Adamo Dionisi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Adamo Dionisi (Roma, 1965) è un attore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È stato un capotifoso del gruppo di ultras della Lazio "gli Irriducibili". Arrestato nel 2001 dalla DIGOS per una vicenda di droga[1] sconta la sua pena nel carcere di Rebibbia dove prende parte a vari progetti teatrali.[2] Uscito di prigione decide quindi di intraprendere la carriera d'attore ed esordisce nel film Chi nasce tondo... del 2008, co-sceneggiato da Dionisi stesso. Dopo aver recitato come caratterista in varie pellicole, nel 2014 viene scelto dal regista italoamericano Abel Ferrara per interpretare la parte di una guida napoletana nel film biografico Pasolini, dedicato all'intellettuale e regista Pier Paolo Pasolini.

La notorietà arriva nel 2015, quando interpreta il ruolo del boss zingaro Manfredi Anacleti, uno degli antagonisti principali del film Suburra diretto da Stefano Sollima. Ruolo che ricopre anche in Suburra - La serie,[3] serie televisiva del 2017 tratta dal film e prodotta da Netflix.

Dionisi ha dichiarato di non amare i riflettori e la mondanità e di avere come punto di riferimento il regista pasoliniano Sergio Citti.[4]

Il 7 dicembre 2017, mentre si trovava a Viterbo per un periodo di villeggiatura, viene arrestato per aver aggredito l'ex fidanzata, danneggiato una camera d'albergo e fatto resistenza alla forza pubblica, con l'accusa di resistenza a pubblico ufficiale, e processato per direttissima.[5][6] Poco dopo arrivano le scuse e la promessa di risarcimento nei confronti della struttura turistica.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Arrestato per droga capoultrà della Lazio, su archiviostorico.gazzetta.it. URL consultato il 21 ottobre 2017.
  2. ^ Core a core, canzoni romane per reinserire i carcerati - la Repubblica.it, in Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 21 ottobre 2017.
  3. ^ (IT) Netflix a Venezia porta la Roma criminale di "Suburra", in Spettacoli - La Repubblica, 02 settembre 2017. URL consultato il 21 ottobre 2017.
  4. ^ (IT) Dal carcere al set di Suburra: la vita (incredibile) di Adamo Dionisi - Radio Colonna, in Radio Colonna, 26 ottobre 2017. URL consultato il 28 ottobre 2017.
  5. ^ Viterbo, "lo Zingaro" di Suburra aggredisce la ex: arrestato repubblica.it
  6. ^ "Vi ammazzo tutti, maledetti": così Adamo Dionisi di Suburra ha minacciato i poliziotti di Viterbo repubblica.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]