6 del mestiere?!

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
6 del mestiere?!
PaeseItalia
Anno1997
Generegame show
Edizioni1
Puntate66
Durata60 min
Lingua originaleitaliana
Crediti
ConduttoreClaudio Lippi, Luana Ravegnini
RegiaFranco Bianca
AutoriMirko Setaro, Guglielmo Fiamma, Chicco Sfondrini, Peppi Nocera, Angelo Mandelli
ScenografiaAlida Cappellini, Giovanni Licheri
CostumiAnahi Ricca
FotografiaMassimo Tentori
CoreografieBrian & Garrison
ProduttoreRoberta Magagnotto
Casa di produzioneRTI
Rete televisivaCanale 5

6 del mestiere?! è stato un programma televisivo italiano andato in onda su Canale 5 della fascia preserale nell'estate 1997, dal 30 giugno al 13 settembre.[1] La conduzione era affidata a Claudio Lippi insieme a Luana Ravegnini.[2]

La trasmissione[modifica | modifica wikitesto]

Il game show era il primo ad aver sostituito per la stagione estiva il programma di Paolo Bonolis e Luca Laurenti Tira & Molla e prevedeva in ogni puntata la presenza di due sfidanti che avevano l'obiettivo di assegnare ad ognuno dei sei mestieranti il proprio mestiere, basandosi su alcune prove pratiche eseguite in studio.[2] Prima di ogni puntata, ad ognuno dei sei venivano spiegate le tecniche di lavoro degli altri per poter trarre in inganno al meglio i concorrenti ma anche il pubblico in studio, che aveva la possibilità di assegnare a ciascuno il proprio lavoro con la responsabilità di sviare i concorrenti e influenzare la loro scelta finale.[2]

Il cast della trasmissione, oltre ai due conduttori, prevedeva la presenza di sei valletti che allestivano lo studio per le prove pratiche e di otto ballerine, che spezzavano il ritmo della trasmissione con alcuni stacchetti.[2]

Gli autori della trasmissione erano Mirko Setaro, Guglielmo Fiamma, Chicco Sfondrini, Peppi Nocera e Angelo Mandelli. La regia era di Franco Bianca.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Manuela Campari, Lippi resta a Mediaset e ricomincia dal "mestiere", in la Repubblica, 27 giugno 1997. URL consultato il 15 maggio 2016.
  2. ^ a b c d e Baroni, pp. 407-408.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione