Biblioteca universitaria di Bologna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Biblioteca universitaria di Bologna
Biblioteca dell'Universita di Bologna.jpg
L'aula Mezzofanti all'inizio del XX secolo.
Ubicazione
Stato Italia Italia
Regione Emilia-Romagna Emilia-Romagna
Città Bologna
Indirizzo Via Zamboni, 35
Dati
Tipo Biblioteca pubblica statale
ISIL IT-BO0098
Apertura 1756
Sito web

La Biblioteca universitaria di Bologna è l'istituto di conservazione libraria dell'Università di Bologna.

Vanta un patrimonio di 726.523 volumi a stampa, 1.021 incunaboli, 14.953 cinquecentine, 7.698 manoscritti e 310.547 opuscoli[1] - ma possiede anche un grande numero di stampe, disegni, fotografie, e microfilm - per un totale di 1.348.688 unità di materiale, collocandosi al primo posto tra le biblioteche pubbliche della città di Bologna per numero di materiali.

La biblioteca, situata in via Zamboni 35 a ridosso di Palazzo Poggi sede del Rettorato dell'Alma Mater, dispone di circa duecento posti per la consultazione, a cui possono accedere tutti i cittadini previa registrazione.

La biblioteca nacque da successive donazioni, la prima fu quella di Luigi Ferdinando Marsili all'Istituto di Scienze nel 1712. Nel 1742 si aggiunse la donazione di Ulisse Aldrovandi. Infine altra, grande, donazione (25.000 volumi) venne fatta da papa Benedetto XIV nel 1755. Fu proprio Benedetto XIV a commissionare la costruzione dell'Aula Magna monumentale (35 x 11 metri), addossata al cinquecentesco Palazzo Poggi. Nel 1756 la biblioteca fu aperta al pubblico.

Fino ad oggi la biblioteca ha subito ampliamenti e risistemazioni, si è inoltre dotata di un sistema meccanizzato ed informatizzato per stipare e accedere a oltre mezzo milione di volumi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità ISNI: (EN0000 0001 2302 9867 · GND: (DE815225-1