Brabham BT53

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Brabham BT53
Corrado Fabi Brabham BT53 1984 Dallas F1.jpg
Corrado Fabi su BT53 a Dallas nel 1984
Descrizione generale
Costruttore Regno Unito  Brabham
Categoria Formula 1
Squadra MRD International
Progettata da Gordon Murray
Sostituisce Brabham BT52
Sostituita da Brabham BT54
Descrizione tecnica
Meccanica
Telaio Monoscocca in alluminio/fibra di carbonio
Motore BMW M12/13 1.5 L4T
Trasmissione Brabham / Hewland / Weissman
Dimensioni e pesi
Passo 2946 mm
Peso 545 kg
Altro
Carburante Castrol
Pneumatici Michelin
Risultati sportivi
Debutto Gran Premio del Brasile 1984
Piloti 1. Nelson Piquet
2. Teo Fabi
2. Corrado Fabi
2. Manfred Winkelhock
Palmares
Corse Vittorie Pole Giri veloci
16 2 9 4

La Brabham BT53 è una monoposto di Formula 1 realizzata dal team inglese Brabham e ha preso parte al campionato mondiale del 1984.

Il team britannico, campione del mondo piloti uscente, non modificò sostanzialmente la propria filosofia tecnica e mise in pista un'auto con poche variazioni rispetto al modello BT52.

La Brabham soffrì lo strapotere della McLaren con motore TAG Porsche (12 vittorie su 16 gare) e si aggiudicò solo due gare nella trasferta di metà campionato in Nordamerica con Nelson Piquet. Il pilota brasiliano conquistò però ben nove pole position e 4 giri veloci in gara.

La vettura[modifica | modifica wikitesto]

La nuova BT53 presentava come principale differenza la modifica delle "pance" a lato abitacolo, ora più lunghe, per ovviare ad alcuni inconvenienti dell'anno prima.

I serbatoi della vettura furono ridotti a 220 litri, come da regolamento ed eliminato il bocchettone per il rifornimento rapido in corsa, vietato dai regolamenti. Tale vettura presentava come principale caratteristica l'utilizzo della fibra di carbonio per la realizzazione del telaio, soluzione adottata dalla McLaren sin dal 1981.

La monoposto montava pneumatici Michelin.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1