Area naturale marina protetta Secche di Tor Paterno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Area naturale marina protetta
Secche di Tor Paterno
Corallo d'oro Savalia savaglia a Tor Paterno.jpg
Un corallo d'oro (Savalia savaglia) nella riserva marina Secche di Tor Paterno
Tipo di areaArea marina protetta
Codice WDPA20721
Codice EUAPEUAP 1172
Class. internaz.Categoria IUCN IV: area di conservazione di habitat/specie
StatiItalia Italia
RegioniLazio Lazio
ProvinceRoma Roma
Superficie a mare1387 ha
Provvedimenti istitutiviD.M. 29/11/2000
GestoreEnte Regionale Roma Natura
Mappa di localizzazione

Coordinate: 41°36′55.08″N 12°26′47.4″E / 41.6153°N 12.4465°E41.6153; 12.4465

L'area naturale marina protetta Secche di Tor Paterno è un'area marina protetta istituita nel dicembre 2000 dal Ministero dell'ambiente ed affidata in gestione all'Ente regionale Roma Natura.[1]

Fauna e flora[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Si trova a circa 5 NM al largo del litorale romano, ed è un rettangolo di km × km che non include alcun tratto emerso di costa. È l'unica area marina protetta italiana con tale caratteristica. I fondali dell'Area marina protetta sono compresi tra −18 m e −75 m di profondità. Tali fondali comprendono un rilievo roccioso che si innalza dal circostante fondale sabbioso, costituendo così una vera e propria "oasi" in grado di attirare moltissime specie ittiche. Sono vietate nell'area protetta la pesca con sistemi ad alto impatto ambientale, la caccia subacquea e la navigazione non autorizzata. Sono invece consentite, ma regolamentate dall'Ente gestore, le attività subacquee e la pesca sportiva.

Strutture ricettive[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre del 2011 è stata inaugurata ad Ostia la sede e centro visite della riserva, denominata la "Casa del Mare".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elenco ufficiale delle aree protette (EUAP) 6º Aggiornamento approvato il 27 aprile 2010 e pubblicato nel Supplemento ordinario n. 115 alla Gazzetta Ufficiale n. 125 del 31 maggio 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]