American Star

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
T/n American Star
8 - AmStar 7.JPG
Il relitto dell'American Star nel 2004 a Fuerteventura
Descrizione generale
Flag of Greece.svg
Tiponave da crociera
Porto di registrazioneStati Uniti New York (1940–41)
Stati Uniti US Navy (1941–46)
Stati Uniti New York (1946–64)
Grecia Piraeus (1964–67)
Panama Panama (1967–68)
Grecia Piraeus (1968–96)
IdentificazioneIMO 5014123
CostruttoriNewport News Shipbuilding and Drydock Co
Varo31 agosto 1939
Viaggio inaugurale22 agosto 1940
Nomi precedentiT/n America (1940-41)
USS West Point (1941-46)
T/n America (1946-64)
T/n Australis (1964-78)
T/n America (1978)
T/n Italis (1978-80)
T/n Noga (1980-84)
T/n Alferdoss (1984-93)
Disarmo1994
Destino finalenaufragata nel 1994
Statosgretolatasi e sommersa dal 2008
Caratteristiche generali
Stazza lorda33,961 tsl
Lunghezza202,23 m
Larghezza38,47 m
Pescaggio9,25 m
Velocità22,5 nodi (41,7 km/h)
Equipaggio643
Passeggeri2258 (massimo)

[senza fonte]

voci di navi passeggeri presenti su Wikipedia

La turbonave American Star fu un transatlantico, poi passata al ruolo di nave da crociera, costruita nel 1940 con il nome di America per la compagnia crocieristica United States Lines.
Nei 54 anni trascorsi tra la sua costruzione e il suo naufragio, nel 1994, ha portato molti nomi: come America per tre volte, poi West Point, Australis, Italis, Noga, Alferdoss ed infine American Star.

Il naufragio[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio del 1994 mentre viene trainata da un rimorchiatore ucraino verso la Thailandia, dove doveva essere trasformata in un albergo galleggiante di lusso, viene colta da una tempesta che causò la rottura dei cavi di rimorchio. Andata alla deriva la nave si incagliò su una spiaggia dell'isola di Fuerteventura dove, dopo 48 ore di tempesta, si spezza in due tronconi rendendo così impossibile il recupero del relitto e viene abbandonata. Nel 1996 il troncone di poppa viene portato via dal mare e affonda mentre la prua rimane immobile fino al novembre del 2005 quando inizia a collassare fino a coricarsi completamente sul lato sinistro. Successivamente, ad aprile 2007, crollò anche il lato di dritta rendendo quello che rimaneva dell'imbarcazione quasi completamente sommerso; nel 2008, infine, il relitto è scivolato sotto la superficie dell'acqua e sta lentamente scomparendo sotto le onde.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]