Warm Bodies (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Warm Bodies
Warmbodies.JPG
Teresa Palmer e Nicholas Hoult in una scena del film
Titolo originale Warm Bodies
Lingua originale Inglese
Paese di produzione USA
Anno 2013
Durata 97 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere romantico, commedia, orrore
Regia Jonathan Levine
Soggetto Isaac Marion
Sceneggiatura Jonathan Levine
Produttore David Hoberman, Todd Lieberman, Bruna Papandrea
Casa di produzione Make Movies, Mandeville Films, Summit Entertainment
Distribuzione (Italia) Lucky Red
Fotografia Javier Aguirresarobe
Montaggio Nancy Richardson
Musiche Marco Beltrami
Scenografia Martin Whist
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Warm Bodies è un film del 2013 basato sull'omonimo romanzo di Isaac Marion del 2012. È diretto e scritto da Jonathan Levine e interpretato dalle star Nicholas Hoult e Teresa Palmer. Il film è concentrato sullo sviluppo della relazione tra Julie, una giovane donna, e R, uno zombie. Il film è raro per le caratteristiche umane dei personaggi zombie ed è anche una storia insolita perché viene narrata dal punto di vista di uno zombie. Warm Bodies è inoltre prodotto dagli stessi produttori della saga Twilight. Sono presenti numerosi riferimenti a Romeo e Giulietta di William Shakespeare come i nomi dei protagonisti; il loro amore avversato dal padre, la scena del balcone.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Dopo un'apocalisse zombie, R, uno zombie, si aggira intorno ad un aeroporto pieno di edifici abbandonati, veicoli distrutti, e orde di suoi compagni non-morti, incluso il suo amico M. R e M riescono a comunicare rudimentalmente con grugniti, gemiti e occasionalmente qualcosa simile a parole. Essendo uno zombie, R brama continuamente carne umana, specialmente cervelli, che lo rendono capace di "sentirsi vivo" con i ricordi dei precedenti possessori. Julie Grigio e un gruppo di suoi amici, provenienti da un'enclave pesantemente sorvegliata, sono inviati dal padre di Julie nella città per recuperare rifornimenti medici dagli edifici abbandonati. R e un branco di zombie attaccano il gruppo, ma quando R vede Julie, dopo uno attacco di gruppo si innamora di lei. Quando il ragazzo di Julie gli spara con un fucile, sorprendentemente non facendogli del male e lasciandolo con la stessa quantità di forza, R lo uccide mangiando il suo cervello. R così ottiene i suoi pensieri, e l'amore verso Julie diventa ancora più forte. Successivamente R salva Julie dal resto del branco e la porta all'aeroplano dove vive, per proteggerla.

Alla fine, Julie non riesce a rilassarsi e convince R a portarla a casa. Per la strada, R rivela a Julie che ha ucciso il suo ragazzo, così lei lo abbandona e ritorna da sola all'enclave. R ritorna all'aeroporto con il cuore infranto, ma quando vede che M e gli altri zombie hanno iniziato anch'essi a mostrare segni di vita, decide di condurre, insieme al suo amico, un gruppo all'enclave umana. Qui R sgattaiola dentro il muro e incontra Nora, l'amica di Julie. Il padre di Julie, il generale Grigio, leader del gruppo umano, rifiuta di credere che i cadaveri possono cambiare e minaccia di uccidere R. Così Julie e R scappano in uno stadio di baseball dove il resto del gruppo di R sta aspettando, ma si ritrovano attaccati da un'orda di "ossuti". Questo tipo di zombie ha irrimediabilmente perso tutte le tracce di umanità e uccide e mangia qualsiasi cosa con un cuore, includendo ora anche R e i suoi amici.

Julie e R scappano dagli "ossuti" ritrovandosi intrappolati. Prendendo l'unica via di uscita, R e Julie saltano in una piscina sottostante, sopravvivendo all'impatto, ma il generale Grigio spara ad R, facendolo sanguinare. Questo prova che R è tornato nuovamente umano. Così gli umani e gli zombie combinano le loro forze e uccidono gli "ossuti". Gli zombie lentamente vengono assimilati nella società umana e gli umani nel frattempo distruggono le mura intorno alla città, creando una vita sia per gli umani che per gli "zombie umani". Il film finisce con il nuovo-umano R e Julie affacciati sulla città. Julie dice a R di ridarsi un nome, ma lui decide di rimanere R.

Promozione[modifica | modifica sorgente]

Il 9 novembre 2012 è stato diffuso online il trailer del film.[1]. Il 10 dicembre 2012 è stato diffuso il trailer ufficiale italiano del film sul sito MYmovies in anteprima. Il 1º febbraio 2013 la Lucky Red pubblica online i primi quattro minuti del film, in italiano.[2]

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Il film è stato distribuito nelle sale statunitensi a partire dal 1º febbraio 2013,[3] mentre in Italia la data d'uscita, inizialmente fissata per il 31 gennaio, è stata rinviata al 7 febbraio.[4] Il 16 gennaio, a Roma, si è tenuta l'anteprima mondiale alla presenza di Nicholas Hoult.[5]

Differenze fra libro e film[modifica | modifica sorgente]

  • Nel libro R è descritto come un trentenne, vestito in camicia e cravatta rossa, particolare che avrà un ruolo importante nella sua visita allo Stadio. Nel film R indossa una felpa rossa.
  • Nel libro, Julie conficca un pugnale in testa a R al loro primo incontro. Nel film, il pugnale è conficcato nel petto.
  • Nel film non si fanno accenni alla cultura zombie, con i riti religiosi degli Ossuti, i matrimoni fra zombie e l'adozione dei figli.
  • Nel film non è presente la figura della moglie zombie di R, né dei suoi due figli zombie, sebbene vengano mostrati due bambini che osservano i tentativi di R di imparare a guidare.
  • Nel film non si accenna alle altre comunità di sopravvissuti.
  • nel libro la madre di Julie scappa dallo stadio e, probabilmente, viene uccisa dagli zombie. Nel film viene suggerito che sia stata morsa e che Grigio abbia dovuto ucciderla.
  • Nel film il padre di Perry diventa uno zombie e viene ucciso da Julie. Nel libro muore a seguito di un incidente mentre lavorava a collegare le comunità di sopravvissuti, forse causato dallo stesso Grigio.
  • Nel film la fuga di R e Julie dall'Aeroporto è differente rispetto a quella del libro, in particolare nel rapporto con gli Ossuti.
  • Nel libro la Polaroid apparteneva agli Ossuti, che grazie alle foto documentavano la barbarie umana. Nel film la Polaroid viene trovata da Julie durante la sosta nel viaggio di ritorno dall'Aeroporto.
  • Nel libro sono presenti molte più scene ambientate nei ricordi di Perry. Inoltre, nel libro si stabilisce un rapporto interiore fra R e Perry, il quale aiuta lo zombie nel proprio processo di guarigione, totalmente assente nel film.
  • Nel libro R confessa a Julie di aver ucciso Perry solo verso la fine, all'interno dello Stadio. Nel film lo confessa durante la sosta nel viaggio di ritorno dall'Aeroporto.
  • Nel libro gli umani vivono all'interno di un grande Stadio, in una baraccopoli caotica e svilente. Nel film gli umani hanno eretto un grosso muro che divide la città ancora abitata da quella disabitata.
  • Nel libro R riesce a entrare all'interno dello Stadio fingendosi un umano inseguito dagli zombie (M e gli altri zombie che stavano iniziando a cambiare). Nel film R supera il muro attraverso un passaggio scoperto grazie ai ricordi di Perry.
  • nel libro R morde una guardia dello stadio, rendendola zombie. Nel film la scena non è presente.
  • Nel film la permanenza di R all'interno della città degli umani è drasticamente ridotta rispetto a quella del libro.
  • Nel libro R, presentato al colonnello Grigio, si finge il ragazzo di Nora (di nome Archie) e riesce, in un primo momento, a ingannarlo. Nel film la scena si sviluppa in maniera completamente diversa e Grigio riconosce subito R come uno zombie.
  • Nel film è totalmente assente la figura del colonnello Rosso.
  • Nel libro R e Julie sono costretti a gettarsi nel vuoto per salvarsi da Grigio. Nel film per salvarsi dagli Ossuti.
  • Nel film manca completamente il degrado psicologico di Grigio che, fra l'altro, non muore.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Nicholas Hoult è uno Zombi Romantico nel trailer di Warm Bodies, ScreenWeek Blog.
  2. ^ Warm Bodies: i primi 4 minuti in italiano del film in voto10.it, 1 febbraio 2013.
  3. ^ Date di uscita per Warm Bodies. URL consultato il 7 gennaio 2013.
  4. ^ Warm Bodies rinviato in ItaliaWarm Bodies rinviato in Italia in badtaste.it, 7 gennaio 2013. URL consultato il 7 gennaio 2013.
  5. ^ Nicholas Hoult a Roma per l'anteprima mondiale di Warm Bodies in voto10.it, 18 gennaio 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema