Vincenzo Barone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Vincenzo Barone (Ancona, 8 novembre 1952) è un chimico italiano attivo nel campo della chimica teorica e computazionale. Per il triennio 2011-2013 presiede la Società chimica italiana (SCI)[1][2].

È membro dell'Accademia Internazionale di Scienze Quantistiche Molecolari (IAQMS) e della European Academy of Sciences, e fellow della Royal Society of Chemistry.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dopo la Laurea in Chimica nel 1976, con lode, ha perfezionato la sua formazione scientifica presso le Università di Marsiglia, Grenoble, Parigi, Erlangen-Norimberga, Montréal e Berkeley. Nel 1984 è diventato professore associato e nel 1994 professore ordinario di chimica fisica presso l'Università di Napoli Federico II. Da fine 2008 è professore ordinario di chimica teorica e computazionale presso la Scuola Normale Superiore di Pisa[1].

È l'attuale presidente del Gruppo di Esperti della Valutazione dell'area chimica[3] dell'agenzia nazionale ANVUR.

Attività di ricerca[modifica | modifica sorgente]

Barone è autore di più di 550 pubblicazioni[4] su riviste internazionali con più di 26000 citazioni ed un indice H pari a 69[5] (46 dal 2000). I principali ambiti trattati riguardano lo studio teorico di sistemi di grandi dimensioni (materiali soft e nanostrutturati, biomolecole) in fasi condensate, con enfasi specifica sulle proprietà spettroscopiche e sulla reattività. Ha fornito contributi significativi alla teoria del funzionale della densità, teoria della solvatazione e spettroscopia computazionale, collaborando allo sviluppo del codice di chimica quantistica GAUSSIAN[6].

È uno dei creatori del "Center for Computational Chemistry and Cosmology Group" (4C group) e il responsabile di IDEA, laboratorio virtuale di chimica teorica e computazionale presso la Scuola Normale Superiore di Pisa[7].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Marco Magrini, Le scienze di Pisa, Firenze e Siena: isole nella corrente in Il Sole 24 ore, 22 febbraio 2012.
  2. ^ Alex Saragosa, La chimica cambia la sua formula in Il Venerdì di Repubblica, 25 marzo 2011.
  3. ^ Composizione dei GEV - ANVUR
  4. ^ Pubblicazioni (aggiornate al 2010)
  5. ^ Si veda l'elenco dei Top Italian Scientist sul sito di Virtual Italian Academy
  6. ^ Collaborazione con GAUSSIAN
  7. ^ Le pagine web dei due gruppi: 4C group, IDEA

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]