Cimitero civile (Madrid)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cimitero civile di Madrid
Servicios Funerarios de Madrid amplía su programa cultural con visitas nocturnas teatralizadas al Cementerio Civil 03.jpg
TipoCimitero civile
Confessione religiosaNessuna
Stato attualein uso
Ubicazione
StatoSpagna Spagna
CittàMadrid
Costruzione
Data apertura9 settembre 1884
Mappa di localizzazione
Coordinate: 40°25′16.94″N 3°38′09.19″W / 40.421372°N 3.635885°W40.421372; -3.635885

Il cimitero civile di Madrid fa parte della necropoli orientale della capitale spagnola, insieme al cimitero dell'Almudena (da cui è separato dall'antica strada Vicálvaro, poi Avenida di Daroca) e al cimitero ebraico. È stato inaugurato nel 1884. Qui riposano i resti di tre dei quattro presidenti della Prima Repubblica, di diversi leader socialisti e comunisti, di liberi pensatori, intellettuali, artisti e vari membri della Institución Libre de Enseñanza. Nel 2021 si è distinto per essere stato inserito nell'elenco dei cimiteri singolari della comunità di Madrid.[1]

La storia[modifica | modifica wikitesto]

José Abascal, in gioventù responsabile di un laboratorio familiare di scalpellini a Pontones (Cantabria) e poi sindaco di Madrid tra il 1881-83 e il 1885-89, è generalmente considerato uno dei principali promotori della necropoli di Madrid est, approvata il 31 ottobre 1879, ma la cui costruzione fu completata solo nel 1925. Inaugurato nel 1884 come "Cimitero delle Epidemie", a seguito di una mortale epidemia di colera, ha gradualmente assorbito il resto dei cimiteri della capitale spagnola. Così, a partire dal settembre del 1884, sette degli undici cimiteri esistenti a Madrid furono chiusi, lasciando solo quelli di San Isidro, San Justo, Santa María e San Lorenzo.

Un'ordinanza reale del 12 maggio 1849 approvò il regolamento del nuovo cimitero orientale della capitale spagnola. Il recinto, di struttura triangolare e separato dalla nuova necropoli dalla strada Vicálvaro, fu inaugurato alla presenza del re Alfonso XIII, del governatore civile e del sindaco di Madrid di allora. Lo stesso giorno è stata sepolta Maravilla Leal González, morta a vent'anni per un presunto suicidio. Fin dalla sua creazione ha ospitato tombe, pantheon e mausolei dedicati a liberi pensatori, atei, sindacalisti, religiosi eterodossi della Chiesa riformata spagnola, protestanti, massoni e persino ebrei, nonostante l'esistenza di un recinto separato.

Nel 1894 fu eretto per sottoscrizione popolare il mausoleo del giornalista Ramón Chíes e del suo collega Fernando Lozano Montes "Demófilo" e nel 1901 quello del politico Francisco Pi y Margall. Anche le spoglie di Estanislao Figueras (presidente della Prima Repubblica spagnola, morto nel 1882, per il quale fu eretto un mausoleo nel 1892 per sottoscrizione popolare) furono gradualmente trasferite nel cimitero civile; quelle di Nicolás Salmerón (nel pantheon eretto nel 1915); quelle del filosofo Julián Sanz del Río, morto nel 1869, insieme a quelle dello storico Fernando de Castro y Pajares, morto nel 1874, trasferite il 18 giugno 1905 dal cimitero civile di Puerta de Toledo; o quelle di Julián Besteiro (sepolto a Carmona nel 1940 e portato a Madrid nel 1960).[2] Nel cimitero si trovano diverse opere scultoree di Emiliano Barral, tanto che è stato descritto come un "museo a cielo aperto" di questo artista.

Personalità[modifica | modifica wikitesto]

Disposizioni legali[modifica | modifica wikitesto]

In origine, la sepoltura nel cimitero civile era una dichiarazione di volontà finale da parte della persona sepolta e della sua famiglia, ed era considerata dai settori conservatori e religiosi cattolici della società spagnola come un insulto o una sfida.

La creazione dei cimiteri civili in Spagna iniziò con l'Ordine Reale del 2 aprile 1883, che stabiliva che, nei comuni a capo del distretto giudiziario e in quelli con più di seicento abitanti, accanto al cimitero cattolico doveva essere allestito un altro cimitero con un ingresso separato per i defunti non cattolici. Seguendo questa linea guida, il cimitero civile di Madrid sarebbe stato utilizzato per seppellire e conservare la memoria di liberali, rinnovatori, anticonformisti e persone contrarie al rito cattolico (sia in termini di ideologia che di confessione), e di altri settori della vita e del pensiero spagnolo (oltre a massoni e protestanti).

La Costituzione spagnola del 1978 ha eliminato l'esclusività delle sepolture per i cattolici nei cimiteri di proprietà pubblica. Da quel momento in poi, chiunque poteva essere sepolto nei cimiteri comunali (per tutti i cittadini, non solo per i cattolici), indipendentemente dalla propria confessione religiosa. Ciò ha comportato un cambiamento nello status funzionale del cimitero civile, che è diventato uno spazio storico.

Localizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Si trova nel quartiere Ventas del distretto Ciudad Lineal.

Come raggiungere il cimitero con i trasporti pubblici[modifica | modifica wikitesto]

Le seguenti linee di trasporto hanno percorsi che passano vicino al cimitero civile:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) CEMENTERIOS SINGULARES DE LA COMUNIDAD DE MADRID, su turismomadrid.es.
  2. ^ (ES) Cementerio civil de la Necrópolis del Este, su filosofia.org.
  3. ^ (ES) Alfredo Flórez, su hemerotecadigital.bne.es.
  4. ^ (ES) Cementerio Civil, su madrid.es.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàBNE (ESXX5118928 (data)