Xian H-8

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Xian H-8
Descrizione
Tipo bombardiere strategico
Progettista Cina Xian
Costruttore Cina
Esemplari 1

[senza fonte]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Con la sigla Xian H-8 (轰-8sempl., Hōng-8pinyin) si identificano alcuni progetti relativi ad un modello di bombardiere strategico sviluppato nella Repubblica Popolare Cinese dall'azienda statale Xi'an e candidati a sostituire il bimotore a getto Xian H-6, il sovietico Tupolev Tu-16 prodotto su licenza e successivamente sviluppato autonomamente.

Destinato ad equipaggiare i reparti della Zhōngguó Rénmín Jiěfàngjūn Kōngjūn, la componente aerea dell'Esercito Popolare di Liberazione (internazionalmente nota con la dizione in lingua inglese People's Liberation Army Air Force e con la sigla PLAAF), del nuovo modello non si hanno che notizie frammentarie relative a velivoli anche fortemente dissimili tra loro, dall'estremo sviluppo dell'H-6 caratterizzato nuovamente da un'impostazione convenzionale ed ala a freccia fino alle ipotesi di un'ala volante con capacità stealth simile allo statunitense Northrop-Grumman B-2 Spirit.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il primo H-8[modifica | modifica sorgente]

Il primo prototipo annunciato con questo nome, veniva riportato come una versione ingrandita dell'H-6 e dotata di motori sotto le ali. Il progetto fu cancellato nei primi anni ottanta e non fu avviato in produzione.[1]

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

In origine, una variante Xian H-6I, prototipo dello Xian H-8, venne proposta dalla Xi'an Aircraft Factory nel giugno 1970 come versione quadrimotore dello Xian H-6.[2] La progettazione iniziò nel febbraio 1971 dopo che la proposta fu approvata dal governo. Nel 1973, la Zhōngguó Rénmín Jiěfàngjūn Kōngjūn emise un requisito ulteriore che richiedeva l'aggiunta di capacità anti-nave e formalmente accettò di valutare il progetto. Il primo prototipo fu completato entro la fine del 1977 e il volo inaugurale si tenne nel gennaio 1978.

Descrizione tecnica[modifica | modifica sorgente]

Il prototipo era equipaggiato con quattro motori turboventola Rolls-Royce Spey Mk 512-5W , in origine acquistati come ricambi per gli Hawker Siddeley Trident che la Cina aveva comprato. Dopo il primo volo, venne rilasciata la certificazione per il volo l'anno successivo e la designazione del progetto mutò quindi in Xian H-8 in qualche periodo tra il 1978 e il 1979, in attesa dell'avvio della produzione di serie.

La fusoliera era allungata rispetto all'originale H-6 e il progetto era stato modificato per utilizzare i motori appesi singolarmente a dei pod sotto le ali. L'aereo era in grado di salire di quota ad una velocità del 40% migliore rispetto a quella dell'H-6, mentre il raggio d'azione risultò incrementato di un terzo, raggiungendo gli 8 000 km. Anche il carico bellico era maggiorato e comprendeva bombe di varie grandezze, variabili da 100 kg a quelle grandi fino a 9 tonnellate. Il vano bombe era di 8,6 metri x 1,8 metri x 2,72 metri e in grado di essere caricato fino ad un massimo di 18 tonnellate, sebbene per raggiungere il massimo raggio d'azione, il carico bellico andava ridotto fino a 7 tonnellate. L'aereo poteva trasportare bombe nucleari, così come era possibile configurarlo per il ruolo anti-nave, per il quale si caricavano 3 missili, due sotto le ali e uno semi annegato nella baia bombe. L'armamento difensivo consisteva in una torretta in coda con due cannoni da 23 mm.

L'equipaggio era costituito da 6 persone sistemate in due compartimenti pressurizzati diversi. Pilota-comandante di missione, co-pilota-ingegnere di volo, navigatore-osservatore e bombardiere-meccanico di volo prendevano posto nel compartimento pressurizzato anteriore, mentre l'addetto alla guerra elettronica e comunicazioni e il mitragliere-assistente alle comunicazioni sedevano in un compartimento pressurizzato posteriore. L'avionica derivava per la maggior parte dalla copia di equipaggiamenti simili ricavati dai Boeing B-52 Stratofortress abbattuti dalle forze armate nordvietnamite durante la Guerra del Vietnam.

I motori Mk 512 vennero sostituti con i Rolls-Royce Spey Mk 202 per ridurre i costi di esercizio e semplificare la logistica, ma questo non fu sufficiente a salvare il programma dai tagli massicci alle spese militari degli anni ottanta e la Cina cancellò il programma nel 1980 prima dell'avvio della produzione di serie che era già stata pianificata.

L'H-8 degli anni duemila[modifica | modifica sorgente]

Con il nome di Xian H-8, varie fonti hanno iniziato a indicare un progetto cinese segreto per un bombardiere strategico dalle caratteristiche stealth[3], ma altri analisti hanno riportato il loro scetticismo sul fatto che la Cina possegga una tecnologia simile.[4][5] L'aereo deriverebbe da un requisito emesso nel 1994 e mirato a dotare l'aeronautica cinese di un bombardiere strategico dalle stesse caratteristiche del Northrop-Grumman B-2 Spirit statunitense. Secondo le indiscrezioni, la nuova versione dell'H-8 avrebbe una configurazione ad ala volante, comandi di volo fly-by-wire e capacità di volo supersoniche. L'armamento sarebbe sia convenzionale, che anti-nave, che nucleare fino a un massimo di 18 tonnellate, ospitate in due vani di armamento. Il primo volo era indicato per il 2011.[6]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) John Pike, H-8 - First Instance in GlobalSecurity.org, http://www.globalsecurity.org. URL consultato il 15 giugno 2011.
  2. ^ (EN) Hong-6 Bomber - H-6I in SinoDefence.com, http://www.sinodefence.com/. URL consultato il 15 giugno 2011.
  3. ^ (EN) John Pike, H-8 Chinese stealth bomber - Second Instance in GlobalSecurity.org, http://www.globalsecurity.org, 13 giugno 2011. URL consultato il 15 giugno 2011.
  4. ^ (EN) Richard D. Fisher, Jr., PLA Air Force Equipment Trends in GlobalSecurity.org, http://www.globalsecurity.org, 27 aprile 2005. URL consultato il 15 giugno 2011.
  5. ^ China Tests Stealth Bomber: Neighboring States on High Alert 2001 Taiwan Ministry of National Defense
  6. ^ (EN) Larkins Dsouza, Xian H-8 Chinese Stealth bomber in Defence Aviation, http://www.defenceaviation.com/, 10 novembre 2007. URL consultato il 10 giugno 2011.