Yining

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Coordinate: 43°55′N 81°19′E / 43.916667°N 81.316667°E43.916667; 81.316667

Piazza di Yining/Ghulja, luglio 2005

Yining (cinese:伊寧, 伊宁, Yíníng; scritto anche Ining), Ghulja in uiguro (uiguro: غۇلجا, scritto anche Kuldja, Kulja, Gulja), chiamata anche Ili o Yili (secondo l'ortografia pinyin), è una città dello Xinjiang occidentale (Cina) e capoluogo della prefettura di Ili Kazakh. Dal punto di vista storico Yining è il successore della città in rovina di Almaliq nella contea di Huocheng.

Kulja è stato anche il nome della prefettura di Ili Kazakh.

Area e popolazione[modifica | modifica sorgente]

Nel 2004 occupava un territorio di 629 km2, con una popolazione di 430 000 persone.[1] La città si trova a circa 640 metri slm.

Estensione e popolazione erano minori prima del 2004; l'incremento fu dovuto alla fusione di due villaggi in uno, con l'assorbimento di circa 100 km2 di territorio della vicina contea di Yining, un'unità amministrativa separata daq quella della città.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Yining si trova sulla sponda settentrionale del fiume Ili nel bacino di Zungaria, vicino al confine con il Kazakistan e circa 710 km ad ovest di Ürümqi. La valle del fiume Ili contiene ottimi pascoli.

La città di Yining confina ad ovest con la contea di Huocheng e ad est con quella di Yining; oltre il fiume a sud si trova la contea di Qapqal Xibe.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

A partire dal XIII-XV secolo fu sotto il controllo del Khanato Chagatai noto come Almaligh. Un altro impero mongolo (il Dzungar) stabilì la propria capitale in questa zona. Nel XIX secolo ed all'inizio del XX il termine Kuldja o Kulja fu spesso usato in Russia ed in Occidente per fare riferimento a quella parte di impero cinese situata nel bacino dell'Ili ed alle sue due principali città.

Dinastia Qing[modifica | modifica sorgente]

Yining fu il posto in cui fu firmato il trattato di Kulja sino-russo nel 1851, che aprì l'area al commercio.

Nel 1864-66 la città subì le conseguenze della ribellione musulmana. La città ed il resto del bacino dell'Ili furono conquistati dai russi nel 1871, quando il Kashgar era governato da Yakub Beg. Tornò poi alla Cina grazie al Trattato di San Pietroburgo (1881).

Repubblica popolare[modifica | modifica sorgente]

Yining divenne capoluogo dell'omonimo distretto nel 1954.

Nel 1997, con quello che divenne famoso come massacro o incidente Gulja, la città fu colpita da due giorni di rivolte,[2] seguiti da un crollo del governo e dall'esecuzione di condanne capitali per 30 attivisti Uiguri.[3]

Economia[modifica | modifica sorgente]

Yining è il centro agricolo e commerciale della valle del fiume Ili. In antichità commerciava e bestiame, ed ancora oggi ha una produzione di animali in continua crescita. Ha molti frutteti. Ferro, carbone e uranio vengono estratti dalle vicine miniere.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Divisione amminisgtrativa di Ili Kazakh
  2. ^ "Xinjiang to intensify crackdown on separatists", China Daily, 25/10/2001
  3. ^ 1997 Channel 4 UK