Ballistarius

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ballistarius
046 Conrad Cichorius, Die Reliefs der Traianssäule, Tafel XLVI (Ausschnitt 01).jpg
Una carroballista rappresentata sulla Colonna di Traiano, fregio n.XLVI, come evoluzione della semplice balista
Descrizione generale
Attivaimperiale
NazioneCiviltà romana
Tipotruppe scelte dell'esercito romano
Guarnigione/QGCastrum
DecorazioniDona militaria
Comandanti
Comandante attualeMagister ballistarius
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Il ballistarius o balistarius (termine latino, al pl. ballistarii[1]) era l'addetto alla balista, arma d'assedio di epoca romana. Essi appartenevano a quel gruppo di legionari privilegiati, chiamati immunes. Erano alle dipendenze di un magister ballistariorum[2] (attestato fin dal II secolo), che a sua volta era coadiuvato da un optio ballistariorum (attendente alla cura del comandante) ed un certo numero di doctores ballistariorum (sott-ufficiali).[3][4] Ogni legione, infine, poteva disporre fino a circa 60 tra catapulte e baliste.[5]

Nel compiere un assedio erano utilizzate sia macchine, scale, torri per la scalata o la demolizione delle mura nemiche, sia unità di artiglieria pesante come baliste (affidate ai cosiddetti ballistarii), ecc. per colpire gli assediati da lontano.

Con la riforma costantiniana dell'esercito romano le nuove legioni vennero create anche da reparti specifici dell'esercito romano come i Ballistari, che faceva parte delle legiones pseudocomitatenses.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AE 1908, 178, CIL VII, 1044, CIL VII, 1046.
  2. ^ CIL V, 6632 (p 1088).
  3. ^ Y.Le Bohec, L'esercito romano. Le armi imperiali da Augusto alla fine del III secolo, Roma 2008, p.85.
  4. ^ G.Cascarino, L'esercito romano. Armamento e organizzazione, Vol. II - Da Augusto ai Severi, pp. 288-289.
  5. ^ P.Connolly, L'esercito romano, Milano 1976, pp.66-67.
  6. ^ Yann Le Bohec, Armi e guerrieri di Roma antica. Da Diocleziano alla caduta dell'impero, Roma, 2008, pp. 99-100, G. Cascarino & C. Sansilvestri, L'esercito romano. Armamento e organizzazione, Vol. III - Dal III secolo alla fine dell'Impero d'Occidente, Rimini 2009, pp. 53-57.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti storiografiche moderne
  • Giuseppe Cascarino, L'esercito romano. Armamento e organizzazione, Vol. II - Da Augusto ai Severi, Rimini, Il Cerchio, 2008.
  • Giuseppe Cascarino, Carlo Sansilvestri, L'esercito romano. Armamento e organizzazione, Vol. III - Dal III secolo alla fine dell'Impero d'Occidente, Rimini, Il Cerchio, 2009.
  • Peter Connolly, L'esercito romano, Milano, Mondadori, 1976.
  • Peter Connolly, Greece and Rome at war, Londra, Greenhill Books, 1998, ISBN 1-85367-303-X.
  • A.K.Goldsworthy, Storia completa dell'esercito romano, Modena 2007. ISBN 978-88-7940-306-1
  • Yann Le Bohec, L'esercito romano. Le armi imperiali da Augusto alla fine del III secolo, Roma, Carocci, 1993.
  • Yann Le Bohec, Armi e guerrieri di Roma antica. Da Diocleziano alla caduta dell'impero, Roma, Carocci, 2008, ISBN 978-88-430-4677-5.
  • David Potter, The Roman Army and Navy, in Harriet I. Flower (a cura di), The Cambridge Companion to the Roman Republic, Cambridge University Press, 2004, pp. 66–88, ISBN 978-0-521-00390-2.
  • Graham Webster, Elton, Hugh, The Roman Imperial Army of the First and Second Centuries A.D., University of Oklahoma Press, 1998, ISBN 0-8061-3000-8.
Esercito romano Portale Esercito romano: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di esercito romano