Nave da crociera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Costa Pacifica

La nave da crociera è una motonave di medie-grosse dimensioni icona del turismo di massa, utilizzata per la crociera, viaggio a fini turistici e ricreativi con una durata variabile da una a quattro settimane, durante le quali i clienti vengono intrattenuti a bordo con le varie strutture presenti, soprattutto di tipo ricreativo e sportivo. Traggono origine dai transatlantici, grandi navi passeggeri inizialmente utilizzati per i collegamenti passeggeri tra l'Europa e il continente americano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima nave da crociera al mondo fu la Francesco I, battente bandiera del Regno delle Due Sicilie, costruita nei cantieri navali di Castellammare di Stabia nel 1831. Il piroscafo aveva una velocità eccezionale rispetto alle navi dell'epoca grazie a motori da 120 cavalli rispetto agli 80 dei francesi e ai 25 degli italiani[si intende il Ducato di Savoia o chi altri?]; la prima crociera al mondo salpò da Napoli i primi di giugno del 1833, preceduta da una campagna pubblicitaria simile a quelle attuali. Sulla nave si imbarcarono nobili, autorità, principi reali provenienti da tutta Europa. In poco più di tre mesi la nave passò per Taormina, Catania, Siracusa, Malta, Corfù, Patrasso, Delfi, Zante, Atene, Smirne, e Costantinopoli, allietando i passeggeri con escursioni e visite guidate, balli, tavolini da gioco sul ponte e feste a bordo. Tuttavia questo viaggio fu un evento isolato e non aperto al pubblico.

Le prime crociere commerciali furono organizzate dalla HAPAG di Albert Ballin che nel 1891 iniziò un servizio periodico e regolare di viaggi in nave esplicitamente ricreativi. La prima unità di questo genere a superare le 100.000 tonnellate di stazza lorda è stata la Carnival Destiny (101353 tsl), costruita in Italia negli stabilimenti Fincantieri di Monfalcone e immessa in servizio nel 1994. Attualmente (2022), la nave da crociera più grande al mondo è la Symphony of the Seas, seguita dalle proprie gemelle Harmony of the Seas, Allure of the Seas e la Oasis of the Seas, lunghe solo 3 metri in meno, della compagnia norvegese/statunitense Royal Caribbean International. Anche le precedenti detentrici del record, vale a dire la Freedom of the Seas e la Voyager of the Seas, appartenevano a tale compagnia, che è la seconda al mondo dopo la Carnival Cruise Lines.

MSC al porto di Barcellona

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Compagnie di navigazione[modifica | modifica wikitesto]

In Italia la prima compagnia di navigazione a occuparsi di crociere fu la Costa Crociere negli anni '50, quando iniziò il declino dei viaggi transatlantici in seguito all'introduzione degli aerei Jet. In seguito vi fu la Flotta Lauro, che fu acquisita dalla MSC Crociere. In Italia il mercato è sostanzialmente diviso tra la Costa Crociere, acquisita dalla più grande compagnia del mondo nel settore, la Carnival Corporation & Plc e la MSC Crociere con sede nel quartiere di 'Champel' a Ginevra, in Svizzera.

Impatti ambientali[modifica | modifica wikitesto]

La maggioranza delle navi di questo settore usa il carburante più inquinante che esista: l'olio combustibile pesante, con sensibili ricadute nella qualità dell'aria soprattutto per le città portuali. L'associazione ong Friends of the Earth stila ogni anno una classifica sugli impegni ambientali delle 18 principali compagnie di crociera, basata su quattro parametri: trattamento degli scarichi, riduzione dell'inquinamento dell'aria, rispetto delle normative sulla qualità dell'acqua, trasparenza pubblica[1]. Controverso risulta l'impatto economico e sociale indotto nelle località di attracco, soprattutto le più piccole, dall'affluenza turistica repentina di migliaia di persone[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ https://foe.org/cruise-report-card/
  2. ^ Llorret et al., Environmental and human health impacts of cruise tourism: A review, 2021, https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0025326X21010134

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85034368 · GND (DE7676145-9 · J9U (ENHE987007533409105171 · NDL (ENJA01142719