Armi e armature romane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Abbigliamento ed armature
Armi dell'esercito romano

Per armi ed armature romane si intende l'insieme delle armi "da offesa" e "da difesa" utilizzate sia dal singolo individuo (miles) sia in modo collettivo da un gruppo di armati nella storia di Roma dalle forze di soldati che servirono nelle legioni dall'epoca monarchica e repubblicana a quella imperiale e tardo imperiale. Roma riuscì a imporre il suo dominio su un vastissimo territorio grazie a un esercito estremamente organizzato, discliplinato, ben addestrato ed equipaggiato. Le armi romane furono, quindi, di fondamentale importanza per ottenere i rilevanti successi contro tutti i nemici che essa incontrò durante la sua storia più che millenaria. La supremazia tecnologica di Roma fu uno dei vantaggi decisivi della superiorità romana.

L'arma da offesa meglio conosciuta fu sicuramente il gladio, che per alcuni secoli, unito alla sapienza tattica romana, rese temibile il legionario nel mondo conosciuto. Tra le armi d'assedio collettive, vale la pena invece ricordare, tra le principali, lo scorpione, l'ariete, la catapulta e la torre mobile; in quest'ultima vi erano diverse balliste, armi create per scagliare frecce ad alta velocità.

I legionari erano armati, oltre che col gladio, di lance e giavellotti (lancae, hastae, veruta, spicula, pila), mutate nel corso dei secoli. Gli scudi e le armature, antiquate in età repubblicana, furono modernizzati in età imperiale: dalle cotte di maglia si passò poi a armature composte da piastre di ferro sovrapposte. La loro resistenza era uguale quella delle cotte di maglia ma erano più leggere rispetto ad esse del 30%. Lo scudo ovaliforme, rinforzato nella parte centrale da una nervatura metallica o con al centro l'umbone, diventò rettangolare, reso resistente con bordi in ferro contro i colpi delle lame del nemico.

Nelle epoche successive, durante l'anarchia militare e poi il periodo del dominato, perso il binomio gladium-pilum, i soldati dell'esercito romano ripiegarono sull'uso di lance e armi da tiro, forse in conseguenza di mutamenti strategici profondi che non richiedevano più approcci offensivi alla guerra come era stato ai tempi delle grandi conquiste. L'armamento tipico del miles divenne la lancia e lo scudo, mentre la spatha, dopo la carica con l' hasta, era utilizzata per la fase finale del combattimento.[1]

Epoca per epoca[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi legionario romano e auxilia.

Periodo regio[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Età regia di Roma.

Del singolo miles[modifica | modifica sorgente]

Ricostruzione moderna di una falange oplitica romana all'epoca della riforma di Servio Tullio.

Sulla base dei recenti ritrovamenti archeologici si è potuto notare che il primo esercito romano, quello di epoca romulea, era costituito da fanti che avevano preso il modo di combattere e l'armamento dalla civiltà villanoviana della vicina Etruria. I guerrieri combattevano prevalentemente a piedi, muniti di lance o giavellotti, spade, pugnali ed asce, mentre solo i più ricchi potevano permettersi un'armatura completa, dotata di elmo e corazza, o solo una piccola protezione rettangolare sul petto, davanti al cuore.[2] Gli scudi avevano dimensioni variabili.[3] Quelli di grande forma rotonda (i cosiddetti clipeus), vennero abbandonati, secondo Tito Livio, attorno alla fine del V secolo a.C..[4] Plutarco racconta, inoltre, che una volta uniti tra loro, Romani e Sabini, Romolo introdusse gli scudi di tipo sabino, abbandonando il precedente di tipo argivo e modificando le precedenti armature.[5]

L'armamento dei cavalieri, invece, consisteva in un elmo, un piccolo scudo rotondo in bronzo, oltre ad una lancia leggera ed una spada.[6] Secondo Polibio non avevano invece una corazza, bensì una semplice trabea,[7] che gli permettesse di salire e scendere da cavallo in modo sufficientemente comodo, anche se negli scontri correvano grossi rischi poiché combattevano privi di una vera e propria protezione.[8]

In seguito alla riforma operata da Servio Tullio,

  1. la prima classe risultò munita di armamento pesante costituito da elmo, scudo rotondo argolico (clipeus), schinieri, corazza in bronzo o ferro; come armi d'offesa avevano un'hasta ed una spada;[6][9]
  2. la seconda era equipaggiata con elmo, scudo rettangolare o oblungo (scutum) a maggior protezione per la mancanza di una corazza, oltre a schinieri; come armi d'offesa avevano un'hasta ed una spada;[6][9]
  3. la terza era equipaggiata con elmo e scudo rettangolare o oblungo (scutum); come armi d'offesa avevano un'hasta ed una spada;[6][9]
  4. la quarta era equipaggiata, o come racconta Tito Livio, di un'hasta ed un giavellotto (verutum),[6] oppure come suggerisce Dionigi di Alicarnasso, di una spada ed un'hasta;[10]
  5. la quinta era armata solo con una fionda e pietre da scagliare.[6][10]

In sintesi potremmo dividere le armi e l'equipaggiamento del legionario romano, come segue:

Armi d'offesa
  • Uno spiculum o hasta, vale a dire la lancia da urto, lunga più di 2 metri;[11]
  • un verutum, giavellotto;
  • una falcata, ricavata sul modello della kopis greca, vale a dire una spada con lame normalmente in bronzo, ed in rari casi in ferro, della lunghezza variabile tra i 33 ed i 56 cm;[12]
  • un pugnale con lama di lunghezza compresa tra i 25 ed i 41 cm.[13]
Equipaggiamento da difesa
  • un elmo di varie tipologie, variamente decorati, anche con cimieri;
  1. Italici (Villanoviani, Piceni, Paleoveneti), fino al V secolo;[14]
  2. Negau, dal VII secolo fino al IV secolo;[15]
  3. Corinzio, fino al V secolo;[16]
  4. Italico-Corinzio o Apulo-Corinzio, fino al III secolo;[16]
  5. Frigio;[16]
  6. Calcidico-Attico, fino al IV secolo;[16][17]
  • un clipeo oplitico ovvero lo scudo, denominato hoplon in greco e clipeo, fatto di legno, coperto da pelle o talvolta da uno strato di bronzo, di forma circolare e concava con dimensioni variabili (comprese tra i 50 ed i 97 cm[3]);
  • un pettorale bronzeo, nelle fatture più pregiate trilobato e decorato con scene mitologiche o simboliche, delle dimensioni di circa 15 x 22 cm.[2]
  • una corazza del tipo lorica musculata per la prima classe della riforma serviana;
  • uno o due gambali (ocreae), indossati sulle gambe esposte al combattimento;
  • un linothorax con pteruges, composto da più strati di lino e in alcuni casi coperto ulteriormente da uno strato di piastrine di bronzo o ferro.

Armi collettive[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Armi d'assedio (storia romana).

Sappiamo che in seguito alla riforma militare di Servio Tullio, la prima classe disponeva di due centurie aggiuntive di fabbri, armaioli, falegnami e operai, che avevano il compito di costruire e trasportare le prime e rudimentali macchine da guerra romane[18] (secondo altre fonti erano, invece, schierate insieme alla seconda classe[19]).

Periodo repubblicano[modifica | modifica sorgente]

Del singolo miles[modifica | modifica sorgente]

Legionario equipaggiato con lorica hamata, gladius, pilum e scutum del periodo tardo-repubblicano; l'armamento, compreso il cassis (elmo) è quello tipico anche dei Principes della formazione manipolare.
Soldato della Legio XXI Rapax con equipaggiamento di epoca tardo repubblicana. In evidenza il cingulum con appeso un pugio con manico elefantino.
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Repubblica romana.

In seguito alla riforma manipolare e alla tripartizione censoria dell'esercito in Hastati, Principes e Triarii, l'armamento si modellò in base a questa gerarchia: gli hastati erano armati di hasta, termine che indica sia la lancea da urto, sostituita in seguito da un giavellotto (chiamato pilum), equipaggiati con corazze leggere (spesso di cuoio o composte di piastroni di metallo sul petto), con uno scudo che copriva lo spazio tra il piede e la cintola, con una spada corta e con un pugnale;[20] i principes erano armati con corazze più pesanti (solitamente cotte di maglia lunghe fino al bacino) con uno scudo simile a quello degli hastati, con due giavellotti, con una lancia, con una spada corta e un pugnale; infine i triarii erano in grado di permettersi una corazza pesante. Erano inoltre armati con una lunga lancia, con uno scudo molto alto, con la spada corta e con il pugnale. Oltre all'armamento i triarii avevano il tipico elmo con i lunghi paraguance, uniti sotto il mento da un cinghia e due asticelle con una lunga piuma sopra la fronte, simili a due piccole corna.[21] Hastati, Principes e Triarii utilizzavano, infine, lunghi scudi ovali, detti scuta (quelli rotondi, detti clipei furono abbandonati verso la fine del V secolo a.C.[4]).

In seguito alla riforma mariana, le divisioni tra hastati, principes e triarii divennero solo nominali e in breve tempo sparirono e tutti i legionari indossarono lo stesso equipaggiamento (ciò favoriva l'omogeneizzazione dell'armamento e del'"uniforme", prima rese eterogenee dal reclutamento basato sul censo), fornito loro dallo stato assieme al salario. Essi indossavano lorica a maglia di ferro, due pila ciascuno (i giavellotti che, penetrando negli scudi avversari e piegandosi, ne rendevano impossibile il riuso da parte del nemico), il corto gladius (spada lunga circa 70 cm con una punta affilata, realizzata per penetrare con piccoli affondi nel corpo del nemico) portato a destra per non intralciare la mano con lo scutum (uno scudo alto, ovaliforme e convesso, dalle caviglie al mento) ed il tradizionale pugnale. Scomparvero, pertanto, le divisioni interne velites, hastati, principes e triarii. Altra grande innovazione di Gaio Mario fu la suddivisione della legione in 10 coorti di 6 centurie ciascuna, che a sua volta, costituiva un'unità più solida del manipolo e più maneggevole della legione.

L'ara di Domizio Enobarbo del 113 a.C. con la rappresentazione del lustrum censorio (con suovetaurilia). Numerosi legionari romani accompagnano la funzione ed indossano tipici elmi attico-romani e di Montefortino, elmi etrusco-corinzi, loriche hamate e scuta ovali.
Armi d'offesa
  • Una hasta, picca lunga usata dai triarii, antico retaggio della formazione oplitica, lunga trai 200 e 225 cm con punta tra 20 e 30 cm; i triarii non ricorrevano al pilum, prima della riforma mariana;
  • Un gladius hispaniensis (in uso fino alla fine del I secolo a.C., con lama lunga dai 75 agli 85 cm e impugnatura lignea, ossea o elefantina), portato a destra del cingulum; la particolarità dell'arma, rispetto ai modelli successivi, consisteva nella forma sinuosa e nel fatto di avere una lunghezza superiore;
  • Un pugio, di origine ispanica, portato sul lato sinistro, usato come arma di riserva per dare il colpo di grazia al nemico, oppure come utensile quotidiano;
  • Un parazonium, uno stiletto, più stretto e lungo del pugio, in uso presso gli ufficiali, in quanto elemento distintivo del rango.
Armi da tiro
  • Due pila, di due tipi, più pesante o più leggero,[22] con asta di legno lunga circa 140 cm e gittata di 15–30 m; quello pesante in epoca repubblicana andò incontro a due innovazioni, l'una introdotta da Mario che comportò la sostituzione di uno dei rivetti di ferro che bloccavano il gambo della punta dell'asta con una spina di legno, per rendere l'arma più flessibile all'impatto, e l'altra che portò alla fabbricazione della punta in acciaio non temperato, sempre allo scopo di renderla deformabile, modifica da alcuni attribuita a Cesare;[23][24]
  • Un verutum, giavellotto di un metro di lunghezza, con punta metallica di 25 cm circa, deformabile in modo da non poter essere riutilizzata dal nemico dopo il primo utilizzo;[25]
  • Un soliferreum, un giavellotto interamente in ferro, ma per questo più costoso del normale giavellotto con asta in legno e punta metallica, lungo trai 160 e 200 cm.
Fregio attico dell'arco di trionfo di Orange, probabilmente di età augustea o precedente. Dei legionari a cavallo, appartenenti alla Legio II Augusta, combattono contro dei galli appiedati; i cavalieri indossano tipici elmi attico-romani e di Montefortino, loriche hamate o semplici tuniche e scuta ovali.
Equipaggiamento di difesa
  • Un elmo di numerose tipologie in quest'epoca, per la maggior parte decorati con cimieri o ageminati:
  1. Pilos, dal V secolo fino al III secolo;[26]
  2. Attico, fino al II secolo;[16][27]
  3. Beotico, fino al I secolo a.C.;[28]
  4. Celtico, fino al I secolo;[29]
  5. Montefortino (oppure nelle sue varianti Coolus e Buggenum) con paragnatidi, dal IV secolo a.C. al I d.C.;
  6. Haguenau, fino al I secolo, antenato del modello imperiale;[30]
  7. Agen-Port è attestata durante le campagne cesariane, dotata di paragnatidi con sistema a cerniera;
  • Una lorica hamata, maglia di anelli di ferro del peso di 10-15 kg, dotata di humeralis (sotto la cotta una tunica con spalle foderate come nel linothorax greco o un farsetto thoracomachus, in più delle strisce di pelle, pteruges, coprivano avambracci e cosce), rinforzo per le spalle, o un pettorale metallico legato al busto con fasce di cuoio;
  • Uno scutum ligneo, piatto e ovaliforme, con le parti superiore e inferiore tondeggianti, oppure ovale italico o semi-circolare, percorsi da una nervatura rilevata (spina) in legno con al centro una borchia metallica (umbo);[31] aveva dimensioni tali da coprire quasi interamente il soldato (misurava 120 cm per 75 di larghezza, il peso doveva andare dai 5 ai 10 kg), mentre la superficie esterna era ricoperta da tessuto di lino e di pelle di vitello o pecora,[32] mentre il bordo superiore ed inferiore erano rafforzati da una struttura in ferro o rame, che rendeva lo scudo più sicuro contro i colpi delle lame inferti dal nemico;[31][33] se ne attestano anche bronzei di altre fogge in epoca alto-repubblicana, rotondi Villanoviani, Etruschi, Sannitici, Celtici, a mezzaluna, trapezoidali, tutti riccamente decorati;
  • Uno schiniere (ocrea), una gambiera dalla caviglia al ginocchio, indossata sulla gamba esposta al combattimento (solitamente la destra), o su tutte e due.[34][35]
Mausoleo di Glanum, presso Saint-Rémy-de-Provence, eretto tra il 30 a.C. e il 20 a.C. Il rilievo riporta scene della guerra di Troia, ma utilizzando armamenti tipici del periodo augusteo. Si possono notare legionari a cavallo e appiedati indossanti tipici elmi attici e Montefortino, di tipo etrusco-corinzio e beotico abbelliti con creste e cimieri, loricae hamatae e scuta ovali.
Altro equipaggiamento

Mario era riuscito a rendere la figura del legionario una figura professionale e completamente indipendente nell'approvvigionamento, poiché ogni legionario fu equipaggiato a spese della Repubblica romana, di tutto l'occorrente per provvedere alla propria autonomia durante le lunghe marce. Ogni singolo legionario era dotato, infatti, al fine di rendere più veloce l'avanzata (riducendo i reparti delle salmerie), di una sacca di pelle tenuta sulle spalle contenente le razioni per alcuni giorni di viaggio, oltre a due lunghi pali appuntiti per formare il campo, strumenti agricoli e da scavo, mentre la tenda di pelle (una ogni otto legionari) era portata da un singolo mulo. È vero che, se da un lato il legionario era sì più autonomo nell'approvvigionamento, era però anche meno agile nei movimenti di marcia, considerando che era costretto a trasportare diverse decine di chilogrammi di equipaggiamento. Non a caso i legionari di Mario erano definiti "muli mariani", a causa dell'eccessivo carico di impedimenta.[38] Tra i vari componenti dell'equipaggiamento troviamo:

  • un sagum, mantello rettangolare usato dai militari sin dall'epoca repubblicana, orlato di frangiature e decorato con vari motivi, o un paludamentum per gli ufficiali;
  • un paio di caligae o scarpe chiuse, all'occorrenza unite all'uso di calzettoni di cuoio o stoffa (udones), specie nelle regioni o durante le stagioni a clima freddo;[39]
  • foderi, anche finemente lavorati, per spade e pugnali;

Armi collettive[modifica | modifica sorgente]

Appartengono, inoltre, a questo periodo i primi importanti assedi ad opera dei Romani. Nel 250 a.C. l'assedio di Lilibeo comportò per la prima volta l'attuazione di tutte le tecniche d'assedio apprese durante le guerre pirriche degli anni 280-275 a.C., tra cui torri d'assedio, arieti e vinea.[40] Vi è da aggiungere che un primo utilizzo di macchine da lancio da parte dell'esercito romano sembra sia stato introdotto dalla prima guerra punica, dove fu necessario affrontare i Cartaginesi in lunghi assedi di loro potenti città, difese da imponenti mura e dotate di una sofisticata artiglieria, comportando un miglior e maggior impiego del genio militare legionario.[41]

Periodo alto imperiale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Alto Impero romano.

Del singolo miles[modifica | modifica sorgente]

Armi ed armatura di legionario romano della fine del I secolo.
Armamento di un cavaliere ausiliario.
Armamento di un fante ausiliario, nel caso specifico un arciere (sagittarius).

Sul finire del principato di Tiberio, la classica armatura a “maglia di ferro” (lorica hamata) del legionario fu sostituita con quella della lorica segmentata, ben rappresentata sulla colonna traiana.[42] Questa la descrizione che fa Giuseppe Flavio dell'armamento che utilizzava l'esercito romano durante la prima guerra giudaica (66-74):

« Si mettono in marcia tutti in silenzio e ordinatamente, restando ciascuno al proprio posto come fossero in battaglia. I fanti indossano corazze (lorica) ed elmi (cassis o galea), una spada appesa su ciascun fianco, dove quella di sinistra è più lunga (gladius) di quella di destra (pugio), quest'ultima non più lunga di un palmo. I soldati "scelti", che fanno da scorta al comandante, portano una lancia (hasta) e uno scudo rotondo (clipeus); il resto dei legionari un giavellotto (pilum) e uno scudo oblungo (scutum), oltre ad una serie di attrezzi come, una sega, un cesto, una picozza (dolabra), una scure, una cinghia, un trincetto, una catena e cibo per tre giorni; tanto che i fanti sono carichi come bestie da soma (i muli di Mario[38]).
I cavalieri portano una grande [e più lunga] spada sul fianco destro (spatha), impugnano una lunga lancia (lancea), uno scudo viene quindi posto obliquamente sul fianco del cavallo, in una faretra sono messi anche tre o più dardi dalla punta larga e grande non meno di quella delle lance; l'elmo e la corazza sono simili a quelli della fanteria. L'armamento dei cavalieri scelti, quelli che fanno da scorta al comandante, non differisce in nulla a quello delle ali di cavalleria. A sorte, infine, si stabilisce quale delle legioni debba iniziare la colonna di marcia. »
(Giuseppe Flavio, Guerra giudaica, III, 5.5.93-97.)
Armi d'offesa del legionario romano
  • Il gladio portato alla destra della cintura, nella sua variante hispaniensis (di derivazione iberica) in uso fino alla fine del I secolo a.C. (lungo dai 75 agli 85 cm), o nelle altre Magonza (più corta rispetto all' hispaniensis, con punta allungata e lama leggermente rientrante nella parte centrale), Fulham (leggermente più corta della precedente ma nel complesso simile), e Pompei, introdotta alla metà del I secolo d.C., con punta più corta ogivale e lama dritta (42-55 cm di lunghezza per 5–6 cm di larghezza);
  • Il pilum, un giavellotto con punta deformabile (si fa più corto e più pesante nel II secolo), lanciato con l'intento non tanto di uccidere il bersaglio, quanto di conficcarsi nello scudo dell'avversario che era così costretto a privarsene, rendendo quindi vantaggioso il corpo a corpo per il legionario;
  • Il pugio, pugnale impiegato quando si rimaneva sguarniti del gladius o utilizzato per dare il colpo di grazia al nemico;
  • Un parazonium, uno stiletto, più stretto e lungo del pugio, in uso presso gli ufficiali.
Equipaggiamento da difesa

Tutte le armi dei legionari romani hanno subito negli anni delle storia di Roma antica una evoluzione.
Le armi da difesa del legionario romano comprendevano:

  • Una lorica hamata (più utilizzata, indossata su un farsetto di lana), segmentata (modelli Kolkriese, Corbridge, Newstead),[43] oppure squamata (a lamelle sovrapposte, importata dall'Oriente), che inizia ad impiegarsi dal I secolo, inizialmente per gli ufficiali, nei secoli seguenti poi, divenuta usuale, anche per la truppa; più rara la musculata, tutte elaborate per essere flessibili, ma resistenti;
  • Uno scutum rettangolare concavo o piatto, utilizzato anche come strumento di offesa per far vacillare il nemico e romperne la difesa, quando veniva colpito con l'umbone o con la costola rilevata che attraversa verticalmente lo scudo;[44] l'uso di rivestimenti in pelle e di custodie per proteggere lo scudo erano essenziali per garantire la preservazione del legno e della tenuta delle assi.
  • Un clipeus ovale, di solito per le truppe ausiliarie;
  • Un elmo, chiamato cassis (munito di paragnatidi per collo, orecchie e guance), di tipo gallico o imperiale (detto Weisenau), oppure nella sua variante italica;
  • Delle manicae, fasce metalliche (o di cuoio) a protezione delle braccia o di un solo arto, il loro uso è attestato nel Trophaeum Traiani.
Equipaggiamento del singolo ausiliario

Va premesso che, poiché le unità ausiliarie erano costituite con elementi prelevati da province assai diverse tra loro, le loro armature, indumenti ed armi erano spesso eterogenee. Queste unità, che costituivano truppe di completamento accanto alla fanteria pesante legionaria, erano solitamente armate alla leggera, ma potevano anche avere armamento simile a quello legionario; i loro reparti potevano essere muniti:

  • di armi da lancio, di telae, frecce in dotazione ai sagittarii (arcieri), fundae, frombole usate dai frombolieri (lanciatori di pietre, formidabili erano quelli delle Baleari), lanceae, giavellotti usati dai lanciarii;
  • di hastae, lance lunghe usate dalle truppe provinciali destinate a proteggere i fianchi dello schieramento dei legionari, specialmente contro la cavalleria nemica in assenza di cavalleria ausiliaria alleata (si ricordi l'uso che ne fece Cesare a Farsalo);
  • di scudi ovali rinforzati o di un piccolo scudo rotondo (parma o parmula) con intelaiatura in ferro usato inizialmente dai velites, poi principalmente dalla cavalleria, dalla fanteria ausiliaria e dagli ufficiali (come i signiferi), o semplicemente di cuoio, oppure solo rivestito (chiamato caetra).[46]
Altro equipaggiamento
  • Una tunica e un mantello (sagum), e talvolta anche la toga, nel caso il soldato fosse stato premiato con la cittadinanza romana, che costituivano la tenuta regolamentare del soldato;
  • Un balteus o cingulum militaris (cintura per reggere le armi e per decorazione);
  • Un paio di caligae, cioè i sandali da marcia, unite all'uso di calze di cuoio o stoffa;
  • Una tunica di colore rosso per gli ufficiali e di colore bianco per la truppa, comune a tutti i legionari;
  • Una paenula, pesante mantello con cappuccio, usato nel periodo invernale;
  • Un trulleus, pentola di bronzo;
  • Una patera, scodella di legno;
  • Un loculus, una cartella generalmente in pelle (45 per 30 cm o più piccola, della giusta dimensione per essere tratta da un unico pezzo di pelle di capra o vitello);
  • Una dolabra, specie di piccone usato come pala e ascia, probabilmente impiegato anche con finalità offensive (il vittorioso generale di Nerone, Domizio Corbulone amava dire ai suoi soldati che la vittoria andava conquistata a colpi di dolabra);[47]
  • Tra gli altri impedimenta, uno o più pila muralia o sudes, pezzi di legno a sezione quadrata appuntiti, sorta di cavalli di frisia.

Armi collettive[modifica | modifica sorgente]


L'artiglieria romana comprendeva baliste (ogni legione ne aveva 55 ca., servite ciascuna da 11 uomini), ossia grandi balestre montate su ruote, che grazie alla torsione delle loro corde riuscivano a scaraventare anche a molti metri di distanza enormi dardi, che potevano essere incendiati. Insieme alle baliste c'erano anche gli "scorpioni", simili alle precedenti ma molto più piccoli e maneggevoli.

Insieme alle baliste venivano schierati gli onagri (catapulte chiamate così per il rinculo che producevano durante il lancio), che lanciavano massi ricoperti di pece, cui si appiccava il fuoco, creando vere e proprie "bombe incendiarie", con lo scopo di abbattere le difese nemiche, distruggendo mura ed edifici.

I genieri in forza alle legioni erano in grado di costruire e schierare potenti armi collettive, in funzione sia offensiva che difensiva, tra cui i già citati onagri (10 per legione, ovvero 1 per coorte[49]), catapulte, scorpiones e carrobaliste (55 per legione[49]), queste ultime parti essenziali dell'artiglieria legionaria, introdotte nel II secolo e usate per la prima volta da Traiano.[50] Le macchine mobili avevano una funzione tattica analoga a quella della attuale artiglieria campale; inoltre vi erano altre macchine usate esclusivamente per l'assedio, come baliste, arieti, torri d'assedio, vinee[51].

Artiglieria

Crisi del III secolo[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Crisi del III secolo e Anarchia militare.

Del singolo miles[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Legionario romano.

L'equipaggiamento romano era prodotto in massa nelle fabricae statali, che mettevano insieme avanzate tecnologie di forgiatura e abili artigiani.[52] L'impero aveva dovuto fare maggiore ricorso a queste fabbriche per sostenere l'offerta dei privati, ormai in calo, a causa delle difficoltà economiche, e produrre da sé le armi, che venivano fornite ai soldati dietro sostituzione al momento del pensionamento. A partire da quest'epoca il connubio gladio-pilum che aveva fatto il successo dell'epoca precedente decadde a favore del ricorso sempre maggiore alle lance e alle armi da tiro. Le spade (più lunghe, tali da non potersi più definire gladii), accanto ai pugnali (e a un incipiente uso di asce e più raramente mazze e bipenni), continuano a utilizzarsi per quest'epoca nella fase del combattimento corpo a corpo. Per quanto concerne le armature, la lorica segmentata, la grande innovazione dei due secoli precedenti, scompare nel III secolo, facendo spazio a loriche hamatae e squamatae, poi anch'esse sempre più rare fino alla fine dell'impero.[53]

Le armi romane erano fabbricate con quantità variabili di acciaio, come il chalbys noricus, prodotto nelle miniere imperiali, che, sebbene di qualità inferiore all'acciaio prodotto in quel periodo in Asia centrale e in Cina, risultava notevolmente superiore al ferro non forgiato. Di contro, la tecnologia della forgiatura e gli artigiani esperti erano molto più rari nei paesi esterni all'impero, sebbene vi siano prove che la produzione e standardizzazione dell'equipaggiamento erano notevolmente aumentate dall'epoca del Principato. L'uso dell'acciaio era noto ad esempio nella Germania libera, dove si producevano spathae e stocchi in acciaio flessibile.[54] La produzione di prodotti forgiati sofisticati, in un caso esemplare come quello delle fucine alemanniche, come armature di metallo, elmetti e spade, era tuttavia sicuramente su scala inferiore a quella dei romani.[55] Armi semplici come asce e coltelli erano spesso realizzati in ferro non forgiato. La protezione delle truppe romane era ottenuta tramite armature metalliche, normalmente una lorica hamata (armatura a maglia), ed elmi, oltre agli scudi, di varie fatture.[56]

Armi di offesa
  • Un contus, lancia lunga e pesante, usata nelle forze di cavalleria;
  • Una spatha, di varie fatture, e una semi-spatha, un tempo tipiche degli ausiliari;
    • Un pugio, leggermente diverso da quello del I secolo, con lama più larga;
  • Una hasta, lancia medio-lunga, con punta anche seghettata, simile all'angone usato dai Franchi;
Armi da tiro
  • Una lancea, giavellotto medio, in uso presso le truppe di lanciarii (schermagliatori);
  • Vari pila più pesanti e più corti, con fusti a incastro o muniti di codolo, utilizzati all'esordio del secolo;
  • Alcune plumbatae (o martiobarbuli), piccoli dardi o giavellotti corti.
  • Uno spiculum, lungo giavellotto;
Equipaggiamento da difesa
  • Un elmo di tipo: Intercisa (con paranuca e paragnatidi) di matrice sasanide, diffusosi verso la fine del III secolo (e impiegato fino al V sec.), Niederbieber, Weiler (riccamente elaborato e ornato, specie da cavaliere), Berkasovo, con protezione per il naso o anche paragratidi;
    • Un elmo di tipo imperiale (o nella variante italica), con paragnatidi e paranuca, agli esordi del secolo;
  • Loriche hamatae, più raramente squamatae; il tipo Alba Iulia (rappresentato in una sola scultura ritrovata nel sito omonimo), avvicinabile a una variante di segmentata, non è attestato come modello di fabbricazione diffuso, forse neppure inquadrabile nella categoria delle loriche;[43]
  • Un clipeus rotondo o ovale, composto di assi di legno con rinforzi di ferro munito di umbone, oppure, più raramente, completamente metallico;
    • Uno scutum rettangolare con rilievo metallico trasversale e umbone ancora all'inizio del III secolo.
Altro equipaggiamento
  • Una tunica indossata sotto la lorica, di solito larga, a maniche lunghe;
  • Un paio di pantaloni (bracae), inizialmente importati dai Galli Transalpini, entrati nell'uso anche dei legionari;
  • Un budriere o balteo per sostenere la spatha;
  • Scarponi, simili a quelli usati dai civili, ormai sempre più usati rispetto alle caligae, all'occorrenza accompagnati all'uso di udones (calze).

Periodo tardo imperiale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Tardo Impero romano.

Del singolo miles[modifica | modifica sorgente]

Soldato romano del IV secolo. Indossa un elmo Berkasovo, lorica hamata con maniche simile a un giaco, un budriere per la spatha, un cingulum per la semispatha. Nella mano destra, una hasta e quello che sembra uno spiculum, un grosso giavellotto. Lo scudo, un grande clipeo.
Legionario romano del IV-V secolo, dotato di elmo Berkasovo, lorica hamata, hasta e scudo tondo riccamente dipinto, dotato di umbo acuminato, una vera e propria arma.

Per il tardo impero si segnala la grande eterogeneità delle uniformi. A partire dalla fine del IV secolo, infatti, lo stato non conferiva più il vestiario direttamente al solato, ma forniva delle indennità per il suo acquisto. A tal proposito va evidenziato un diverso abbigliamento, e con tutta probabilità anche una difformità di armamento, segnatamente tra limitanei e comitatensi. Si suppone che i primi, alloggiando presso i castella di confine, si rifornissero presso le fabbriche (segnalate in 35 dalla Notitia Dignitatum, ma in totale se ne contano una quarantina) e i magazzini statali dei forti, e quindi godessero di una maggiore uniformità di equipaggiamento.[58] Per i comitatensi, in genere per l'esercito regolare, la situazione era diversa. L'introduzione dell'indennità era infatti diretta a superare le difficoltà logistiche della distribuzione delle uniformi e nel caso di questi ultimi, trattandosi di truppe "mobili" (anche se tale presunta "mobilità" rispetto ai limitanei è stata messa in discussione) e più soggette a spostamenti, è plausibile pensare che l'eterogeneità di vestiario e armamento fosse ancora più accentuata, proprio a motivo della molteplicità degli scenari toccati da questi soldati e del continuo impegno sul campo di battaglia, aspetto che postulava un frequente ricambio e una ripetuta sostituzione di armi e equipaggiamento, vuoi perché danneggiate, vuoi perché inadatte al nuovo nemico che si apprestava ad affrontare.

A ciò va aggiunto che la consuetudine di richiamare le legioni da altre regioni di confine, sempre più pericolante a partire dall'epoca di Marco Aurelio, per tamponare situazioni di emergenza, imponeva inevitabilmente un adeguamento dell'armamento e del vestiario. I soldati potevano passare da operare in climi freddi, allo svolgere operazioni belliche in climi torridi, o viceversa.[59] Va tenuto conto, infine, del fatto che, solitamente, alla fine di una guerra, specie vittoriosa, gli uomini potevano tornare in patria reduci dagli scontri con indosso armature e indumenti peculiari del popolo sconfitto. A tal punto che un esercito di ritorno da una o più campagne poteva riportare con sé un variegato melting pot di elementi di abbigliamento, mode e usanze.

Per quanto riguarda la produzione statale di armi, in quest'epoca, a partire dal III secolo, si incrementa il ruolo dello stato (prima compensato dai privati) nel fornire armi ai soldati (che venivano restituite da questi al momento del congedo), attraverso l'apertura di numerose officine in tutto l'impero.[60] La situazione di crisi ai confini, l'instabilità politica, le difficoltà finanziarie non permettevano una fornitura attraverso il naturale ciclo economico dell'armamento, richiedendo il sostegno sul lato dell'offerta dalle fabricae. Questi opifici (poi chiamati ginecei per l'attivo ruolo che vi avevano le donne) erano diverse da quelle di età alto-imperiale, allocate all'interno degli accampamenti, risultando totalmente indipendenti da essi.

Tra i legionari romani, scomparsa la lorica segmentata, continuarono a essere impiegate la lorica hamata e la lorica squamata, fino al definitivo accantonamento, secondo alcuni, delle armature sotto Graziano quando non furono più prodotte, anche se è probabile che si continuarono a usare anche se in misura inferiore.[53] Il soldato romano tardo-imperiale indossava un elmo del modello Ridge (con una calotta costituita da due metà saldate insieme da una cresta metallica) oppure Spangenhelm (con una calotta conica costituita da sei piastre), mentre la lorica hamata sopra una tunica a maniche lunghe (finemente ornata quella degli ufficiali). Qualora non fosse fornito di armamento pesante indossava un berretto pannonico (più comune in occidente) o un berretto frigio (più comune in oriente). Solitamente brandiva uno scudo ovale o rotondo dipinto con lo stemma della sua unità, lo spiculum (simile al pilum), il verutum (giavellotto) o la lancea. Appesa al cingulum (al cinturone) portava la spatha.

Potevano essere armati con spathae di varia lunghezza;[61] con vari tipi di armi da lancio: uno spiculum, equivalente al vecchio pilum, un vericulum, probabilmente un giavellotto leggero,[62] e, a partire dal IV secolo, un particolare tipo di dardo chiamato plumbata, che doveva essere lanciato senza l'ausilio di armi;[63][64] infine con una lancia da urto che assunse sempre più importanza, tanto da diventare arma fondamentale nell'equipaggiamento della fanteria pesante.[65] L'elemento essenziale dell'armamento era divenuta ormai la coppia lancia-scudo, supportante da un uso più massiccio di armi da lancio, probabilmente segnale di una involuzione delle strategie offensive o delle capacità di attacco degli stessi soldati.[1] Nei combattimenti corpo a corpo poteva essere più agevole utilizzare una spada corta, chiamata semispatha.[66] Lo scudo, di circa un metro di diametro, era principalmente di forma ovale o tonda, con decorazioni che indicavano l'unità di appartenenza,[67] mentre l'umbone poteva essere semisferico oppure conico.[68]

Armi da offesa
  • Uno spiculum o hasta, una lancia lunga, con asta di 1,60–70 m e punta di ferro triangolare di lunghezza variabile, che poteva essere resa più dannosa con seghettature o l'aggiunta di più alette;[1][69]
  • Una spatha, più lunga rispetto al gladius ormai in disuso,[70] appesa al balteo o una semispatha, più corta;[71]
  • Un pugio, leggermente diverso da quello del I secolo, con lama più larga;
  • Altre armi attestate: asce (dolabre) e più raramente mazze;[72]
Armi da lancio
  • Costituivano i massilia, ovvero le armi da lancio, molto usate in quest'epoca rispetto all'epoca imperiale:
    • Un verutum, un giavellotto corto, con asta di 1 m e punta di ferro di 12 cm;[69]
    • Alcune plumbate, speciali dardi o giavellotti con punta di metallo, definiti da Vegezio mattiobarbuli, fissati allo scudo; sempre Vegezio sostiene che laddove armati di questi dardi "i soldati scudati svolgono la stessa attività degli arcieri";[73]
    • Una funda, ovvero una frombola per il lancio di piccoli proietti;
    • Dei telae, delle frecce utilizzate dalle truppe munite di arco;
    • Lanceae, giavellotti medi, di cui erano ancora dotati i lanciarii.
Equipaggiamento da difesa
  • L'elmo, di solito sormontato da un pennacchio o un cimiero metallico, si predilige di forma semplice, a semisfera (due semicalotte fissate tra loro) o a più piastre unite insieme, a cui venivano aggiunte protezioni per la nuca, per le gote e per il naso; le tipologie più frequenti sono: Intercisa con paragnatidi e paranuca, Berkasovo con paranaso, Spangenhelm con paragratidi e senza paranaso e paranuca, Augst (variante molto simile all'Intercisa) e Budapest;[74] si attesta l'uso anche di elmi attico-romani come risulta dai rilievi di epoca costantiniana nell'Arco di Costantino;[75]
  • Un clipeo ovale o rotondo, formato da assi di legno con profilo di cuoio attorno, munito di umbone;
  • Una lorica hamata o lorica squamata, più raramente musculata, oppure un semplice farsetto imbottito, talvolta munito di pteruges; l'armatura scompare con l'approssimarsi alla fine del secolo V.
Altro equipaggiamento
  • Un berretto pesante di pelle "pannonico", portato perché "l'elmo non sembrasse pesante durante il combattimento";[80]
  • Un sagum, mantello rettangolare usato dai militari sin dall'epoca repubblicana, orlato di frangiature e decorato con vari motivi;
  • Dei pantaloni o brache, assieme alla tunica o indossata separatamente da questa;
  • Un subarmalis, farsetto imbottito al di sotto dell'armatura;
  • Una dalmatica, tunica corta e larga, a maniche lunghe, oppure una camisia, con maniche a tubo, che in epoca tarda si sostituisce, quando non è indossata la toga, alla tunica (nel IV secolo plissettata) come tenuta regolamentare;[81][82]
  • Le calzature si segnalano simili a quelle dei civili; in particolare gli scarponi erano con laccio integrato, dotati di suola chiodata o liscia; non più prodotta da tempo la caliga.[81]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Yann Le Bohec, Armi e guerrieri di Roma antica. Da Diocleziano alla caduta dell'impero, Roma, 2008, pp. 160-161
  2. ^ a b P.Connolly, Greece and Rome at war, Londra 1998, p.93.
  3. ^ a b P.Connolly, Greece and Rome at war, Londra 1998, p. 94.
  4. ^ a b Livio, Ab Urbe condita libri, IV, 59-60; e VIII, 8, 3.
  5. ^ Plutarco, Vita di Romolo, 21, 1.
  6. ^ a b c d e f Tito Livio, Ab Urbe condita libri, I, 43.
  7. ^ Polibio, Storie, VI, 25, 3.
  8. ^ Polibio, Storie, VI, 25, 4.
  9. ^ a b c Dionigi d'Alicarnasso, Antiquitates Romanae, 4, 16, 2-5.
  10. ^ a b Dionigi d'Alicarnasso, Antiquitates Romanae, 4, 17, 1-4
  11. ^ Cascarino, I, op. cit., p.54
  12. ^ P.Connolly, Greece and Rome at war, Londra 1998, p.91.
  13. ^ P.Connolly, Greece and Rome at war, Londra 1998, p. 92.
  14. ^ ARMAMENTARIUM ROMANUM CASSIDES et GALEAE - ITALICI (VIII-V sec. a.C.). URL consultato il 3 sett 2012.
  15. ^ ARMAMENTARIUM ROMANUM CASSIDES et GALEAE - NEGAU (VII-IV sec. a.C.). URL consultato il 3 sett 2012.
  16. ^ a b c d e Silvano Mattesini, Le legioni romane: l'armamento in mille anni di storia, pp. 37, 39, 44, 51, 59, 61. URL consultato il 25 ago 2012.
  17. ^ ARMAMENTARIUM ROMANUM CASSIDES et GALEAE - CALCIDICO-ATTICO (VI-IV sec. a.C.). URL consultato il 3 sett 2012.
  18. ^ Livio, Ab Urbe condita libri, I, 43, 8-10.
  19. ^ Dionigi d'Alicarnasso, Antiquitates Romanae, 4, 17, 1-4; 4, 18, 1-3.
  20. ^ William Smith, A Dictionary of Greek and Roman Antiquities, Little, Brown, and Co., p. 172. ISBN 0-89341-166-3.
  21. ^ Pat Southern, The Roman Army: A Social and Institutional History, Oxford university press, 2007, p. 90. ISBN 0-19-532878-7. URL consultato il 21-09-2008.
  22. ^ Polibio, Storie, VI, 23, 8-9
  23. ^ Chris McNab, L'esercito di Roma, Gorizia 2012, p. 114
  24. ^ Plutarco, Vita di Mario, XXV, 1-2
  25. ^ Polibio, Storie, VI, 22
  26. ^ ARMAMENTARIUM ROMANUM CASSIDES et GALEAE - PILOS (V-III sec. a.C.). URL consultato il 3 sett 2012.
  27. ^ ARMAMENTARIUM ROMANUM CASSIDES et GALEAE - ATTICO (III-II sec. a.C.). URL consultato il 3 sett 2012.
  28. ^ ARMAMENTARIUM ROMANUM CASSIDES et GALEAE - BEOTICO (II-I sec. a.C.). URL consultato il 3 sett 2012.
  29. ^ ARMAMENTARIUM ROMANUM CASSIDES et GALEAE - CELTICI (II sec. a.C.-I sec. d.C.). URL consultato il 3 sett 2012.
  30. ^ ARMAMENTARIUM ROMANUM CASSIDES et GALEAE - HAGUENAU (I sec. a.C.-I sec. d.C.). URL consultato il 3 sett 2012.
  31. ^ a b Nic Fields, I legionari di Roma in età repubblicana 298-105 a. C., Casa editrice goriziana, Gorizia 2013, p. 41 ss
  32. ^ Polibio, Storie, VI, 23, 3.
  33. ^ Polibio, Storie, VI, 23, 4.
  34. ^ Vegezio, Epitoma rei militaris, I, XX, 12
  35. ^ Livio, Ab urbe condita, IX, 40
  36. ^ Ranuccio Bianchi Bandinelli e Mario Torelli, L'arte dell'antichità classica, Etruria-Roma, Torino, Utet, 1976. Arte romana, scheda 49
  37. ^ Plinio il Vecchio, Storia naturale, XXXIII, 2.
  38. ^ a b Sesto Giulio Frontino, Stratagemata, IV, 1.7.
  39. ^ (EN) Raffaele D'Amato, Roman Military Clothing (1): 100 BC-AD 200, pp. 38. URL consultato il 7 dic 2012.
  40. ^ Polibio, Storie, I, 43.
  41. ^ G.Cascarino, L'esercito romano. Armamento e organizzazione, Vol. II - Da Augusto ai Severi, p.279.
  42. ^ Peter Connolly, Greece and Rome at war, The empire 140 BC-AD 200, London, 1998, p. 233.
  43. ^ a b Luca Bonacina, La Lorica "Segmentata". URL consultato il 12 dicembre 2012.
  44. ^ Tacito, Agricola, 36, 2: ferire umbonibus (ferire per mezzo dell'umbone)
  45. ^ Robinson, op. cit., p.179
  46. ^ Tacito, Agricola, 36, 1
  47. ^ Frontino, Stratagemata, IV, 7, 2
  48. ^ Cesare, Guerra civile , LXXVIII
  49. ^ a b Vegezio, Epitoma rei militaris, II, 25.
  50. ^ Edward Luttwak, La grande strategia dell'impero romano, Rizzoli, Milano 2013, p. 232
  51. ^ Vegezio Epitoma rei militaris, IV, 15.
  52. ^ (EN) Hugh Elton, Roman Warfare AD 350-425, Oxford, Clarendon Press, 1996, p. 116
  53. ^ a b Yann Le Bohec, Armi e guerrieri di Roma antica. Da Diocleziano alla caduta dell'impero, Roma, 2008, pp. 170-173
  54. ^ (DE) Klaus Raddats, Die Bewaffnung der Germanen in der jüngeren römischen Kaiserzeit, in Nachrichten von der Akademie der Wissenschaften in Göttingen, Göttingen, Vandenhoeck & Ruprecht, 1967, pp. 9-10
  55. ^ (EN) Hugh Elton, Roman Warfare AD 350-425, Oxford, Clarendon Press, 1996, p. 69
  56. ^ (EN) Hugh Elton, Roman Warfare AD 350-425, Oxford, Clarendon Press, 1996, p. 107
  57. ^ Silvano Mattesini, Le legioni romane: l'armamento in mille anni di storia, pp. 162 ss. URL consultato il 25 ago 2012.
  58. ^ Chris McNab, L'esercito di Roma, Gorizia 2012, pp. 279-280
  59. ^ Chris McNab, L'esercito di Roma, Gorizia 2012, pp. 282-283
  60. ^ Yann Le Bohec, Armi e guerrieri di Roma antica. Da Diocleziano alla caduta dell'impero, Roma, 2008, pp.155-157
  61. ^ Cascarino, Sansilvestri, op. cit., p.143
  62. ^ Cascarino, Sansilvestri, op. cit., p.153
  63. ^ Vegezio, Epitoma rei militaris, I, 17
  64. ^ Cascarino, Sansilvestri, op. cit., p.156
  65. ^ Cascarino, Sansilvestri, op. cit., p.154
  66. ^ Cascarino, Sansilvestri, op. cit., p.151
  67. ^ Vegezio, Epitoma rei militaris, II, 18
  68. ^ Cascarino, Sansilvestri, op. cit., p.140
  69. ^ a b Vegezio, Epitoma Rei Militaris, II, 15, 5
  70. ^ Ammiano Marcellino la definisce ancora gladius alla maniera antica; il termine spatha è attestato da Vegezio; appare espremamente improbabile che il gladius di cui scrive Ammiano Marcellino sia lo stesso del I secolo, il quale probabilmente vi si riferisce ricorrendo a un arcaismo
  71. ^ Vegezio, Epitoma Rei Militaris, II, 15, 4
  72. ^ Yann Le Bohec, Armi e guerrieri di Roma antica. Da Diocleziano alla caduta dell'impero, Roma, 2008, p. 168
  73. ^ Vegezio, Epitoma Rei Militaris, I, 17, 3
  74. ^ Yann Le Bohec, Armi e guerrieri di Roma antica. Da Diocleziano alla caduta dell'impero, Roma, 2008, pp. 183-185
  75. ^ McNab, op. cit., p. 288
  76. ^ Cascarino, Sansilvestri, op. cit., p.129
  77. ^ Cascarino, Sansilvestri, op. cit., p.130
  78. ^ Cascarino, Sansilvestri, op. cit., p.133
  79. ^ Cascarino, Sansilvestri, op. cit., p.131
  80. ^ Vegezio, Epitoma Rei Militaris, I, 20, 18
  81. ^ a b c Yann Le Bohec, Armi e guerrieri di Roma antica. Da Diocleziano alla caduta dell'impero, Roma, 2008, pp. 176-177
  82. ^ Jean-Michel Carrié, Il soldato, in Andrea Giardina (a cura di), L'uomo romano, Laterza, 2009, p. 137

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti antiche
Wikisource-logo.svg Testo latino completo su VICIFONS
Wikisource-logo.svg Testo latino completo su VICIFONS
Fonti moderne
  • Erik Abranson, J.P. Colbus, La vita dei legionari al tempo della guerra di Gallia, Milano, Mondadori, 1979.
  • Giuseppe Cascarino, L'esercito romano. Armamento e organizzazione, Vol. I - Dalle origini alla fine della repubblica, Rimini, Il Cerchio, 2007.
  • Giuseppe Cascarino, L'esercito romano. Armamento e organizzazione, Vol. II - Da Augusto ai Severi, Rimini, Il Cerchio, 2008.
  • Giuseppe Cascarino, Carlo Sansilvestri, L'esercito romano. Armamento e organizzazione, Vol. III - Dal III secolo alla fine dell'Impero d'Occidente, Rimini, Il Cerchio, 2009.
  • Mike C. Bishop, Roman Military Equipmen from the Punic War to the Fall of Rome, Oxford, Oxbow Books, 2006.
  • Mike C. Bishop, Lorica segmentata, Vol I. A handbook of articulates Roman plate armour, Braemar, The Armature Press, 2002.
  • Mike C. Bishop, Lorica segmentata, Vol II. A handbook of articulates Roman plate armour, Braemar, The Armature Press, 2003.
  • Peter Connolly, L'esercito romano, Milano, Mondadori, 1976.
  • Peter Connolly, Greece and Rome at war, Londra, Greenhill Books, 1998. ISBN 1-85367-303-X.
  • Nic Fields, Adam Hook, Roman Auxiliary Cavalryman, Oxford, Osprey, 2006.
  • Adrian Keith Goldsworthy, The Roman Army at War, 100 BC-AD 200, Oxford, Clarendon Press, 1998.
  • Lawrence Keppie, The Making of the Roman Army, from the Republic to Empire, Londra, Routledge, 1998.
  • Yann Le Bohec, L'esercito romano. Le armi imperiali da Augusto alla fine del III secolo, Roma, Carocci, 1993.
  • Yann Le Bohec, Armi e guerrieri di Roma antica. Da Diocleziano alla caduta dell'impero, Roma, Carocci, 2008. ISBN 978-88-430-4677-5.
  • Simon McDowall, Late Roman Infantryman, 236-565 AD, Oxford, Osprey Publishing, 1994.
  • Chris McNab, L'esercito di roma, Gorizia, Libreria editrice goriziana, 2012.
  • Alessandro Milan, Le forze armate nella storia di Roma Antica, Roma, Jouvence, 1993.
  • Massimo Olmi, Le armature romane in età imperiale, Roma, Chillemi, 2009.
  • Henry D. Parker, The Roman Legions, New York, Rowman & Littlefield Publishers, 1971.
  • H. Russel Robinson, The Armour of Imperial Rome, Londra, Arms and Armour Press, 1975.
  • Silvano Mattesini, Le Legioni Romane, L'armamento in mille anni di storia, Roma, Gremese Editore, 2006.
  • Alaric Watson, Aurelian and the Third Century, Londra, Routledge, 1999.
  • Graham Webster, The Roman Imperial Army of the first and second centuries AD, Norman, University of Oklahoma Press, 1998.
  • Giovanni Brizzi, Il guerriero, l'oplita, il legionario, Bologna, Il Mulino, 2002.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]