Andrea Ferrazzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Andrea Ferrazzi
Andrea Ferrazzi datisenato 2018.jpg

Senatore della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato 23 marzo 2018
Legislature XVIII
Gruppo
parlamentare
Partito Democratico
Circoscrizione Veneto
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Democratico
Titolo di studio Laurea in Economia Aziendale
Università Università Ca' Foscari Venezia

Andrea Ferrazzi (Venezia, 16 agosto 1969) è un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in Economia Aziendale presso l'Università di Ca' Foscari di Venezia con una tesi relativa a Strategia d'azienda e pianificazione territoriale, ha conseguito il Master in Comunicazione d'Azienda (U.P.A.). Ha poi lavorato in qualità di Responsabile dello Sviluppo Organizzativo e delle Risorse Umane presso una grande azienda privata.

Ha integrato la formazione in economia del territorio con una specializzazione in Istituzioni e processi di democrazia e sviluppo presso l’Università di Padova, per frequentare poi la prima edizione della Scuola Diocesana di formazione all’impegno socio-politico del Patriarcato di Venezia. Ha legato questa attività con l'associazionismo culturale e sociale, nazionale e internazionale, in America Latina con il padre[1] e nell’est Europa. Dal ’94 al ’98 è stato Vicepresidente dell’Azione Cattolica del Patriarcato di Venezia, Responsabile del settore giovani e Consigliere triveneto.

Ha lavorato in qualità di Responsabile dello Sviluppo Quadri di una grande azienda di cui ha seguito le fasi di riorganizzazione. In particolare, si è occupato di armonizzare lo sviluppo organizzativo interno all’azienda e la formazione delle Risorse Umane, con la domanda del mercato sempre più “complesso e turbolento”.

Nell’associazione "Liberare e Federale", si è occupato dei temi del federalismo e della sussidiarietà.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Eletto nel 1999 in Consiglio Provinciale e nominato Assessore alla Cultura, all’Istruzione e all’Assistenza della Provincia di Venezia, successivamente è stato nominato Vicepresidente della Provincia di Venezia con delega, tra le altre, alle Società Partecipate, ridotte, attraverso un poderoso piano di dismissione, da 43 a 14, incrementando l’efficienza e l’efficacia del sistema dei servizi, parallelamente ad un grande piano di investimenti per le scuole superiori.

Confluendo nel Partito Democratico fin dalla sua fondazione del 2007, risulta eletto come Capolista veneziano alla Costituente Nazionale. Nello stesso anno è stato Responsabile della formazione del Veneto e membro dell’Esecutivo regionale del PD, fondando la prima scuola di formazione regionale, alla quale hanno partecipato per un anno di formazione 140 giovani.

Dal 2010 al 2014 viene nominato Assessore del Comune di Venezia in diversi referati, tra cui Urbanistica ed Edilizia. A seguito di questi incarichi, è stato nominato Responsabile Nazionale dell'Urbanistica per i comuni italiani (ANCI).[2]

Dal 2015 è Capogruppo del Partito Democratico nel Consiglio Comunale[3] di Venezia, nonché consigliere nella Città Metropolitana di Venezia.[4]

Nel 2017 è stato Capolista a Venezia per l'Assemblea nazionale del Partito Democratico. Divenutone membro, è diventato membro dell'Esecutivo Nazionale del Pd e Responsabile nazionale dell'Urbanistica.[5]

Parallelamente, ha lavorato nel settore della Rigenerazione urbana e nella valorizzazione del patrimonio immobiliare.

Elezione a senatore[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche del 2018 viene eletto senatore, nelle liste del Partito Democratico nella circoscrizione Veneto,[6] divenendo capogruppo del Partito Democratico in commissione Territorio e Ambiente.

Il 14 novembre 2018 viene eletto vicepresidente della Commissione bicamerale d’inchiesta sulle Ecomafie.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ COLOMBIA Libero il volontario sequestrato - La Nuova Sardegna, in Archivio - La Nuova Sardegna. URL consultato il 28 marzo 2018.
  2. ^ Il presidente Anci, Piero Fassino, nomina Ferrazzi delegato per l'Urbanistica, in Comune di Venezia. URL consultato l'11 marzo 2018.
  3. ^ admin, Consiglio comunale - Consiglieri comunali, su consigliocomunale.comune.venezia.it. URL consultato l'11 marzo 2018.
  4. ^ Uffici del Consiglio metropolitano | Città metropolitana di Venezia, su cittametropolitana.venezia.it. URL consultato l'11 marzo 2018.
  5. ^ Dipartimenti Pd Renzi chiama Andrea Ferrazzi - Cronaca - La Nuova di Venezia, in La Nuova di Venezia, 25 luglio 2017. URL consultato l'11 marzo 2018.
  6. ^ Redazione Online, Elezioni politiche 2018 in Veneto, centrodestra fa «cappotto», verso la vittoria in tutti i collegi uninominali. Lega triplica i voti di Forza Italia, che si ferma al 10 per cento. I 5 Stelle non sfondano, in Corriere del Veneto. URL consultato l'11 marzo 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]