Ernst Eduard vom Rath

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ernst Eduard vom Rath

Ernst Eduard vom Rath (Francoforte sul Meno, 3 giugno 1909Parigi, 9 novembre 1938) è stato un diplomatico tedesco.

Dopo essersi diplomato a Breslavia, studiò legge a Bonn, Monaco di Baviera e Kaliningrad. Nel 1932 si iscrisse al Partito Nazista e poco dopo cominciò la carriera diplomatica, che lo avrebbe portato prima in Romania ed in seguito, dal 1935, ad assumere un incarico presso l'ambasciata tedesca in Francia.

Il 7 novembre 1938 fu ferito a colpi di pistola dal diciassettenne Herschel Grynszpan, mentre si trovava nell'edificio dell'ambasciata a Parigi: a causa dell'agguato riportò lacerazioni che lo condussero alla morte due giorni dopo.

Esistono due teorie sulle motivazioni che portarono Grynszpan a compiere tale gesto. Il movente comunemente accettato per l'omicidio è una vendetta per le sofferenze causate ai genitori di Grynszpan dalla Germania nazista, come l'esilio in Polonia nel 1938; si ipotizza che la scelta di chi uccidere ricadde casualmente su vom Rath.

La seconda teoria, più controversa, afferma che Grynszpan conoscesse vom Rath ed intendesse ucciderlo. Nel 2001 il professor Hans-Jürgen Döscher, affermato storico tedesco autore del libro La notte dei cristalli, pubblicò alcuni documenti che a suo parere dimostravano che Grynszpan e vom Rath avessero una relazione omosessuale.

Conformemente a questa spiegazione, vom Rath era ben conosciuto a Parigi come omosessuale, soprannominato Madame Ambassadeur e Notre Dame de Paris nei circoli gay parigini. Secondo Döscher egli incontrò Grynszpan nel locale omosessuale Le Boeuf sur le Toit, anche se non è ancora chiaro se Grynszpan fosse realmente omosessuale o se volesse sfruttare la sua indubbia avvenenza per conquistare un amico influente. Nelle parole di Döscher, vom Rath avrebbe promesso di utilizzare la propria influenza per regolarizzare la posizione di Grynszpan in Francia ma quando capì che non avrebbe mantenuto la parola data Grynszpan sarebbe andato all'ambasciata per ucciderlo. Controllo di autorità VIAF: 3527417 LCCN: no97060720

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie