Brainstorm - Generazione elettronica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Brainstorm - Generazione elettronica
Brainstоrm (film 1983).png
una scena del film
Titolo originaleBrainstorm
Paese di produzioneUSA
Anno1983
Durata106 min
Generefantascienza
RegiaDouglas Trumbull
SoggettoPhilip Frank Messina, Robert Stitzel
ProduttoreMetro-Goldwyn-Mayer
MusicheJames Horner
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Brainstorm - Generazione elettronica (Brainstorm) è un film di fantascienza del 1983 diretto da Douglas Trumbull e interpretato da Christopher Walken, Natalie Wood, Louise Fletcher e Cliff Robertson.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un team di scienziati inventa un'interfaccia computerizzata che consente alle sensazioni di essere registrate dal cervello di una persona e convertite in nastro in modo che altri possano provarle. La squadra comprende i coniugi Michael e Karen Brace, così come la collega di Michael, Lillian Reynolds. Su istruzione dell'amministratore delegato Alex Terson, il team dimostra il dispositivo agli investitori per ottenere finanziamenti.

Karen indossa il registratore mentre lavora con Michael e Lillian. Quando Michael riproduce il nastro, il gruppo si rende conto che anche le esperienze emotive sono registrate. Michael registra i suoi ricordi dei tempi con Karen, che condivide con lei, e porta alla loro riconciliazione.

Lillian è spinta dai sostenitori ad ammettere come membro della squadra un ex collega, Landon Marks, che vede come parte del complesso militare-industriale. Non è d'accordo con il loro piano per far sviluppare l'invenzione per uso militare.

Un membro del team, Gordy Forbes, ha rapporti sessuali mentre indossa il registratore e condivide il nastro con i colleghi, incluso Hal Abramson. Hal unisce una sezione del nastro ad un orgasmo continuo, che si traduce in un sovraccarico sensoriale che porta al ritiro forzato. Le tensioni aumentano quando le possibilità di abuso diventano chiare.

Già sofferente di problemi cardiaci e un fumatore costante, Lillian subisce un infarto mentre lavora da sola. Comprendendo che sta per morire, Lillian registra la sua esperienza.

Dopo il suo funerale, Michael decide di sperimentare la registrazione di Lillian, ma quasi muore quando la riproduzione fa simulare al suo corpo le sensazioni e gli effetti di un infarto. Michael modifica la sua console per filtrare l'output fisico e riproduce il nastro. Osservando l'esperienza della morte di Lillian, vede "bolle di memoria" - i mondi della vita di Lillian. Michael sperimenta i ricordi di Lillian di uno scambio umoristico con Michael mentre gioca con un robot industriale, una festa di compleanno a sorpresa, ed è devastato quando Alex le dice che un precedente progetto è stato cancellato.

Un team di scienziati che desiderano scoprire le capacità militari della macchina sta monitorando l'attrezzatura mentre Michael suona il nastro finale di Lillian. Hanno anche avuto esperienza con il nastro di Gordy, ma Landon ha ignorato il parere del personale di monitoraggio che Micheal ha apportato modifiche al suo terminale di riproduzione. Come tale, Gordy muore per un attacco cardiaco mentre Landon e gli altri guardano sorpresi.

La riproduzione di Michael viene interrotta da Hal, ma dopo aver assistito a un'esperienza di quasi morte digitale, Michael è curioso di vedere l'intero filmato. Alex ha bloccato la registrazione e dice a Michael che non gli sarà permesso di vederlo. Quando torna al lavoro, Michael entra a bordo di Landon Marks e un team di tecnici esterni che passa attraverso i suoi documenti di ricerca e protesta contro Alex che risponde licenziando Michael e Karen.

Michael tenta di hackerare nei computer del laboratorio. Hal gli consiglia di guardare sotto "Project Brainstorm", un programma che i militari hanno creato per ri-sviluppare la loro invenzione per la tortura e il lavaggio del cervello. Il figlio di Michael e Karen, Chris, che vuole sperimentare il dispositivo speciale, viene inavvertitamente esposto a uno di questi nastri, causandogli un'esperienza psicotica che si traduce nel suo ricovero in ospedale - lì Michael impara il destino di Gordy e deduce che Alex era dietro il suo omicidio.

Invece di vedere la sua creazione perversa, Michael giura di distruggere il suo lavoro e arruola l'aiuto di Karen e Hal. Michael e Karen si dirigono verso il Pinehurst Resort e, rendendosi conto di essere sotto sorveglianza, inscenano una lotta che porta Karen a partire per la casa di Hal. Mentre le due finte riconciliazioni al telefono, Michael accede al computer Brainstorm tramite un'altra linea telefonica, mentre Karen si infila nel sistema e sabota i robot che fabbricano i terminali di interfaccia.

Karen spegne il sistema di sicurezza, blocca lo staff all'esterno e consente a Michael di caricare il nastro di Lillian e di sperimentarlo senza interruzioni. Con la pianta nel caos, Robert Jenkins ordina l'arresto di Michael. Michael fugge dai loro agenti e guida verso una cabina telefonica al Wright Brothers National Memorial. Si ricollega con i computer e accede alla parte finale del nastro, oltre il punto della morte fisica di Lillian.

Karen lascia la casa per incontrare Michael. Hal e sua moglie, Wendy, inviano gli ultimi comandi di Karen ai computer della compagnia, chiudendo l'impianto.

Karen arriva al Wright Brothers Memorial mentre suona il nastro. Michael testimonia l'aldilà, vivendo una breve visione dell'inferno prima di viaggiare lontano dalla Terra e attraverso l'universo, anche dopo la fine del nastro. Alla fine ha visioni di angeli e anime defunte che volano verso una grande Luce cosmica, che sembra essere il paradiso. Michael poi crolla. Karen singhiozza, credendolo morto. Supplica che Michael rimanga in vita. Risvegliandosi dall'esperienza, piange di gioia e abbraccia Karen.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato girato in varie località della Carolina del Nord.[senza fonte]

Durante la lavorazione avvenne la morte dell'attrice Natalie Wood.[1]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il film venne accolto in modo tiepido alla sua uscita.[1]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

« Brainstorm è uno di quei film che con il tempo andrebbero rivalutati, non tanto per la traccia narrativa quanto per l'originalità dell'idea e la ingegnosità delle soluzioni cinematografiche proposte. Esperto nelle tecniche degli effetti speciali, Douglas Trumbull fu tra i primi a comprendere le eccezionali possibilità della computer graphic e la storia che egli racconta anticipa singolarmente la riflessione su una realtà "virtuale" parallela a quella "oggettiva" [...] Un avveniristico intreccio di esperienze esistenziali [...] che sollecita l'uomo a nuovi modelli culturali. [...] Da gustare [...] preferibilmente sul grande schermo dove è più facile apprezzare i trucchi pensati appositamente per una pellicola a 70 mm. »

(Fantafilm[1])

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis (a cura di), Brainstorm - Generazione elettronica, in Fantafilm.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]