2037 Bomber

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
2037 Bomber
Descrizione
Tipo bombardiere strategico
Data entrata in servizio 2037 (previsione)
Utilizzatore principale Stati Uniti United States Air Force
Armamento
Bombe convenzionali e nucleari

[senza fonte]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

2037 Bomber è il nome non ufficiale dato al bombardiere strategico di grandi dimensioni impostato dall'United States Air Force in previsione delle proprie esigenze future. L'entrata in servizio è pianificata per il 2037 assumendo la forma di un velivolo con caratteristiche stealth, supersonico, a lungo raggio, grande carico utile, possibilmente senza pilota e in grado di rimpiazzare il B-52 Stratofortress, il cui ritiro dal servizio è previsto nel 2040.

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Con la fine dello produzione del B-2 Spirit nei primi anni novanta, l'aeronautica militare statunitense si è trovata ad avere un vuoto temporale tra i successivi sviluppi di bombardieri. Un nuovo aereo di questo tipo sarà necessario entro il 2037, in tempo per subentrare alla flotta di B-52 e B-1 Lancer, secondo quanto indicato nel documento Air Force's Bomber Roadmap, pubblicato nel 1999.[1][2] Il lasso di tempo è stato considerato troppo lungo da attendere senza attività di sviluppo in parallelo, e ciò ha portato al requisito per il New Generation Bomber, una soluzione intermedia da avviare alla produzione negli anni trenta del 2000.[3][4] Il varo di quest'ultimo progetto, ha fatto sì che il requisito per l'aereo del 2037 fosse focalizzato principalmente su di un progetto di grandi dimensioni, lasciando al New Generation Bomber il ruolo di bombardiere medio.

Caratteristiche tecniche di requisito[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Tirpak, John A. "The Bomber Roadmap", Air Force Magazine, giugno 1999.
  2. ^ Air Force Assoc. Feb. 2007, p. 11.
  3. ^ Hebert, Adam J. "Long-Range Strike in a Hurry". Air Force magazine, novembre 2004.
  4. ^ Hebert, Adam J. "Issue Brief", 2018 Bomber. Air Force Magazine, marzo 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]