Camera oscura (sviluppo fotografico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Camera oscura portatile ottocentesca
Moderna camera oscura per sviluppo e stampa in bianco e nero

La camera oscura per sviluppo fotografico è una stanza, oscurata o illuminata da una luce di sicurezza che emette luce inattinica rossa (per tutti i materiali ortocromatici, insensibili alla luce rossa) o giallo-verde, valida per alcuni tipi di materiali sensibili, generalmente carte fotografiche appositamente prodotte per favorire una valutazione della stampa in fase di sviluppo della stessa, normalmente destinata ai processi di sviluppo del negativo e di stampa fotografica. A causa dei materiali pancromatici utilizzati lo sviluppo delle pellicole o delle lastre deve essere fatto nel buio totale (fanno eccezione i materiali negativi ortocromatici, che possono quindi essere sviluppati in luce di sicurezza rossa). Una fase essenziale che precede lo sviluppo è quella dell'esposizione della carta fotografica, che viene effettuata generalmente tramite un ingranditore che proietta luce attinica, all'interno del quale viene posto normalmente il negativo fotografico di cui si voglia eseguire l'ingrandimento. Le fasi dello sviluppo delle stampe fotografiche sono normalmente analoghe a quelle dello sviluppo del negativo: sviluppo (tramite agenti di riduzione degli alogenuri di argento), arresto (tramite agenti chimici con pH acido), fissaggio (tramite agenti chimici che eliminano gli alogenuri d'argento non esposti durante il processo di esposizione).

Attrezzatura[modifica | modifica wikitesto]

L'attrezzatura per una camera oscura comprende generalmente:

Per lo sviluppo
  • tank a tenuta di luce per lo sviluppo e fissaggio dei negativi
  • timer, per regolare i secondi e minuti di bagno della pellicola
  • termometro, per tenere a temperatura i bagni chimici durante lo sviluppo della pellicola
  • forbici speciali per il taglio dei negativi
  • apposite mollette per appendere i negativi ad asciugare
  • bottiglie per la conservazione dei bagni di sviluppo, arresto e fissaggio
  • misurini graduati
  • prodotti chimici
Per la stampa
  • ingranditore
  • focometro (strumento che agevola la messa a fuoco dell'immagine proiettata sulla stampa)
  • marginatore (strumento per tener ferma la carta e mascherarne i margini così da mantenerli bianchi)
  • torchietto detto provinatore per stampe per contatto, oppure uno spesso vetro per comprimere le pellicole sulla carta
  • esposimetro dedicato per il tempo di esposizione della carta sensibile (in alternativa è necessario eseguire delle prove con pezzetti di carta sensibile)
  • carta fotografica
  • vaschette per il trattamento delle carte in bianco e nero
  • pinze per manipolare la carta
  • tamburo per le stampe a colori
  • bottiglie per la conservazione dei bagni di sviluppo, arresto e fissaggio
  • misurini graduati
  • prodotti chimici

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]