Caspe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Caspe
comune
Caspe – Stemma Caspe – Bandiera
Caspe – Veduta
Localizzazione
Stato Spagna Spagna
Comunità autonoma Flag of Aragon.svg Aragona
Provincia Flag of Zaragoza province (with coat of arms).svg Saragozza
Territorio
Coordinate 41°14′N 0°02′W / 41.233333°N 0.033333°W41.233333; -0.033333 (Caspe)Coordinate: 41°14′N 0°02′W / 41.233333°N 0.033333°W41.233333; -0.033333 (Caspe)
Altitudine 150 m s.l.m.
Superficie 503,33 km²
Abitanti 9 728 (2009)
Densità 19,33 ab./km²
Comuni confinanti Alcañiz (TE), Bujaraloz, Chiprana, Escatrón, Fabara, Fraga (HU), Maella, Mequinenza, Peñalba (HU), Samper de Calanda (TE), Sástago
Altre informazioni
Cod. postale 50700
Prefisso (+34) 976
Fuso orario UTC+1
Codice INE 50074
Targa Z
Nome abitanti caspolino, na
Comarca Bajo Aragón-Caspe
Cartografia
Mappa di localizzazione: Spagna
Caspe
Caspe
Sito istituzionale

Caspe è un comune spagnolo di 9.728 abitanti situato nella comunità autonoma di Aragona; è il capoluogo della comarca del Bajo Aragón-Caspe.

Secondo la leggenda sarebbe stata fondata da Tuval (figlio di Jafet e nipote di Noè), nella spedizione che fece risalendo le acque dell'Ebro fino a Logroño

È situata a 100 km a Sud Est di Saragozza, nella omonima provincia, sulle rive del fiume Guadalope (che non ha acqua in questo tratto essendo stato deviato dopo la costruzione della diga di Mequinenza), a pochi kilometri dal fiume Ebro, e sulla cui riva destra è stato costruito un nuovo quartiere chiamato El Dique il quale è parte integrante di Caspe.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Di probabile origine musulmana, Caspe fu conquistata dai cristiani nel 1169.

Tredici anni più tardi (1182) il re Alfonso II d'Aragona consegnò la fortezza ai Cavalieri Ospitalieri.

Nel 1412 si svolse nella cittadina la celebre riunione fra i magnati della Corona d'Aragona (conosciuta come il Compromesso di Caspe) nella quale fu nominato re Fernando di Antequera della famiglia castigliana dei Trastámara che avrebbe acquisito il nome di Ferdinando I d'Aragona.

Nel secolo XX, durante la Guerra Civile Spagnola, fu sede del "Consiglio di Aragona", organo di governo dell'Aragona Republicana. A Caspe venne altresì redatto lo Statuto d'Autonomia di Aragona nel 1936, che non arrivò mai ad essere ratificato dalle Cortes (Parlamento spagnolo) dato l'esito della guerra civile in favore di Francisco Franco ed il conseguente instaurarsi di una dittatura fortemente centralista.

È originario di Caspe Sant'Indalezio.

Politica[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente è sede del Parlamento d'Aragona (Cortes de Aragòn). Sindaco della città è María Teresa Francín Piquer (PSOE).

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L'economia della città, prima del recente sviluppo, si basava su agricultura e industria tessile. Attualmente, l'agricultura, le attività agricole, l'allevamento ed il settore dei servizi formano il tessuto economico della città. Caspe dispone di 4 poligoni industriali: "El Castillo", "El Portal", "Cabezo Mancebo" e "Los Arcos".

Si svolgono inoltre diverse fiere annuali: EXPOCASPE, NAUPESCA ed il Salone Aragonese di Numismatica, Filatelia e Collezionismo.

Uno dei prodotti tipici della zona è il pomodoro secco.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica
1900 1910 1920 1930 1940 1950 1960 1970 1981 1991 2001 2006
7.808 8.893 9.259 9.992 9.844 10.128 9.603 9.162 8.339 8.029 7.896 8.486

Negli ultimi anni c'è stato un aumento considerevole della popolazione immigrata.

Patrimonio artistico e culturale[modifica | modifica wikitesto]

Collegiata di Santa María la Mayor del Pilar (secoli dal XII al XVIII)

Caspe può contare su un importante patrimonio storico-artistico: Castello del Compromesso -in restauro-, Collegiata di Santa Maria la Mayor, Mausoleo Romano di Miralpeix, Eremo della Maddalena, Convento dei Padri Francescani, Torre di Salamanca. Alcune di queste costruzioni si trovano però in un non ottimale stato di conservazione motivo da cui discende la conseguente difficoltà ad attrarre turismo.

Nel nuovo quartiere di El Dique, costruito quale ampliamento di Caspe sulla riva destra dell'Ebro, è stato recentemente costruito un Museo della Pesca oltre ad un Porto Sportivo.

Nella cittadina si trova inoltre un centro studi chiamato "Historia de la Autonomía de Aragón" (Storia dell'autonomia d'Aragona) in cui si divulgano le condizioni che hanno permesso all'Aragona di disporre di uno Statuto d'autonomia.

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Gli eventi più importanti nella Città del Compromesso sono:

- Settimana Santa

- Commemorazione del Compromesso di Caspe (giugno)

- Feste Patronali (agosto)

- Fiera Regionale (vari giorni in coincidenza del 1º novembre)

Comunicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Caspe fu un importante nodo di comunicazioni, oggi venuto meno, soprattutto a causa dello stato in cui versano le sue strade per responsabilità delle istituzioni pubbliche. Inoltre la rete ferroviaria spagnola, RENFE, sta gradualmente tagliando convogli che passano a Caspe ed ora quasi tutto il traffico ferroviario è mercantile, in molti casi vengono trasportati materiali pericolosi.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN138365657 · GND: (DE4085167-9 · BNF: (FRcb155005708 (data)
Spagna Portale Spagna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Spagna