Amber Rose Revah

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Amber Rose Revah (Londra, 24 giugno 1986) è un'attrice britannica.

È nota per aver interpretato il ruolo di Hala Hussein, figlia di Saddam, nella serie Casa Saddam e di Maria Maddalena nella miniserie La Bibbia e in Son of God. Ha successivamente recitato in From Paris With Love (2010) e Aazaan (2011).[1] Ha inoltre interpretato il ruolo di Dinah Madani nella serie originale Netflix The Punisher.[2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha origini ebraico-polacche da parte della madre e indo-keniote da parte del padre.[3] I suoi nonni materni furono costretti a lasciare Cracovia prima della guerra e ad andare a vivere nel Regno Unito. Ha una sorella che lavora al Great Ormond Street Hospital a Londra e un fratello istruttore di sci che vive in Svizzera.[4]

Iniziò a recitare all'età di diciassette anni mentre studiava all'Università Brunel. Si unì ad un gruppo giovanile e riuscì a procurarsi un agente. Nel 2011 Revah recitò in Everywhere and Nowhere, dove conobbe il suo futuro compagno Neet Mohan.[5] Nel 2013 recita nella miniserie della BBC What Remains assieme a David Threlfall e Russell Tovey.[6]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Amber Rose Revah, su rottentomatoes.com. URL consultato il 10 settembre 2018.
  2. ^ (EN) Kristen Tauer, Amber Rose Revah Defines Her Character for Marvel, in Women's Wear Daily, 17 novembre 2017. URL consultato il 10 settembre 2018.
  3. ^ (EN) Daphne Locker, The new spice girls: Meet the five young actresses set to sizzle in the hottest new show on the box, Indian Summers, in Daily Mail, 1º febbraio 2015. URL consultato il 10 settembre 2018.
  4. ^ (EN) Amber Rose Revah, in Wonderland Magazine, 7 novembre 2017. URL consultato il 10 settembre 2018.
  5. ^ (EN) Simon Button, Indian Summers' Amber Revah: I look so different from job to job, in Daily Express, 20 marzo 2016. URL consultato il 10 settembre 2018.
  6. ^ (EN) Susanna Lazarus, What Remains: Amber Rose Revah is Vidya Khan, in Radio Times, 25 agosto 2013. URL consultato il 10 settembre 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN305130169 · ISNI (EN0000 0001 3382 4258 · LCCN (ENno2013082779