Protosincello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Questa voce è parte della serie
Oriente cristiano
Christ Pantocrator Deesis mosaic Hagia Sophia.jpg

Storia
Impero bizantino
Crociate
Concilio ecumenico
Cristianizzazione della Rus' di Kiev
Cristianizzazione della Bulgaria
Scisma Oriente-Occidente
Per regione
Copta
Armena
Georgiana

Tradizioni
Chiesa ortodossa
Chiese cattoliche orientali
Chiese ortodosse orientali
Cristianesimo ortodosso
Cristianesimo siriaco

Liturgia e culto
Segno della croce
Divina Liturgia
Iconografia
Ascetismo
Omoforio

Teologia
Esicasmo - Icona
Apofaticismo - Catafaticismo-Clausola del Filioque
Diofisismo - Theotokos
Figlio di Dio - Figlio dell'uomo
Monofisismo - Nestorianesimo
Pelagianesimo - Modalismo
Miafisismo - Adozionismo - Modalismo
Docetismo - Arianesimo
Theosis - Theoria
Phronema - Filocalia
Praxis - Ipostasi - Ousia
Essenza-distinzione di energie
Metousiosis

Un Protosincello (protosyncellus in latino o greco protosynkellos (πρωτοσύγκελλος), è il vicario principale del vescovo di un'eparchia per l'esercizio del potere amministrativo in una Chiesa ortodossa d'Oriente o nelle Chiese Cattoliche particolari di Rito Orientale. La posizione equivalente nelle chiese dell'Occidente Cristiano è il vicario generale.

Il protosyncellus è normalmente un Sacerdote anziano, Archimandrita, Corepiscopo o Vescovo ausiliare selezionato per assistere il Vescovo con le sue responsabilità amministrative. In questa veste il Protosincello esercita il potere esecutivo del Vescovo sull'intera Eparchia.

Il titolo deriva dal termine greco synkellos (σύγκελλος) (Sincello), da syn, "con", e kellion, "cella" (latino: cella). Synkellos era un termine usato alle origini del Cristianesimo per i monaci o chierici che vivevano nella stessa cella con i loro vescovi e il cui compito era di essere testimoni della purezza della loro vita o per eseguire gli esercizi spirituali quotidiani in comune con loro.

Nella Chiesa orientale sono diventati i consiglieri e i confessori di patriarchi e Vescovi e sono stati loro segretari e uomini di fiducia. Erano subito dopo i loro maestri ed avevano un seggio e voto nei Sinodi della Chiesa. Nel corso del tempo i patriarchi hanno scelto due o più sincelli, il più importante dei quali è stato chiamato protosynkellos, latinizzato come protosyncellus (Protosincello).

Nella Chiesa armena è paragonabile alla funzione di questo il Vardapet.

Un famoso Syncellus è stato Georgios Synkellos[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Storico bizantino che ha ricoperto dal 784 all'806, la carica di "sincello" del patriarca Tarasio.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ignazio Guidi, Raccolta di scritti 1: Oriente cristiano, Istituto per l'oriente Ed., 1945
  • Atti del convegno internazionale sul tema: L'oriente cristiano nella storia della civiltà: Roma, 31 marzo-3 aprile 1963 - Firenze, 4 aprile 1963, Roma, Accademia nazionale dei Lincei, 1964
  • Vincenzo Poggi, L´Oriente cristiano: Panorama delle Chiese cristiane in Asia e in Africa, Edizioni Studio Domenicano, 2005, ISBN 978-88-7094-557-7
  • Riccardo Pane, L'Oriente cristiano - La Chiesa armena, Edizioni Studio Domenicano, 2005, ISBN 88-7094-560-X

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]