Walter Baade

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Walter Baade (Schröttinghausen, 24 marzo 1893Gottinga, 25 giugno 1960) è stato un astronomo tedesco, che emigrò negli Stati Uniti nel 1931.

Dopo gli studi all'Università di Gottinga, lavorò presso l'Osservatorio di Amburgo, a Bergedorf, dal 1919 fino al 1931[1], quando si trasferì negli Stati Uniti, presso l'Osservatorio di Monte Wilson nella Contea di Los Angeles. Fu, inoltre, tra i primi utilizzatori del telescopio di Monte Palomar. Impiegando lastre fotografiche particolari, riuscì a risolvere in stelle l'apparente nebulosità di alcune galassie, in particolare quella di Andromeda.

Nel 1944, sfruttando l'oscuramento di Los Angeles a causa della guerra, riuscì a utilizzare al massimo le potenzialità dello strumento, scoprendo in Andromeda due popolazioni stellari che chiamò Popolazione I e Popolazione II. La prima è costituita da gas, polveri e stelle giovani che si trovano nei bracci a spirale, mentre la popolazione II è formata da stelle vecchie poste nella parte centrale. Nelle foto a colori esse si distinguono per il diverso colore; di solito per il colore blu della popolazione I e rossastro della popolazione II.

Baade, inoltre, mise in evidenza che le giovani stelle supergiganti di tipo OB si trovano in genere immerse o nelle vicinanze a banchi di materia diffusa, da ciò giunse alla conclusione che le nebulose sono il luogo ove si formano le nuove stelle.

Nel 1952 dimostrò che tutte le precedenti determinazioni delle distanze galattiche, calcolate utilizzando le Cefeidi, erano notevolmente errate in difetto. Ciò fu reso possibile dalla sua scoperta dell'esistenza di un altro gruppo di Cefeidi, dette RR Lyrae, con caratteristiche simili alle classiche Cefeidi ma con una relazione periodo-luminosità diversa. Le considerazioni di Baade portarono ad una profonda revisione delle distanze galattiche, costringendo in alcuni casi a raddoppiarle. Aumentarono, in tal modo, le dimensioni conosciute dell'Universo, fino ad allora sottostimate. Assieme a Fritz Zwicky ipotizzò, inoltre, l'esistenza delle stelle di neutroni.

Queste scoperte fatte da Baade permisero di conciliare molti dati ricavati dalle osservazioni (fra i quali l'età della Terra, dedotta con metodi radioattivi) con le teorie più accreditate sull'evoluzione dell'universo.

Asteroidi scoperti[modifica | modifica wikitesto]

Baade ha scoperto 10 asteroidi:

Asteroide Designaz. provv. Data della scoperta
930 Westphalia 1920 GS 10 marzo 1920
934 Thüringia 1920 HK 15 agosto 1920
944 Hidalgo 1920 HZ 31 ottobre 1920
966 Muschi 1921 KU 9 novembre 1921
967 Helionape 1921 KV 9 novembre 1921
1036 Ganymed 1924 TD 23 ottobre 1924
1103 Sequoia 1928 VB 9 novembre 1928
1566 Icarus 1949 MA 27 giugno 1949
5656 Oldfield A920 TA 8 ottobre 1920
7448 Pöllath 1948 AA 14 gennaio 1948

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Hanno preso il suo nome l'asteroide 1501 Baade e il cratere Baade sulla Luna.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vedi (EN) Hamburger Sternwarte - Overview History
  2. ^ (EN) Henry Norris Russell Lectureship

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Baade ‹bàadë›, Walter la voce nella Treccani.it L'Enciclopedia Italiana. URL visitato il 13/04/2012
  • Baade, Walter la voce nell'enciclopedia Sapere.it. URL visitato il 13/04/2012
  • (EN) Wilhelm Heinrich Walter Baade scheda e riferimenti biografici nel sito della Sonoma State University, Department of Physics & Astronomy. URL visitato il 13/04/2012

Controllo di autorità VIAF: 46899494 LCCN: n85804358