Aeroporto di Salechard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aeroporto di Salechard
aeroporto
Salahardaeroport.jpg
L'esterno dell'aeroporto
Codice IATASLY-СХД
Codice ICAOUSDD-УСДД
Nome commercialeAeroporto di Salechard
Аэропорт Салехард
Descrizione
TipoCivile
GestoreОАО Аэропорт Салехард
Aeroporto Salechard S.p.a.
StatoRussia Russia
Circondario federaleJamalia Jamalia
Posizionea 7 km a nord dal centro di Salechard
Altitudine65 m s.l.m.
Coordinate66°35′24.5″N 66°35′11.9″E / 66.590139°N 66.586639°E66.590139; 66.586639Coordinate: 66°35′24.5″N 66°35′11.9″E / 66.590139°N 66.586639°E66.590139; 66.586639
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Federazione Russa
USDD-УСДД
USDD-УСДД
Sito web
Piste
Orientamento (QFU)LunghezzaSuperficie
04/222.720
Calcestruzzo
Statistiche
Passeggeri in transito177,953 (2005)[1]

186,269 (2006)[2]
200,531 (2007)[3]

214,773 (2008)[4]

L'aeroporto di Salechard è un aeroporto civile situato a 7 km a nord di Salechard, la capitale del Circondario autonomo Jamalo-Nenec nella parte nord del Circondario federale degli Urali della Russia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1935 il primo aereo ANT-9 atterrò sulla pista di ghiaccio sul fiume Ob' vicino a Salechard.

Nel 1937 è stato aperto il primo volo di linea per Omsk. Negli anni cinquanta a Salechard è stato creato il Distaccamento Aereo dell'Aviazione Polare Civile ed è stata costruita la prima pista dell'aeroporto attuale.

Con lo sviluppo dell'estrazione del petrolio e del gas negli anni sessanta del XX secolo l'aeroporto è stato ricostruito per poter ricevere gli aerei a medio raggio come gli aerei russi Antonov An-24, Tupolev Tu-134, Tupolev Tu-154, Yakovlev Yak-42 e Ilyushin Il-76.

Nel 1964 sono stati aperti i primi voli di linea con gli aerei Antonov An-24 per Tjumen', Tazovskij, Tarko-Sale.

Nell'estate del 1968 è stato effettuato il primo volo di linea per Mosca.

Nel 1997 sulla base dell'aeroporto è stata creata la compagnia aerea russa Jamal Airlines per i voli di linea a medio raggio e la compagnia Jamal Air Company per i voli di linea regionali con gli elicotteri Mil Mi-8.[5] Il 25 maggio 2007 l'aeroporto è stato certificato per l'atterraggio/decollo degli aerei Boeing 737-500/-300/-200).[6][7]

Strategia[modifica | modifica wikitesto]

L'aeroporto è hub principale per le compagnie aeree russe: Jamal Airlines e Jamal Air Company.

Dati tecnici[modifica | modifica wikitesto]

L'aeroporto è dotato di una pista attiva di cemento armato di classe B di 2,720 m х 46 m. Il peso massimo al decollo dalla pista è di 191 t.

L'aeroporto di Salechard è stato equipaggiato per la manutenzione, l'atterraggio/decollo di aerei a medio e lungo raggio: Boeing 737, Ilyushin Il-18, Ilyushin Il-76, Let L-410, Yakovlev Yak-40, Yakovlev Yak-42, Tupolev Tu-134, Tupolev Tu-154, Antonov An-12, Antonov An-24, Antonov An-26, Antonov An-30, Antonov An-32, Antonov An-72, Antonov An-74 e di elicotteri.

L'aeroporto di Salechard è aperto dalle ore 02.00 fino alle ore 17.00 (ora UTC).

Scalo d'emergenza ETOPS[modifica | modifica wikitesto]

L'aeroporto di Salechard è uno scalo d'emergenza per aerei bimotori (Airbus A300, Airbus A310, Airbus A330, Boeing 757, Boeing 767, Boeing 777, Gulfstream V G500/G550, Gulfstream IV G350/G450) che compiono le rotte transcontinentali transpolari № 3 e № 4 dall'Asia (Hong Kong, Nuova Delhi) per l'America del Nord (New York, Vancouver).

Secondo la regola ETOPS in ogni momento del volo di un aereo bimotore nel raggio di 180-207 minuti devono essere presenti aeroporti d'emergenza. Gli aeroporti russi di Čul'man, Tiksi, Noril'sk, Pevek, Poljarnyj, Jakutsk, Mirnyj, Bratsk, Blagoveščensk, Irkutsk, Chatanga, Salechard fanno parte degli aeroporti d'emergenza che soddisfanno i requisiti ETOPS.

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: ETOPS.

Collegamenti con Salechard[modifica | modifica wikitesto]

L'ingresso dell'aeroporto
L'interno dell'aeroporto

Il Terminal aeroportuale è facilmente raggiungibile con la lina no.1 del trasporto pubblico municipale.[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Аэропорт "Салехард": летать стали меньше.
  2. ^ Ямало-Ненецкий автономный округ[collegamento interrotto].
  3. ^ Intermost: Archiviato il 2 marzo 2010 in Internet Archive..
  4. ^ Аэропорт "Салехард" в 2008 г. увеличил пассажиропоток на 7% // АвиаПорт.Новости.
  5. ^ Copia archiviata, su enc.ex.ru. URL consultato il 17 dicembre 2009 (archiviato dall'url originale il 5 dicembre 2008)..
  6. ^ Copia archiviata, su favt.ru. URL consultato il 17 dicembre 2009 (archiviato dall'url originale il 25 marzo 2008)..
  7. ^ Ямало-Ненецкий автономный округ Archiviato il 19 febbraio 2010 in Internet Archive..
  8. ^ аэропорт Салехард.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]