Arcidiocesi ortodossa d'Italia e Malta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Arcidiocesi ortodossa d'Italia e Malta
῾Ιερὰ Μητρόπολις Ἰταλίας καὶ Μελίτης
Patriarcato ecumenico di Costantinopoli
Chiesa di S.Giorgio dei Greci.jpg
Cattedrale di San Giorgio dei Greci a Venezia
Arcivescovo metropolita Polykarpos Panagiotis Stavropoulos
Sacerdoti 55
Diaconi 3 permanenti
Parrocchie 79 (15 vicariati)
Erezione 5 novembre 1991
Rito bizantino
Cattedrale San Giorgio dei Greci
Indirizzo Castello 3422, Campo dei Greci, 30122 Venezia
Sito web www.ortodossia.it
 

La sacra arcidiocesi ortodossa d'Italia e di Malta ed esarcato per l'Europa meridionale (in greco: ῾Ιερὰ Μητρόπολις Ἰταλίας καὶ Μελίτης) è una giurisdizione ecclesiastica del patriarcato di Costantinopoli. Il suo primate porta il titolo di arcivescovo metropolita d'Italia ed esarca per l'Europa meridionale. È retta dall'arcivescovo Polykarpos Panagiotis Stavropoulos.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

L'arcidiocesi estende la sua giurisdizione sui fedeli che abitano in Italia, a Malta e a San Marino.

Sede del metropolita è la città di Venezia, dove si trova la cattedrale di San Giorgio dei Greci.

Il territorio è suddiviso in 79 parrocchie, riunite in 15 vicariati.

I fedeli (tra i 200.000 e i 350.000) sono per la maggior parte greci-ortodossi, ma ve ne sono altri di lingua romena, russa e qualcuno albanese e si contano parecchi fedeli di lingua italiana, oltre a qualche presbiteri e chierici italiani, entrati a far parte dell'ortodossia. È presente su tutto il territorio nazionale in 49 città, da Udine a Ragusa. Ha creato presso molte delle sue parrocchie centri di studio e di preghiera, di aggregazione sociale e giovanile.

Monasteri[modifica | modifica wikitesto]

Monasteri in Italia sono:

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La presenza del patriarcato di Costantinopoli in Italia è antichissima e risale al VI secolo, con la conquista bizantina dell'Italia. Nei secoli andò scemando la tradizione bizantina, a causa della conquista musulmana della Sicilia e infine, con la riconquista normanna, della preponderanza del rito latino.

Intanto già dalla fine del '400 cominciarono a rivolgersi verso l'Italia grandi flussi migratori di popolazioni di fede orientale, fra i quali si ricordano gli albanesi, stabilitisi come rifugiati in tutta la penisola, ma interessando soprattutto le zone dell’Italia meridionale e della Sicilia dopo la conquista ottomana della propria terra. Essi, così come prevedeva il Concilio del 1431-1445 per l'unione delle Chiese, confluiranno nella chiesa cattolica come italo-albanesi di rito orientale. Queste popolazioni di rito greco-bizantino dai Balcani e dalla Morea arrivarono nella penisola e fondarono molte comunità. Si ricordi che a Venezia ebbero sede sino al '700 i metropoliti di Filadelfia.

Il patriarcato di Costantinopoli volle riorganizzare l'ortodossia in Italia dall'inizio del XX secolo. Inizialmente il territorio italiano fece parte dell'esarcato dell'arcidiocesi di Tiatira e Gran Bretagna (1922-1963) e poi dell'esarcato di Austria e Ungheria.

Il 5 novembre 1991 venne creata la diocesi attuale dal patriarca di Costantinopoli Bartolomeo I.[1]

Il 25 aprile 2005 le fu aggregato il territorio di Malta,[2] separandolo dal territorio dell'arcidiocesi di Tiatira e Gran Bretagna.

La Sacra arcidiocesi d'Italia ed Esarcato per l'Europa meridionale concorre all'otto per mille dalla dichiarazione dei redditi del 2013, a seguito di intesa del 4 aprile 2007, ratificata nel 2012.[3]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

L'arcidiocesi pubblica annualmente un calendario tascabile annuale in italiano e in greco moderno. Inoltre ha la supervisione del periodico Katafygè in greco moderno, della parrocchia di San Demetrio Megalomartire di Bologna, e del foglio settimanale Il Giorno del Signore in italiano, a cura della parrocchia di Sant'Elia lo Speleota di Reggio Calabria.

Cronotassi dei metropoliti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tomo di fondazione, su ortodossia.it (archiviato l'11 gennaio 2014).
  2. ^ Ridenominazione della Sacra Arcidiocesi Ortodossa d'Italia, su ortodossia.it.
  3. ^ Intesa conclusa il 4 aprile 2007 e ratificata con Legge 30 luglio 2012, n. 127, in materia di "Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli ultimi giorni, in attuazione dell'articolo 8, terzo comma, della Costituzione"

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]