Alfred Cartier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alfred Cartier
Nome Alfred Paul Cartier I
Nazionalità Svizzera Svizzera
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore e Attaccante
Carriera
Squadre di club1
1902 Milan 0 (0)
1902 Genoa 4 (0)
1903 Milan 1 (0)
1903 Genoa 0 (0)
1906 Genoa 4 (1)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Alfred Cartier (Les Eaux-Vives, 11 agosto 1882Viganello, 7 marzo 1959) è stato un calciatore e banchiere svizzero.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Les Eaux-Vives, attualmente quartiere di Ginevra, di famiglia ricchissima ed imparentata con la famosa famiglia Cartier produttrice di gioielli e orologi. Si dedicò nei primi anni del Novecento al calcio, conquistando anche uno scudetto con il Genoa. Lasciato lo sport, si dedicò totalmente alla professione di banchiere.

Nel settembre 1921 sposò l'italiana Francesca Bertini, diva del cinema muto[1], con la quale rimase per tutta la vita.

È noto nel mondo del calcio come Cartier II per distinguerlo dal fratello Guido Federico, giocatore delle riserve rossoblu.

Morì in Svizzera, a Viganello, nel 1959.

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

Nella rosa del Milan nel 1902[2], vince con i rossoneri la Medaglia del Re battendo in finale il FC Torinese il 23 febbraio di quell'anno.[3]

Passa nel corso dell'anno al Genoa. Con i Grifoni esordì il 9 marzo 1902, nel primo derby di Genova[4], vinto dai rossoblu per tre a uno. Il campionato 1902 del Genoa si concluse con la vittoria nella finale contro il Milan.[5]

La stagione seguente viene prestato al Milan, dove gioca solo la semifinale del campionato 1903 contro la Juventus[6], che terminò con la vittoria dei bianconeri per 2 a 0.

Terminato il campionato è nuovamente nella rosa del Genoa, con cui gioca il 26 aprile 1903 la prima partita in terra straniera di un club italiano, ove i rossoblu si impongono per 3-0 contro i nizzardi del Football Vélo Club de Nice.[7]

Torna al Genoa nel 1906, dove chiude la carriera agonistica.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Genoa: 1902

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, Genova, De Ferrari, 2008, ISBN 978-88-6405-011-9.
  • Aldo Padovano, Accadde domani... un anno con il Genoa, Genova, De Ferrari, 2005, ISBN 88-7172-689-8.