Zelkova sicula

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Zelkova sicula
Zelkova sicula HPIM2616.JPG
Stato di conservazione
Status iucn3.1 CR it.svg
Critico[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Rosales
Famiglia Ulmaceae
Genere Zelkova
Specie Z. sicula
Nomenclatura binomiale
Zelkova sicula
Di Pasquale, Garfi & Quézel, 1992

Zelkova sicula (Di Pasquale, Garfi & Quézel, 1992 ) è una pianta, appartenente alla famiglia delle Ulmaceae, endemica della Sicilia.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Si presenta come un arbusto che non supera i 2-5 metri d'altezza, con foglie molto piccole, scarsamente lobate, coriacee e pelose.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

L'unica popolazione esistente di Z. sicula, scoperta nel 1991, è ubicata sul versante settentrionale dei Monti Iblei, nella Sicilia sud-orientale, ed è formata da 200-250 esemplari nel bosco Pisano, una querceta di circa mezzo ettaro che cresce a 450 m di altitudine, in prossimità di Buccheri, e nella zona di Melilli, entrambe in provincia di Siracusa [2].

Conservazione[modifica | modifica sorgente]

La Z. sicula è considerata dalla IUCN una specie in pericolo critico di estinzione (Critically Endangered)[1] ed è stata inserita nella lista delle 50 specie botaniche più minacciate dell'area mediterranea.[3]

Esiste un progetto di recupero della popolazione relitta di Z. sicula, finanziato dal dall'Assessorato al Territorio e Ambiente della Regione siciliana e dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e realizzato dal Dipartimento regionale Foreste demaniali, da Legambiente e dall’Istituto di Genetica Vegetale del Cnr di Palermo. Il progetto si inserisce nel contesto di Countdown 2010, la campagna di iniziative lanciata dalla IUCN per contrastare la perdita di biodiversità.

È stata riconosciuta specie protetta con Decreto del Presidente della Regione Siciliana del 27 maggio 2013.[4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Garfì, G. 2006, Zelkova sicula in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ Ambiente: Ue approva progetto Life protezione Zelkova sicula « Raffaele Lombardo – Il blog del Governatore della Regione Siciliana
  3. ^ Zelkova sicula IUCN Top 50 Campaign Mediterranean Island Plants
  4. ^ DECRETO PRESIDENZIALE 27 maggio 2013 - Riconoscimento della specie floristica Zelkova sicula quale specie protetta della Regione siciliana (PDF) in Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana PARTE I n.44 del 27-09-2013, pp. 5-6. URL consultato l'8 ottobre 2013.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Di Pasquale G., Garfì G. & Quézel P. Sur la présence d'un Zelkova nouveau en Sicile sud-orientale. Biocosme Mésogéen 1992; 8(4)–9(1): 401–409.
  • Garfì, G. Zelkova sicula, raro endemita siciliano. Origine, evoluzione, prospettive di conservazione. Boll. Acc. Gioenia Sci. Nat. Catania 1996; 29(352): 267–284.
  • Garfì, G. On the flowering of Zelkova sicula (Ulmaceae): additional description and comments. Plant Biosystems 1997; 131(2): 137–142.
  • Garfì G., Barbero M. & Tessier L. Architecture and growth patterns of Zelkova sicula (Ulmaceae) in south-east Sicily as a response to environmental conditions. Journal of Mediterranean Ecology 2002: 3(2-3): 65–76.
  • Nakagawa, T, Garfì, G., Reille, M. & Verlaque, R. Pollen Morphology of Zelkova sicula (Ulmaceae), a recently discovered relic species of European tertiary flora: Its description, chromosomal relevance, and paleobotanical significance. Review of Paleobotany and Palinology 1998; 100: 27–37.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica