Aree marine protette d'Italia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Aree marine protette italiane)
Jump to navigation Jump to search

Le aree marine protette sono costituite da tratti di mare, costieri e no, in cui le attività umane sono parzialmente o totalmente limitate. Nelle riserve marine è assolutamente vietato abbandonare rifiuti sulle spiagge. Le seguenti attività sono soggette a regolamentazione variabile: pesca sportiva, pesca professionale, immersione subacquea, ingresso con mezzi di trasporto inquinanti (imbarcazioni a motore, moto, automobili). La tipologia di queste aree varia in base ai vincoli di protezione.

Le aree marine protette indicate nell'EUAP (6º aggiornamento del 2010) sono 27, per una superficie a mare di circa 222.442 ettari.[1]

Grotta della Colombara - AMP Portofino
Corallium rubrum nella grotta di Amphitrite – AMP Capo Caccia

Aree sovraregionali[modifica | modifica wikitesto]

Abruzzo[modifica | modifica wikitesto]

Calabria[modifica | modifica wikitesto]

Campania[modifica | modifica wikitesto]

Friuli Venezia Giulia[modifica | modifica wikitesto]

Lazio[modifica | modifica wikitesto]

Liguria[modifica | modifica wikitesto]

Marche[modifica | modifica wikitesto]

Puglia[modifica | modifica wikitesto]

Sardegna[modifica | modifica wikitesto]

Sicilia[modifica | modifica wikitesto]

Toscana[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elenco ufficiale delle aree protette (EUAP) 6º Aggiornamento approvato il 27 aprile 2010 e pubblicato nel Supplemento ordinario n. 115 alla Gazzetta Ufficiale n. 125 del 31 maggio 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]