Ucrainagate

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il presidente Donald Trump partecipa a un incontro bilaterale con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky presso l'InterContinental New York Barclay

L'Ucrainagate[1][2] o scandalo Trump-Ucraina è uno scandalo politico occorso negli Stati Uniti, a riguardo degli sforzi del presidente degli Stati Uniti Donald Trump per costringere l'Ucraina e altri paesi stranieri a fornire prove o documenti compromettenti sul candidato alla presidenza del Partito Democratico Joe Biden, nonché informazioni relative alle interferenze russe nelle elezioni degli Stati Uniti del 2016.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Trump ha utilizzato molti membri dello staff all'interno e all'esterno della sua amministrazione, tra cui il suo avvocato personale Rudy Giuliani e il procuratore generale William Barr, per fare pressione sull'Ucraina e su altri governi stranieri affinché cooperassero nel sostenere e screditare gli avversari politici di Trump.[3][4][5][6][7] Trump ha prima bloccato e in seguito sbloccato il pagamento di un pacchetto di aiuti militari da 400 milioni di dollari commissionato dal Congresso per ottenere presumibilmente una cooperazione quid pro quo da Volodymyr Zelensky, il presidente dell'Ucraina. Sono stati stabiliti numerosi contatti tra la Casa Bianca e il governo ucraino, culminati in una telefonata del 25 luglio 2019 tra Trump e Zelensky.[8]

Lo scandalo ha raggiunto l'attenzione mediatica e pubblica a metà settembre 2019 a causa di una denuncia presentata da un'agente della CIA nell'agosto 2019.[9] La denuncia ha sollevato preoccupazioni sul fatto che Trump utilizzasse i poteri istituzionali a fini personali per favorire la sua candidatura alle elezioni presidenziali statunitensi del 2020.[10] La Casa Bianca di Trump ha corroborato diverse accuse sollevate dall'informatore. Una trascrizione non verbale della chiamata tra Trump-Zelensky ha confermato che Trump ha richiesto indagini su Joe Biden e suo figlio Hunter Biden, nonché su una presunta teoria della cospirazione che coinvolge un server del Comitato nazionale democratico, sollecitando ripetutamente Zelensky a lavorare e collaborare con Giuliani e Barr affinché si trovassero prove in merito. Il capo dello staff della Casa Bianca, Mick Mulvaney, ha detto che uno dei motivi per cui Trump ha trattenuto gli aiuti militari in Ucraina è stato la "corruzione ucraina legata al server DNC", riferendosi a una teoria sfatata secondo cui gli ucraini hanno incastrato la Russia hackerando un server DNC. Trump ha anche sollecitato pubblicamente l'Ucraina e la Cina a indagare sulla famiglia Biden.

L'ambasciatore americano presso l'Unione Europea Gordon Sondland ha testimoniato di aver collaborato con Giuliani per organizzare un quid pro quo con il governo ucraino.[11]

Il 24 settembre 2019, la Camera dei deputati ha avviato un'indagine formale sull'impeachment nei confronti di Trump, guidata da sei commissioni della Camera.[12] Il 31 ottobre 2019, la Camera ha votato per l'approvazione della fase di indagine sull'impeachment.[13]

Il 3 dicembre 2019, nell'ambito dell'indagine sull'impeachment, il Comitato di intelligence della Camera ha pubblicato un rapporto di 300 pagine in cui si specificava che "l'indagine sull'impeachment ha rilevato che il presidente Trump, personalmente e operando attraverso agenti all'interno e all'esterno del governo degli Stati Uniti, ha sollecitato l'interferenza di un governo straniero, l'Ucraina, a beneficio della sua rielezione. A sostegno di questo schema, il presidente Trump ha trattenuto gli aiuti militari USA per combattere l'aggressione russa nell'Ucraina orientale."[14]

La vicenda ha portato la Camera dei deputati il 19 dicembre 2019 ad avviare ufficialmente la procedura di impeachment[15], archiviata dopo un mese e mezzo dal voto del Senato.

Seguito mediatico[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 febbraio 2020, nel corso della cerimonia di attribuzione degli Oscar, l'attore Brad Pitt ha accusato il Senato a maggioranza repubblicana di aver bloccato la testimonianza di John Bolton, ex Consigliere per la sicurezza nazionale, nel corso del processo per l'impeachment del presidente Donald Trump[16].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Annunciato l’avvio dell’impeachment contro Trump, su Atlante, Istituto della Enciclopedia Italiana, 25 settembre 2019. URL consultato il 21 dicembre 2019 (archiviato il 19 dicembre 2019).
  2. ^ Ucrainagate, la “talpa” della telefonata fra Trump e Zelensky messa sotto protezione, su La Stampa, 30 Settembre 2019. URL consultato il 21 dicembre 2019 (archiviato il 19 dicembre 2019).
  3. ^ (EN) Greg Miller, closeGreg MillerNational security reporterEmailEmailBioBioFollowFollowGreg Jaffe, closeGreg JaffeNational security reporterEmailEmailBioBioFollowFollowAshley Parker closeAshley ParkerWhite House reporterEmailEmailBioBioFollowFollow, Trump involved Pence in efforts to pressure Ukraine’s leader, though officials say vice president was unaware of allegations in whistleblower complaint, su Washington Post. URL consultato il 27 dicembre 2019.
  4. ^ (EN) Mark Mazzetti e Katie Benner, Trump Pressed Australian Leader to Help Barr Investigate Mueller Inquiry’s Origins, in The New York Times, 30 settembre 2019. URL consultato il 27 dicembre 2019.
  5. ^ (EN) Peter Baker e Eileen Sullivan, Trump Publicly Urges China to Investigate the Bidens, in The New York Times, 3 ottobre 2019. URL consultato il 27 dicembre 2019.
  6. ^ Veronica Stracqualursi and Michael Warren CNN, Rudy Giuliani tells CNN he's unaware he's under investigation for Ukraine involvement, su CNN. URL consultato il 27 dicembre 2019.
  7. ^ (EN) A. B. C. News, Barr asked Trump for introductions to Italy, Australia in Russia probe review, su ABC News. URL consultato il 27 dicembre 2019.
  8. ^ (EN) Charlie Savage e Josh Williams, Read the Text Messages Between U.S. and Ukrainian Officials, in The New York Times, 4 ottobre 2019. URL consultato il 27 dicembre 2019.
  9. ^ Manu Raju, Jeremy Herb and Marshall Cohen CNN, We read all 2,677 pages of impeachment inquiry testimony released to date. Here's what's clear., su CNN. URL consultato il 27 dicembre 2019.
  10. ^ (EN) Whistleblower claimed that Trump abused his office and that White House officials tried to cover it up, su Washington Post. URL consultato il 27 dicembre 2019.
  11. ^ (EN) Trump 'directed Ukraine to dig up dirt on Joe Biden', impeachment inquiry told, su inews.co.uk. URL consultato il 27 dicembre 2019.
  12. ^ (EN) Pelosi announces impeachment inquiry, says Trump’s courting of foreign political help is a ‘betrayal of national security’, su Washington Post. URL consultato il 27 dicembre 2019.
  13. ^ (EN) A divided House backs impeachment probe of Trump, su Washington Post. URL consultato il 27 dicembre 2019.
  14. ^ The Trump-ukraine Impeachment Inquiry Report (PDF), su U.S. House of Representatives Permanent Select Committee on Intelligence, dicembre 2019. URL consultato il 21 dicembre 2019 (archiviato il 4 dicembre 2019).
  15. ^ Giuseppe Sarcina, La Camera vota la cacciata di Trump. Lui: «Assalto all’America», su Corriere della Sera, 19 dicembre 2019. URL consultato il 21 dicembre 2019.
  16. ^ "Mi hanno detto che avevo solo 45 secondi qui, 45 secondi in più di quanto il Senato ha dato questa settimana a John Bolton", ha detto Brad Pitt alla cerimonia degli Oscar, ricevendo il premio per il miglior attore non protagonista in "C'era una volta... a Hollywood" (...) Nel backstage, Pitt è tornato sui suoi commenti su Bolton: "Sono rimasto molto deluso. Quando i giochi bloccano la verità è un giorno molto triste, non dobbiamo lasciarlo passare". (ANSA, 10-FEB-20 03:17).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]