Vladimir Evgrafovič Tatlin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vladimir Evgrafovič Tatlin

Vladimir Evgrafovič Tatlin in russo: Владимир Евграфович Татлин? (Charkiv, 28 dicembre 1885Mosca, 31 maggio 1953) è stato un architetto, pittore e scultore russo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Tatlin era un artista completo, dedito sia alla pittura che alla musica folkloristica, motivato dai suoi continui viaggi in Turchia, in Grecia e sulle coste dell’Africa del Nord, per il suo lavoro di marinaio. Grazie alla sua passione per la pittura cubista e futurista riuscì ad annoverare fra il suo giro di amicizie Gončarova e Larionov, con i quali condivise varie esposizioni. Realizzò rilievi astratti polimaterici (i Controrilievi), inaugurando in tal modo il costruttivismo, con cui esprimeva l'arte funzionale, costruttiva, attenta ai nuovi materiali (dell'epoca) e alle tecniche industriali.

Il suo incontro con Pablo Picasso avvenuto a Parigi lo influenzò positivamente, riuscì in quel lasso di tempo ad attingere da lui la tecnica di scomposizione degli oggetti su piani diversi, fino a ottenere pure forme geometriche. Professore di arte e di tecniche pittoriche durante la rivoluzione russa, aderì alla corrente del produttivismo, secondo la quale l’arte veniva asservita ai principi pratici della costituzione di una società nuova e egualitaria. Nel 1919 era stato coinvolto nel progetto di un monumento (una torre metallica a forma di spirale di 400 metri) che doveva essere dedicato alla Terza Internazionale, ma i lavori di costruzione non furono mai iniziati e il progetto venne abbandonato.

Nel 1932, per via del decreto staliniano, che aveva decretato lo scioglimento di qualunque gruppo potesse essere considerato troppo moderno all'epoca, decise di trasferirsi a Leningrado, dedicandosi al disegno industriale e alla scenografia.

Il monumento di Tatlin del 1919

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 34497985 LCCN: n83042971