The Byrds

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Byrds)
Jump to navigation Jump to search
The Byrds
The Byrds in 1972.jpg
Paese d'origineStati Uniti Stati Uniti
GenereFolk rock[1]
Country rock[2]
Rock psichedelico[3][4]
Periodo di attività musicale1964 – 1972
Studio12
Live3
Sito ufficiale

The Byrds fu un gruppo musicale statunitense attivo dal 1964 al 1973 nei primi anni sessanta. Raggiunsero presto una certa notorietà grazie soprattutto alla cover di un brano di Bob Dylan, Mr Tambourine Man, che contribuì in maniera significativa alla nascita e alla divulgazione del folk rock.[1] Caratteristica fondamentale del loro sound fu il pionieristico utilizzo della chitarra Rickenbacker a 12 corde, denominato jingle-jangle.[5] La band abbracciò poi anche altri generi musicali come il rock psichedelico e il country rock, arrivando a coniare nuovi stili come il raga rock (il rock influenzato dalle armonie indiane) o lo space rock.[2] I membri del gruppo nel corso degli anni hanno poi raggiunto anche successo come solisti o in altre band.[6] Nel 1991 sono stati introdotti nella Rock and Roll Hall of Fame.[7] La rivista Rolling Stone li ha classificati al 55º posto tra i cento migliori artisti rock di sempre.[8]

Storia del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo nacque originariamente come trio con il nome di "Jet Set" , fondato da Jim McGuinn – che nel 1966 adottò il nome di Roger McGuinn (chitarra Rickenbacker a 12 corde e voce) - dal cantante e chitarrista David Crosby, e dal cantante polistrumentista Gene Clark (autore di molti brani, voce, chitarra, tamburello e percussioni); successivamente venne cambiato il nome e si aggiunsero altri due membri: Chris Hillman (basso, chitarra, mandolino) e Michael Clarke (batteria, percussioni).

Mossero i primi passi suonando in piccoli locali della costa occidentale degli Stati Uniti raggiungendo presto una certa notorietà; le loro prime incisioni, poco più che nastri demo, avvennero nel 1964 negli World Pacific Studios e molto del materiale registrato durante quelle session verrà pubblicato solo nel 1969 nell'album.

Il successo con Mr. Tambourine Man e Turn! Turn! Turn![modifica | modifica wikitesto]

Dopo lo sfolgorante successo ottenuto nel 1965 con il disco singolo Mr. Tambourine Man (versione in chiave rock di una canzone di Bob Dylan, per la quale vennero utilizzati dei session men), e contenuta nell'omonimo album Mr. Tambourine Man, venne pubblicato nel 1966 il secondi album, Turn! Turn! Turn!, la cui title track Turn! Turn! Turn! era una cover di un brano di Pete Seeger.

Dopo Mr. Tambourine Man, realizzarono altre cover di brani di Dylan come All I Really Want To Do, Chimes of Freedom, My Back Pages.

Durante la lavorazione del terzo album, Fifth Dimension, Gene Clark, fino a quel momento il compositore più prolifico del gruppo, decide di lasciare il gruppo per intraprendere la carriera solista.

Il "raga rock" e la musica psichedelica[modifica | modifica wikitesto]

David Crosby nel 1976.

Per loro furono coniate varie etichette: ad esempio, quella di ideatori del raga-rock, il "rock orientaleggiante", il cui suono era prodotto specialmente dalla chitarra modello Rickenbacker a dodici corde elettrificata suonata come fosse un sitar dal leader del gruppo Roger McGuinn.[9]. Sull'onda delle esperienze psichedeliche seguirono altri album: Fifth Dimension, Younger Than Yesterday e The Notorious Byrd Brothers[10].

Il country-rock[modifica | modifica wikitesto]

Sono stati tra i fondatori del country-rock, soprattutto con l'album Sweetheart of the Rodeo (con l'apporto di Gram Parsons entrato in formazione solo per quest'album) e i due successivi Dr. Byrds & Mr. Hyde e Ballad of Easy Rider, ispirato alle vicende del film Easy Rider di Dennis Hopper. Uno dei loro maggiori successi in questa chiave è la ballad The Bells of Rhymney scritta da Pete Seeger.

Clarence White e Roger McGuinn nel 1972.

Lo smembramento del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Supergruppi & Derivati

Questi i gruppi derivati dall'originale formazione dei Byrds. Talvolta si tratta di semplici duo o trio. La data si riferisce alla pubblicazione del primo disco[11]:

  • The Flying Burrito Brothers, 1968 (Gram Parsons, Chris Hillman, Chris Ethridge, Pete Kleinow, Jon Corneal, Eddie Hoh, Sam Goldstein e Popeye Philips)
  • Dillard & Clark, 1968 (Doug Dillard e Gene Clark)
  • Crosby, Stills, Nash & Young, 1969 (David Crosby, Stephen Stills, Graham Nash e Neil Young)
  • Manassas, 1972 (Stephen Stills, Chris Hillman, Paul Harris, Joe Lala, Dallas Taylor, Al Perkins e Fuzzy Samuels)
  • Souther, Hillman & Furay Band, 1974 (John David Souther, Chris Hillman, Richie Furay, Paul Harris, Al Perkins, Jim Gordon e Joe Lala)
  • Firefall, 1976 (Rick Roberts, Michael Clarke, Mark Andes, Larry Burnett, David Muse e Jock Bartley)
  • McGuinn & Thunderbyrd, 1976 (Roger McGuinn, James Q. Smith, Bruce Barlow, Lance Dickerson; poi, Rick Vito, Greg Thomas)
  • McGuinn, Clark & Hillman, 1977 (Roger McGuinn, Gene Clark e Chris Hillman)
  • Ever Call Ready, 1984 (Chris Hillman, Bernie Leadon, Al Perkins, David Mansfield e Jerry Scheff)
  • CRY, 1985 (Gene Clark, Patrick Gerald Robinson, John York)
  • The Desert Rose Band, 1987 (Chris Hillman, Herb Pedersen, Jay Dee Maness, John Jorgenson, Bill Bryson e Steve Duncan)
  • Gene Clark & Carla Olson, 1987
  • Chris Hillman & Herb Pedersen, 1996
  • CPR, 1998 (David Crosby, James Raymond e Jeff Pevar)
  • Rice, Rice, Hillman & Pedersen, 1999 (Chris Hillman, Herb Pedersen, Larry Rice e Tony Rice)

Successivamente sono subentrati nella formazione altri membri: Gram Parsons (voce, chitarra e tastiere), Clarence White (chitarra solista), Gene Parsons (voce, batteria e banjo, e nessuna parentela con Gram), Skip Battin (voce e basso).

Dissapori e incomprensioni – specialmente tra Roger McGuinn e David Crosby – e la presunta paura di volare da parte di Gene Clark hanno fatto sì che i Byrds si smembrassero ben presto in più organici musicali, dando vita a gruppi differenti rispetto a quello iniziale (come ad esempio Flying Burrito Brothers, Crosby, Stills, Nash & Young e Dillard & Clark, duo nato dopo lo scioglimento della Doug Dillard Band, e Manassas di Stephen Stills).

Dopo essere rimasto per qualche tempo nelle mani di Roger McGuinn, il nome Byrds è infine passato, dopo una lunga vertenza giudiziaria, nelle mani di Michael Clarke, uno dei co-fondatori, e infine al trio McGuinn, Crosby & Hillman.

There is a Season e gli anni successivi[modifica | modifica wikitesto]

Nell'autunno del 2006 l'etichetta discografica Columbia Records ha pubblicato per la serie Legacy un album composto da quattro CD ed un DVD, There is a Season (frase che compare in un verso della loro canzone Turn! Turn! Turn!), che racchiude l'intera loro storia musicale, dagli esordi nei primi anni sessanta come Jet Set e poi come Beefeaters e fino alle reunion degli anni ottanta, spesso avvenute tuttavia con formazioni rimaneggiate rispetto all'organico originale.

I brani inclusi nei CD sono novantanove e comprendono cinque inediti da esibizioni in concerto.

Nella primavera del 2008 in casa di Roger McGuinn venne ritrovata la registrazione del concerto che i Byrds tennero nel 1971 alla Royal Albert Hall di Londra. Sul palco, in quella circostanza, suonavano oltre a McGuinn i chitarristi Clarence White, Skip Battin e il batterista Gene Parsons. I nastri, riposti in uno scatolone e quindi dimenticati per anni, sono stati affidati da McGuinn a Bob Irwin dell'etichetta Sundazed che li pubblicò in formato CD nel giugno dello stesso anno dopo averli rimasterizzati[12].

Stile musicale[modifica | modifica wikitesto]

Sotto il profilo tecnico, i Byrds si richiamano alla tradizione americana dei “gruppi vocali” degli anni quaranta, tradizione rivisitata attraverso il richiamo alle strutture armoniche dei californiani Beach Boys[5] e all'ingegnosità melodica dei Beatles, gruppo quest'ultimo che a metà degli anni sessanta era la punta di diamante del fenomeno della British invasion.[2] In questa operazione furono aiutati dalle esperienze musicali di David Crosby e Gene Clark, precedentemente protagonisti della scena acustica folk pop.[6]

Le influenze che ne determinarono lo stile provengono anche dall'assunzione in chiave rock di Bob Dylan, ed è proprio una cover del cantautore, Mr Tambourine Man, a segnare la nascita del folk rock,[2] genere musicale che fu il tratto distintivo costante della formazione. Ma i Byrds seppero essere eclettici spaziando di volta in volta fra gli stili più vari: ripresero il bluegrass, il folk e il country tradizionali eseguendoli con l'ausilio di chitarre elettriche; recuperarono da Pete Seeger Turn! Turn! Turn! portando il motivo al trionfo; esplorarono in The Notorious Byrd Brothers una miscela di folk e sperimentazione elettronica, furono precursori dell'acid rock e con il brano Eight Miles High del rock psichedelico,[6] nel brano Mind Gardens si misurarono con il raga rock, percorsero impasti jazz e sonorità caraibiche in So You Want to Be a Rock 'n' Roll Star; e il loro Sweetheart of the Rodeo è considerato l'atto di nascita del genere country rock.[2] In questa ricerca molto ha giocato il ruolo di Roger McGuinn, chitarrista che con il suo strumento a dodici corde ha saputo muoversi con versatilità fra pop e folk, fra jazz e country fino all'acid rock.[5]

Formazioni[modifica | modifica wikitesto]

Le diverse formazioni dei Byrds
(1964-1966)
(1966-1967)
(1967)
(1967-1968)
(1968)
(1968)
(1968)
(1968-1969)
(1969-1972)
(1972-1973)
(1973)

Cover e Tribute band[modifica | modifica wikitesto]

Logo dei ByrdBrains Particolare della batteria Particolare della chitarra Rickenbaker suonata da Iain McLennon
Uno dei gruppi tribute dei Byrds è quello degli ByrdBrain, formatisi a Portland, nell'Oregon. Il fondatore, Iain McLennon, suona una Rickenbacker a dodici corde 370RM griffata da McGuinn nel 1985 (per l'esattezza si tratta della novantottesima sulle mille prodotte di questo tipo di chitarra).

(da sinistra: il logo dei ByrdBrains che richiama da vicino quello degli originali Byrds; particolare della batteria con stampigliato il logo della band; particolare dell'esclusivo modello di chitarra Rickenbacker suonata da Iain McLennon, leader del gruppo)

I Byrds – che nel 1965 ottennero il loro contratto con la Columbia Records grazie alla raccomandazione del musicista jazz Miles Davis[13], allora una delle stelle della casa discografica – al pari di altri gruppi pop, hanno collezionato un discreto numero di cover band e tribute band, specialmente negli Stati Uniti come ad esempio gli The Wheezetones, gruppo di Lincoln, Nebraska, specializzato in medley di standard americani e particolarmente abile nel ricostruire le sonorità e le vocalità del repertorio del gruppo originario. Questo è stato possibile essenzialmente grazie all'uso di una strumentazione analoga, inclusa la fondamentale chitarra elettrica a dodici corde, usata dal gruppo originario[14].

Altro esempio i ByrdBrains, complesso di Portland capace di riprodurre fedelmente – tanto nell'impasto sonoro delle chitarre Rickenbacker e Stratocaster quanto nel comparto vocale (con particolare riferimento al controcanto in falsetto) - le atmosfere tipiche del gruppo californiano, specialmente riguardo alla produzione discografica degli esordi.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Discografia dei The Byrds.

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Live[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) The Byrds - Bio, su rollingstone.com, Rolling Stone. URL consultato il 13 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 15 novembre 2016).
  2. ^ a b c d e Piero Scaruffi, Byrds, su scaruffi.com, The History of Rock Music. URL consultato il 13 settembre 2016.
  3. ^ https://www.theguardian.com/music/2014/sep/16/how-we-made-eight-miles-high-the-byrds
  4. ^ Copia archiviata, su rollingstone.com. URL consultato il 4 maggio 2019 (archiviato dall'url originale l'11 marzo 2018).
  5. ^ a b c Tommaso Franci, Byrds, su ondarock.it, Ondarock. URL consultato il 13 settembre 2016.
  6. ^ a b c (EN) Richie Unterberger, The Byrds - Artist Biography, su allmusic.com, Allmusic. URL consultato il 13 settembre 2016.
  7. ^ The Byrds: inducted in 1991 - The Rock and Roll Hall Of Fame and Museum, su rockhall.com.
  8. ^ Rolling Stone: The Immortals - the first fifty
  9. ^ McGuinn era così appassionato al suono del suo strumento – del quale era profondo conoscitore – che convinse la casa produttrice di questo tipo di chitarra a introdurre modifiche tecniche migliorative. La cosa fu talmente apprezzata che venne successivamente prodotta una serie limitata di Rickenbacker firmate col suo nome.
  10. ^ Gianluca Veltri, Gli sciamani elettrici nel giardino della mente, in Nazione Indiana, http://www.nazioneindiana.com/2007/12/03/gli-sciamani-elettrici-nel-giardino-della-mente/
  11. ^ Dettaglio
  12. ^ Fonte: Rockol.it
  13. ^ Fonte: Classicbands.com.
  14. ^ Video degli Wheezetones

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Johnny Rogan, Byrds: Requiem for the Timeless, Volume 1, Rogan House, 2011, ISBN 0-9529540-8-7.
  • Christopher Hjort, So You Want To Be A Rock 'n' Roll Star: The Byrds Day-By-Day (1965–1973), Jawbone Press, 2008, ISBN 1-906002-15-0.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN154709005 · ISNI (EN0000 0001 1523 6911 · LCCN (ENn85072686 · GND (DE5206083-4 · BNF (FRcb13902210g (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n85072686
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock