Albrecht Becker

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Albrecht Becker

Albrecht Becker (Thale, 14 novembre 1906Amburgo, 22 aprile 2002) è stato un produttore cinematografico, fotografo e attore tedesco. È stato prigioniero nei campi di concentramento tedeschi durante la Seconda guerra mondiale a causa della propria omosessualità, considerata un crimine dal Partito Nazionalsocialista Tedesco dei Lavoratori.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

All'età di diciotto anni Becker si innamorò di un uomo più anziano di lui. Nel 1935 venne arrestato per il sospetto di aver violato il paragrafo 175, la legge che vietava i rapporti omosessuali, e trascorse i tre anni successivi in prigione a Norimberga. Rilasciato, venne aggregato alla Wehrmacht, l'esercito tedesco, ed inviato sul fronte russo, dove combatté fino alla sconfitta delle forze tedesche.

Nel periodo bellico Becker sviluppò la passione per la fotografia che lo accompagnò tutta la vita divenendo il suo principale lavoro dopo la guerra. Albrecht Becker è stato uno dei pionieri della body art (iniziando a tatuare e fotografare l'"evoluzione" del suo corpo nel 1943) e di pratiche BDSM. Albrecht Becker è stato uno dei cinque gay che si prestarono a riportare le proprie memorie nel documentario Paragraph 175 sulle persecuzioni contro gli omosessuali durante il periodo nazista. Il film, prodotto da Jeffrey Friedman e Rob Epstein, si avvale della voce narrante di Rupert Everett.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN107106774 · ISNI (EN0000 0001 1458 6856 · LCCN (ENn94121489 · GND (DE119157489 · BNF (FRcb16206026g (data) · WorldCat Identities (ENn94-121489