Alberto di Prussia (1837-1906)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alberto di Prussia
Prince Albrecht of Prussia in 1883.jpg
Duca di Brunswick
In carica 1885-1906
Predecessore Hermann von Görtz-Wrisberg
Reggente imperiale
Successore Giovanni Alberto
Nome completo Friedrich Wilhelm Nikolaus Albrecht von Preußen
Nascita Berlino, 8 maggio 1837
Morte Kamenz, 13 settembre 1906
Casa reale Hohenzollern
Padre Alberto di Prussia
Madre Marianna di Orange-Nassau
Consorte Maria di Sassonia-Altenburg
Figli Federico Enrico
Gioacchino Alberto
Federico Guglielmo

Federico Guglielmo Nicola Alberto di Prussia (Berlino, 8 maggio 1837Kamenz, 13 settembre 1906) fu feldmaresciallo dell'esercito prussiano e, dal 1885 alla morte, reggente del Ducato di Brunswick.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Alberto era il figlio del principe Alberto di Prussia, figlio di Federico Guglielmo III di Prussia, e di sua moglie, la principessa Marianna di Orange-Nassau, figlia di Guglielmo I dei Paesi Bassi.

Carriera militare[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1847 entrò nell'esercito prussiano e nel 1864 partecipò alla campagna dello Schleswig nel battaglione del principe Federico Carlo di Prussia e partecipando alle battaglie di Skalitz, Sadowa, Schweinschädel e Königgrätz nella guerra austro-prussiana nel 1866. Nella Guerra franco-prussiana comandò la II° Brigata di cavalleria e partecipò alle battaglie di Gravelotte e Sedan.

Dopo la caduta del Secondo Impero, fu subordinato a Edwin von Manteuffel nei combattimenti intorno a Bapaume e St. Quentin. Nel 1874 divenne comandante degli X Corpi di stanza ad Hannover. Nel 1883 succedette allo zio Carlo come Gran Maestro dell'Ordine di San Giovanni del baliaggio di Brandeburgo.

Reggente[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1885, Alberto fu scelto come Reggente per il Ducato di Brunswick, dal momento che il cancelliere tedesco Otto von Bismarck aveva rimosso Ernesto Augusto, principe ereditario di Hannover, dal suo incarico[1]. Nel 1913 il figlio di Ernesto Augusto, Ernesto Augusto, divenne duca di Brunswick, regnando solo per 5 anni e 6 giorni. Dopo aver accettato la reggenza, Alberto e la sua famiglia risiedette principalmente a Brunswick, Berlino e Kamenz[1].

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Alberto sposò il 9 aprile 1873 a Berlino[2], Maria di Sassonia-Altenburg, figlia di Ernesto I di Sassonia-Altenburg. Dal matrimonio nacquero tre figli:

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Alberto morì il 13 settembre 1906 a Kamenz. Fu sepolto nel Mausoleum auf dem Hutberge nel parco di Schloss Kamenz. Dopo la seconda guerra mondiale, il mausoleo fu saccheggiato e i cadaveri di Alberto e di sua moglie furono nuovamente sepolti nel parco[3].

Antenati[modifica | modifica wikitesto]

Alberto di Prussia Padre:
Alberto di Prussia (1809-1872)
Nonno paterno:
Federico Guglielmo III di Prussia
Bisnonno paterno:
Federico Guglielmo II di Prussia
Trisnonno paterno:
Augusto Guglielmo di Prussia
Trisnonna paterna:
Luisa Amalia di Brunswick-Wolfenbüttel
Bisnonna paterna:
Federica Luisa d'Assia-Darmstadt
Trisnonno paterno:
Luigi IX d'Assia-Darmstadt
Trisnonna paterna:
Carolina del Palatinato-Zweibrücken-Birkenfeld
Nonna paterna:
Luisa di Meclemburgo-Strelitz
Bisnonno paterno:
Carlo II di Meclemburgo-Strelitz
Trisnonno paterno:
Carlo Ludovico Federico di Meclemburgo-Strelitz
Trisnonna paterna:
Elisabetta Albertina di Sassonia-Hildburghausen
Bisnonna paterna:
Federica Carolina Luisa d'Assia-Darmstadt
Trisnonno paterno:
Giorgio Guglielmo d'Assia-Darmstadt
Trisnonna paterna:
Maria Luisa Albertina di Leiningen-Dagsburg-Falkenburg
Madre:
Marianna di Orange-Nassau
Nonno materno:
Guglielmo I dei Paesi Bassi
Bisnonno materno:
Guglielmo V di Orange-Nassau
Trisnonno materno:
Guglielmo IV di Orange-Nassau
Trisnonna materna:
Anna di Hannover
Bisnonna materna:
Guglielmina di Prussia (1751-1820)
Trisnonno materno:
Augusto Guglielmo di Prussia
Trisnonna materna:
Luisa Amalia di Brunswick-Wolfenbüttel
Nonna materna:
Guglielmina di Prussia (1774-1837)
Bisnonno materno:
Federico Guglielmo II di Prussia
Trisnonno materno:
Augusto Guglielmo di Prussia
Trisnonna materna:
Luisa Amalia di Brunswick-Wolfenbüttel
Bisnonna materna:
Federica Luisa d'Assia-Darmstadt.
Trisnonno materno:
Luigi IX d'Assia-Darmstadt
Trisnonna materna:
Carolina del Palatinato-Zweibrücken-Birkenfeld

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze tedesche[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine di Enrico il Leone - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Enrico il Leone
Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera
Cavaliere dell'Ordine al merito della corona prussiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine al merito della corona prussiana
Cavaliere dell'Ordine Pour le Mérite - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Pour le Mérite
Cavaliere dell'Ordine della Croce di Ferro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Croce di Ferro

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Croce al merito militare di I classe (Impero austro-ungarico) - nastrino per uniforme ordinaria Croce al merito militare di I classe (Impero austro-ungarico)
Cavaliere dell'Ordine di Sant'Andrea (Impero russo) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Sant'Andrea (Impero russo)
Commendatore dell'Ordine Militare di Guglielmo (Paesi Bassi) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine Militare di Guglielmo (Paesi Bassi)
Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata (Regno d'Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata (Regno d'Italia)
Gran Croce dell'Ordine civile di Alfonso XII (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine civile di Alfonso XII (Spagna)
— 6 giugno 1906[4]
Cavaliere del Toson d'oro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere del Toson d'oro

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Memorial Notices, in The Manchester Guardian, 11 ottobre 1898.
  2. ^ A Royal Marriage, in The New York Times (Berlin), 7 maggio 1873.
  3. ^ Saxe-Altenburg, Royaltyguide.nl. URL consultato il 14 settembre 2010 (archiviato dall'url originale il 26 maggio 2011).
  4. ^ Gaceta de Madrid n° 157 del 6 giugno 1906, pagina 925.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN30327841 · GND (DE118501577 · CERL cnp00542063 · WorldCat Identities (EN30327841
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie