in La guerra di Troia non si farà, Junia in Britannico, Berthe in Esuli di James Joyce..., suo ultimo ruolo è stato nel 2006 il Célimène in Célimène e il cardinale.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1998 è stata nominata Cavaliere della Legion d'Onore. Nel 2000 ha ottenuto il premio New Wave Award a West Palm Beach.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Jean-Pierre Léaud e Claude Jade in Baci rubati.
Claude Jade, Michel Subor e Dany Robin in Topaz.
Claude Jade in Domicile conjugal.

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ François Truffaut trovò così affascinante Claude Jade da volerla sposare. Quando Truffaut cita Claude Jade, il modo è significativo: «Potrebbe essere una figlia naturale di Grace Kelly».

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN5117911 · ISNI (EN0000 0000 5933 8373 · LCCN (ENno2001040041 · GND (DE133093921 · BNF (FRcb13895546q (data)