Alfredo Costa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Alfredo Costa (... – ...) è stato un imprenditore e dirigente sportivo italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Imprenditore[modifica | modifica wikitesto]

Costa era un imprenditore nell'ambito delle forniture navali.[1]

Dirigente sportivo[2][modifica | modifica wikitesto]

Sostituì alla guida della società rossoblu il generale della MVSN Alessandro Tarabini che durante la sua breve gestione assistette alla retrocessione per la prima volta tra i cadetti del sodalizio genovese.[3]

Costa per riportare il Genova 1893 in massima serie rivoluzionò la rosa, cedendo tra gli altri Stabile, Mazzoni, Amoretti e Orlandini sostituendoli con il rientrante Bacigalupo, Vignolini e Dusi ed ingaggiando come allenatore Vittorio Faroppa.

Nonostante l'esonero di Faroppa che venne sostituito dalla vecchia gloria Renzo De Vecchi, il Genova 1893 vinse il proprio girone della Serie B 1934-1935 e conquistò la Coppa del Presidente che assegnava il titolo di campione dei cadetti.[4]

Per affrontare la stagione seguente Costa ingaggiò tra gli altri Emanuel Fillola e Paolo Agosteo. Per i suoi problemi di salute è però costretto ad abbandonare la carica di presidente nel marzo del 1936, venendo sostituito da Juan Culiolo, già membro del direttivo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, De Ferrari, 2008.