Casa Borujerdi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Casa Borujerdi
House of Tabatabai, Kashan.jpg
La facciata principale del cortile interno
Ubicazione
Stato Iran Iran
Regione Kashan
Località Kashan
Coordinate 33°58′37″N 51°27′08″E / 33.976944°N 51.452222°E33.976944; 51.452222Coordinate: 33°58′37″N 51°27′08″E / 33.976944°N 51.452222°E33.976944; 51.452222
Informazioni
Condizioni Casa museo
Costruzione 1857
Uso residenza privata
Realizzazione
Architetto Ustad Ali Maryam
Proprietario storico Sayyed Jafar Natanzi

La Casa Borujerdi (Persiano: خانهٔ بروجردی‌ها Khāneh-ye Borujerdihā) è una residenza storica di Kashan, Iran.

L'edificio[modifica | modifica wikitesto]

Vista verso sud della cupola principale del talus

La casa fu costruita nel 1857 dall'architetto Ustad Ali Maryam per la moglie di Sayyed Jafar Natanzi, un ricco mercante di tappeti. La moglie proveniva dalla famiglia benestante Tabatabaei (proprietari della casa Tabatabaei); quando si innamorò di lei, Sayyed le fece costruire questa casa per assolvere le condizioni imposte dal padre, il quale voleva che la figlia vivesse in una dimora degna di quella da cui proveniva.

L'edificio si compone di un bel cortile rettangolare e di tre torri del vento, alte 40 metri, che svolgono un'efficace funzione di raffreddamento.

Le decorazioni murali furono eseguite dal pittore reale Sani ol Molk.

La casa dispone di 3 ingressi, e ha tutte le caratteristiche classiche dell'architettura residenziale tradizionale persiana, come la corte biruni (cortile esterno) e il giardino daruni (andarun) (cortile interno). Nel cortile è presente una vasca con fontana alla cui estremità di apre un iwan con sala di ricevimenti decorata con elementi a muqarna, specchi e vetrate.

Per costruire la residenza furono necessari 18 anni, durante i quali lavorarono 150 artigiani.

L'edificio ospita oggi il Kashani Culture & Heritage Office.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]