Charlie McCoy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Charlie McCoy
Charlie McCoy03.JPG
Charlie McCoy (1990)
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereCountry
Periodo di attività musicale1961 – in attività
Strumentoarmonica a bocca, chitarra

Charlie McCoy (Oak Hill, 28 marzo 1941) è un armonicista statunitense, interprete soprattutto di musica country.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Imparò a suonare l'armonica a bocca e la chitarra all'età di otto anni, e dopo qualche anno anche la chitarra basso e la tromba. La sua prima registrazione come suonatore di armonica è del 1961, col brano I Just Don't Understand di Ann-Margret, per la RCA. In seguito fu scritturato dalla Monument Records e la sua reputazione crebbe notevolmente. Il singolo Candy Man, di Roy Orbison, vendette oltre un milione di copie negli Stati Uniti.

Il suo primo album, The World, uscì nel 1967, e nel 1972 Good Time Charlie raggiunse la prima posizione nella classifica americana della musica country, e The Fastest Harp in the South la seconda posizione. Nel 1973 l'album The Real McCoy ricevette un Grammy Award per il miglior album strumentale di musica country[1].

In seguito a questi successi molti artisti famosi lo vollero come armonicista , tra cui Elvis Presley, Perry Como, Joan Baez, Johnny Cash, Paul Simon, Ringo Starr e Cliff Richard. Suonò la chitarra nella famosa canzone Desolation Row, in Highway 61 ed in Blonde on Blonde di Bob Dylan.

Charlie McCoy ha fatto molte tournée, oltre che negli Stati Uniti, in Europa e in Giappone, e ha registrato numerosi album per case discografiche danesi, francesi e tedesche.

In maggio 2009 è stato ammesso nella Country Music Hall of Fame.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Nota: l'elenco può essere incompleto.

  • The Real McCoy (versione 1968), 1968
  • The World of Charlie McCoy, 1967
  • The Real McCoy, 1972
  • Charlie McCoy, 1972
  • Good Time Charlie, 1973
  • The Fastest Harp in the South, 1973
  • The Nashville Hit Man, 1974
  • Charlie McCoy Christmas, 1974
  • Charlie My Boy, 1975
  • Harpin' The Blues, 1975
  • Play It Again Charlie, 1976
  • Country Cookin' , 1977
  • Charlie McCoy's Greatest Hits, 1978
  • Appalachian Fever, 1979
  • One For the Road, 1986
  • Harmonica Jones, 1987
  • Another Side of Charlie McCoy, 1988
  • Charlie McCoy's 13th, 1988
  • Candle Light, Wine & Charlie, 1989
  • Beam Me Up Charlie, 1989
  • International Incident, 1990
  • Out On A Limb, 1991
  • Live in Paris, 1992
  • International Airport, 1992
  • American Roots, 1995
  • Precious Memories, 1998
  • La Légende Country, 1998/2011
  • Classic Country: Charlie McCoy, 2003
  • Live in Brno 2004, 2004
  • Charlie McCoy (1928-1932), 2005
  • A Celtic Bridge: from Nashville to Dublin, 2007
  • Over The Rainbow, 2009
  • Classic Country Hymns, 2009
  • Choo Choo Ch'Boogie, 2010
  • Charlies Christmas Angels, 2010
  • Lonesome Whistle: A Tribute to Hank Williams, 2011
  • Smooth Sailing, 2013
  • Celtic Dreams, 2015

Partecipazioni[modifica | modifica wikitesto]

Alcune partecipazioni come strumentista:

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Grammy Award: 1973 per l'album "The Real McCoy".
  • Country Music Association Awards: "Instrumentalist of the Year" nel 1972 e 1973.
  • Academy of Country Music: "Instrumentalist of the Year" nel 1977, 1978, 1979, 1980, 1981, 1983, 1988 e 1989.
  • Ammesso nella Country Music Hall of Fame in maggio 2009.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nick Logan e Bob Woffinden, 1977, pg.107

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Nick Logan e Bob Woffinden, Enciclopedia del rock, Milano, Fratelli Fabbri Editore, 1977.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN27145971492032332094 · ISNI (EN0000 0001 1467 1460 · BNF (FRcb13932112h (data)
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica