Willard il paranoico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Willard il paranoico
Titolo originale Willard
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 2003
Durata 100 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere horror, drammatico
Regia Glen Morgan
Soggetto Stephen Gilbert
Sceneggiatura Glen Morgan, Stephen Gilbert
Produttore Glen Morgan, James Wong, Toby Emmerich
Casa di produzione New Line Cinema
Distribuzione (Italia) Cecchi Gori Group
Fotografia Robert McLachlan
Montaggio James Coblentz
Effetti speciali Adam Behr
Giles Chin
Bob Comer
Musiche Shirley Walker
Costumi Gregory Mah
Trucco James D. Brown
Sandy Cooper
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi
« Fatelo a pezzi! »
(Willard Stiles)

Willard il paranoico (Willard) è un film horror di Glen Morgan, con Crispin Glover, Laura Harring e R. Lee Ermey. Il film è liberamente basato sulla novella Ratman's Notebook di Stephen Gilbert, ed è anche il remake del film Willard e i topi del 1971. Il film venne distribuito negli Stati Uniti il 15 marzo 2003 e in Italia il 29 luglio 2005.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Willard Stiles è un disadattato sociale che si prende cura della sua madre malata Henrietta, sebbene quest'ultima abusi (anche verbalmente) di lui. L'uomo vive con la madre in un'enorme vecchia magione la cui cantina è abitata da una numerosa colonia di ratti. Willard si trova continuamente umiliato di fronte ai suoi colleghi di lavoro dal suo crudele capo, Frank Martin, un uomo malvagio che si era impossessato dell'azienda del padre di Willard dopo la morte di quest'ultimo. Una collega, Cathryn, ha simpatia verso l'eccentrico Willard e presto diventa il suo interesse d'amore.

Presto Willard comincia ad essere ossessionato dall'amicizia con uno dei topi che vivono nella sua cantina, che decide di chiamare Socrate. L'uomo, poi, diventa amico degli altri topi che occupano la sua cantina, soprattutto con un enorme ratto che chiama Ben. Quest'ultimo comincia ad assumere una posizione di "guida" su tutti i topi, mentre Socrate rimane il pupillo di Willard. La madre di Willard va in panico dopo aver sentito i topi e muore cadendo dalle scale della cantina. Willard scopre poi che i pagamenti per la casa sono in forte ritardo, e che la banca potrebbe precludere la proprietà.

Cathryn, volendo consolare Willard a causa della morte della madre, decide di regalargli un gatto di nome Scully, e poi se ne va. Quando l'animale entra in casa, i ratti, capitanati da Ben, attaccano e uccidono il gatto subito dopo il suo arrivo.

Quando Willard ritorna a casa nota che Ben lo sta guardando in modo maligno, ben presto l'uomo comincia a diffidare del ratto. Disperatamente solo, Willard inizia a portare con sé Socrate al lavoro. L'uomo trova una nota sulla scrivania che dichiara di licenziarlo dalla ditta. Mentre Willard discute con Martin, chiedendo di non essere licenziato, Socrate viene scoperto da un'impiegata. La donna urla e Martin uccide l'animale prendendolo a mazzate. Willard, con il suo stato mentale abbastanza precario, è devastato. L'uomo si rivolge a Ben, che è più che disposto a guidare l'esercito di topi per aiutare Willard a vendicarsi del suo capo. Willard e i suoi topi affrontano Martin nel suo ufficio e lo uccidono.

Willard, comunque, diffida di Ben e cerca di disfarsi di lui e degli altri topi. Riesce ad ucciderne alcuni, ma Ben sopravvive e aizza gli altri topi contro di lui. L'uomo fugge, ma alla fine, dopo un'intensa lotta contro i roditori e dopo aver rischiato la morte, riesce ad uccidere Ben. Il film finisce con Willard che viene rinchiuso in un istituto mentale, dove trova un topo bianco simile a Socrate.

Differenze dal film originale[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel film originale Willard ha ventisette anni, mentre nel remake ne ha quaranta.
  • Nel remake è stata omessa la scena della festa di compleanno.
  • Nel remake è stata omessa anche la scena in cui Willard libera i suoi topi al party indetto dal suo capo.
  • Nel film originale la collega di Willard si chiama Joan, mentre nel remake si chiama Cathryn.
  • Nel film originale il gatto si chiama Chloe, nel remake si chiama Scully.
  • Nel film originale il gatto viene regalato da Willard ad un estraneo, mentre nel remake il gatto muore ucciso dai topi.
  • Nel remake viene anche cambiato il sentimento che Joan/Cathryn prova verso Willard. Infatti nel remake Cathryn dimostra simpatia e affetto verso Willard.
  • Nel remake non c'è un ratto di nome Queenie.
  • Nel remake la madre di Willard, disgustata dal nome del figlio, decide di ribattezzarlo "Clark", cosa che non avviene nel film originale.
  • Nel remake cambia la morte della madre di Willard.
  • Martin, nel film originale, muore cadendo dalla finestra dell'ufficio tentando di sfuggire ai ratti. Nel remake, invece, la sua fine è più cruenta: muore, difatti, rosicchiato vivo dai topi nell'ascensore.
  • Il film originale finisce con la morte di Willard, ma il remake finisce con la morte di Ben e il ricovero di Willard in un istituto mentale.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Tutte le foto del padre di Willard, Martin Stiles, sono dell'attore Bruce Davison, che recitò nei panni di Willard nel film originale Willard e i topi[1].
  • L'enorme ratto Ben è in realtà un Ratto Gigante del Gambia[1].
  • Il film costò circa 22.000.000 $[1].
  • Nella scena in cui il gatto è inseguito dai topi, si sente in sottofondo la canzone Ben di Michael Jackson[1]. Crispin Glover, in occasione dell'uscita del film, registrò una cover della canzone cantata da lui e venne fatto anche un video musicale.
  • Per il ruolo di Willard furono considerati anche Joaquin Phoenix e Macaulay Culkin, ma furono scartati[1].
  • Il DVD del film contiene alcune scene tagliate e due finali alternativi. Il primo finale alternativo mostra la morte di Willard, mentre il secondo finale alternativo mostra una versione integrale del finale presente nel film. L'edizione italiana del DVD non contiene questi contenuti speciali.
  • Per il film furono usati circa cinquecento ratti[1].

Slogan promozionali[modifica | modifica wikitesto]

  • «A new breed of friendship.»
    «Un nuovo tipo di amicizia.»
  • «When the cat is away, the rats will play.»
    «Quando il gatto non c'è, i topi ballano.»
  • «Più agghiacciante di "Saw l'enigmista", più terrificante di "The Grudge".»

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Imdb

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema