Burisma Holdings

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Burisma Group è un'azienda produttrice del petrolio e del gas, operante sul mercato ucraino dal 2002. La sede centrale si trova a Limassol, Cipro.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Burisma Group è stata fondata nel 2002 da businessmen ucraini Mykola Zlochevskyi e Nikolay Lysin. Attualmente è posseduta e controllata da Mykola Zlochevskyi.

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Burisma Group viene costituita da tre business gruppi principali: Burisma Ucraina, Burisma Eurasia e Burisma Geothermal.

Burisma Ucraina[modifica | modifica wikitesto]

La società possiede 20 licenze per la produzione di idrocarburi in tutti i principali bacini ucraini del petrolio e del gas, tra cui ci sono quelli del Dnieper-Donets e dei Carpazi. I campi si trovano nelle immediate vicinanze ai gasdotti importanti e sono completamente ad essi collegati. Il 87% del margine operativo lordo è generato nel bacino del Dnieper-Donets. Il 91% dei volumi di produzione di Burisma Holdings deriva dal bacino di Dnieper-Donets, che contiene il 82% del totale delle riserve di gas naturale in Ucraina. La sua quota del mercato tra i produttori del petrolio e del gas nazionali indipendenti costituisce il 30% .

Burisma Eurasia[modifica | modifica wikitesto]

Burisma Eurasia, operante nel settore del petrolio e del gas in Asia centrale, fornisce una serie di lavori di ingegneria industriale, tra cui la ricerca e l'esplorazione, la perforazione e MWD (misurazioni durante la perforazione), la valutazione di formazioni, la manutenzione dei pozzi e il controllo della produzione, le tecnologie dell'informazione ed i servizi di consulenza[1].

Burisma Eurasia ha avviato le operazioni in Kazakhstan l'anno scorso. Nel 2015, Burisma Eurasia ha firmato una serie di accordi con l'azienda nazionale KazMunayGas, S.p.a. e le sue società affiliate, ed esegue la perforazione e altri contratti per le aziende statali.

Burisma Geothermal[modifica | modifica wikitesto]

Fondata nel 2015, Burisma Geothermal si specializza nello sviluppo di energia geotermica e la produzione di energia elettrica. Burisma Geothermal ha acquisito uno dei più grandi progetti continentali. Burisma ha firmato un accordo di investimento con il gruppo internazionale Gesto Investimento e Gestão (GIG) per investire in tre progetti: Montenero, Mazzolla and Cinigiano[collegamento interrotto]. Burisma progetta di investire 175.000.000 € nei progetti geotermici in Italia (Burisma Geothermal[collegamento interrotto]).

Burisma Geothermal è membro di associazioni geotermiche, tra cui Geothermal Energy Association[2], Bundesverband Geothermie e Rete Geotermica[3].

Consiglio di Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Aleksander Kwasniewski, ex Presidente della Repubblica di Polonia, è stato nominato al Consiglio nel gennaio 2014.

Diversi businessmen stranieri sono stati nominati al consiglio di amministrazione di Burisma nel 2014. Tra i primi è stato Aleksander Kwasniewski, nominato nel gennaio 2014. Tra le altre persone ad essere nominate nel mese di aprile vi erano un politico ucraino Vadym Pozharskyi.

Il 18 aprile 2014, Burisma Holdings ha annunciato la nomina di Hunter Biden al consiglio di amministrazione. Biden ha pubblicato sul sito di Burisma, che secondo lui, Burisma era importante per l'economia dell'Ucraina, e che farebbe "una consulenza dell’azienda in merito a trasparenza, governo e responsabilità d'impresa, l'espansione internazionale e ad altre priorità." È diventato un membro effettivo del consiglio di amministrazione il 12 maggio 2014. Nel febbraio 2016, Joseph Cofer Black, l'ex capo del centro antiterrorismo CIA (1999-2002) e l'Ambasciatore per antiterrorismo presso il Dipartimento dello Stato (2002-2004) si è unito al Consiglio di Amministrazione di Burisma Group. Joseph Cofer Black è un esperto riconosciuto al livello globale nel campo di antiterrorismo internazionale, sicurezza informatica, sicurezza nazionale e relazioni internazionali.

Forum Internazionale sulla Sicurezza Energetica per il Futuro[modifica | modifica wikitesto]

Burisma Group e Sua Altezza Serenissima il Principe Alberto II di Monaco [1] (il principe Alberto II di Monaco Foundation)[2] hanno fondato l'iniziativa internazionale sulla sicurezza energetica, concentrandosi sulla promozione delle fonti di energia alternative in Europa[4]. Il Forum di Monaco si sforza di diventare il più grande ente pubblico di “diplomazia verde” nell'Europa continentale, sostenendo un dialogo chiaro e paritario tra stati, governi, imprese e società civili sulla necessità di una transizione verso i nuovi standard ecologici di attività vitali Energy Security for the Future: New sources, Responsibility, Sustainability. Tenutosi il 2 giugno 2016, presso lo Yacht Club de Monaco, il Forum ha visto la partecipazione di oltre 200 ospiti, tra cui vi erano presenti politici europei, proprietari di grandi compagnie energetiche europee, esperti di energia e giornalisti.

Bisogna che la progettazione della sicurezza energetica venga effettuata in una prospettiva a lungo termine. Dobbiamo prestare maggiore attenzione alle fonti di energia rinnovabili che consentono di ottenere energia a basso costo senza inquinare l'ambiente, "- ha comunicato il Principe Alberto II di Monaco.

Nel corso dell’evento sono intervenuti politici onorevoli europei tra cui: Aleksander Kwasniewski (Presidente della Polonia, 1995-2005), Joschka Fischer (Vice-Cancelliere della Germania, 1998-2005), Andris Piebalgs (Commissario Europeo per l'Energia nel 2004 e nel 2009), TJ Glautier [3] (Vice-Segretario per L'energia 1999-2001, Presidente della TJG Energy Associates), Hunter Biden (Amministratore indipendente di Burisma), Ireneusz Bil [4](Direttore della Fondazione di Aleksander Kwasniewski "Amicus Europae"[5]), Jean-Arnold Vinois [6](rappresentante della Commissione europea per la politica energetica) e altri ospiti illustri.

Energy Security Forum [7] è stato utilizzato come una piattaforma per la presentazione pubblica della versione inglese del libro " Mission Ukraine" scritta dal pubblicista polacco, Maciej Olchawa[5]. Il libro riflette la visione della Comunità europea e la posizione dell'Ucraina in essa. La pubblicazione rivela nuovi dettagli interessanti della missione Cox-Kwasniewski, che ha avuto un ruolo fondamentale durante la Rivoluzione della Dignità in Ucraina. Una particolare attenzione nel libro viene prestata alle questioni dell'integrazione europea, alla posizione dell'Ucraina in Europa e nel mondo e alla nascita di nuovi leader mondiali ed élite politiche.

L'ex presidente della Polonia, Aleksander Kwasniewski, insieme all’autore, ha presentato il libro ed ha promesso di pubblicare anche una versione ucraina di "Mission Ukraine". La presentazione del libro è stato seguito da una sessione di autografi.

"È un'occasione senza precedenti, quando un evento del genere è riuscito a riunire le persone con i vari status sociali attorno all’idea di sicurezza energetica in Europa. Il Forum Internazionale fondato dal Prince Albert II of Monaco Foundation e Burisma Group non è solo un tentativo di riunire le imprese socialmente responsabili e le società civili, ma è anche un'occasione unica che fornisce una piattaforma per discussione di una ampia gamma di idee, che si risulterà in un globale e notevole lavoro a lungo termine su una nuova strategia per la sicurezza energetica in Europa", ha sottolineato Presidente e fondatore di Burisma, Mykola Zlochevskyi.

Note[modifica | modifica wikitesto]