Abies pindrow

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Abies pindrow
Abies pindrow Uttarakhand.jpg
Abies pindrow
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Pinophyta
Classe Pinopsida
Ordine Pinales
Famiglia Pinaceae
Genere Abies
Specie A. pindrow
Nomenclatura binomiale
Abies pindrow
(Royle ex D.Don) Royle
Sinonimi
Nomi comuni

(EN) Pindrow fir
(DE) Pindrow-Tanne
(IT) Abete Pindrow

Abies pindrow (Royle ex D.Don) Royle è un albero della famiglia delle Pinaceae endemico dell’Himalaya; è presente in Afghanistan, Nepal e India (Himachal Pradesh, Uttar Pradesh e Jammu e Kashmir).[1]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome generico Abies, utilizzato già dai latini, potrebbe, secondo un'interpretazione etimologica, derivare dalla parola greca ἄβιος = longevo.[2] Il nome specifico pindrow fu coniato da John Forbes Royle in assonanza al nome comune di questo abete nella regione del Simla.[3]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Portamento[modifica | modifica wikitesto]

Abies pindrow può raggiungere i 60 m di altezza, con tronco fino a quasi 2,5 m di diametro e rami corti. Ha portamento conico con chioma stretta. I germogli sono sferici, di colore giallo-grigio e pubescenti.[4]

Foglie[modifica | modifica wikitesto]

Sono lunghe 3-6 cm, aghiformi, bifide, di colore verde scuro con due fasce grigie di stomi nella faccia inferiore. Le gemme sono grandi, sferiche e resinose.[4]

Frutti[modifica | modifica wikitesto]

Sono coni cilindrici, purpurei e poi marroni a maturazione, lunghi 10-18 cm e larghi 6-7 cm, con scaglie larghe 3 cm. I semi sono lunghi 10-12 mm.[4]

Corteccia[modifica | modifica wikitesto]

Grigia e liscia da giovane, con il passare degli anni si inspessisce, divenendo color grigio-marrone e profondamente solcata.[4]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Cresce a quote di alta montagna comprese tra i 2000 e i 3300 m, su suoli rocciosi. Il clima di riferimento è freddo, a regime monsonico, con abbondanti precipitazioni in buona parte nevose. Forma foreste pure, o in associazione con Picea smithiana , Pinus wallichiana, Tsuga dumosa e Cedrus deodara; a quote più basse si ritrova in associazione con specie caducifoglie come Quercus semecarpifolia, Quercus dilatata , Juglans regia, Aesculus indica e varie specie dei generi Acer, Prunus e Ulmus.[1]

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

È accettata la seguente sottospecie:[1][5]

Sinonimi[modifica | modifica wikitesto]

Numerosi sono i sinonimi:[6]

  • Abies pindrow var. intermedia A.Henry
  • Abies pindrow var. pindrow
  • Abies chiloensis Carrière
  • Abies himalayensis Lavallée
  • Abies webbiana var. pindrow (Royle ex D.Don) Brandis
  • Picea herbertiana Madden
  • Picea pindrow (Royle ex D.Don) Loudon
  • Pinus pindrow Royle ex D.Don
  • Pinus spectabilis var. pindrow (Royle ex D.Don) Voss

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Nella zona himalayana il legno di questa specie è molto utilizzato in edilizia, in particolare per la realizzazione di pavimenti, soffitti, scale e tegole per tetti. Poco utilizzato in orticoltura.[3]

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Viene classificata come specie a rischio minimo di estinzione nella Lista rossa IUCN, per il suo areale molto vasto e l’assenza di evidenze di declino della sua popolazione.[1]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) Xiang, Q., Carter, G. & Rushforth, K. 2013., Abies pindrow, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2019.2, IUCN, 2019.
  2. ^ Pier Luigi Nimis, Nevio Agostini, Marco Verdecchia e Elias Ceccarelli, Guida agli alberi del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi (PDF), su Dryades project Dipartimento di Scienze della Vita Università di Trieste, Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi. URL consultato il 30 marzo 2019.
  3. ^ a b (EN) Aljos Farjon, A Handbook of the World's Conifers (2 vols.), Brill, 2010, pp. 109-110. URL consultato il 30 marzo 2019.
  4. ^ a b c d (EN) Abies pindrow, su The Gymnosperm Database. URL consultato il 30 marzo 2019.
  5. ^ Abies pindrow var. brevifolia, in The Plant List. URL consultato il 31 marzo 2019.
  6. ^ Abies pindrow, in The Plant List. URL consultato il 31 marzo 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica