Vincenzo Balzani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vincenzo Balzani

Vincenzo Balzani (Forlimpopoli, 15 novembre 1936) è un chimico italiano, professore emerito presso l’Università di Bologna.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Si è laureato in Chimica all'Università di Bologna nel 1960. Ha trascorso gran parte della sua vita professionale nello stesso ateneo presso il Dipartimento di Chimica “Giacomo Ciamician”, diventando professore ordinario nel 1973. È stato visiting professor presso varie università straniere. Ha diretto l’Istituto di Fotochimica e Radiazioni d'Alta Energia (FRAE) del CNR a Bologna dal 1978 al 1988. È professore emerito dal 1 novembre 2010.

Attività didattica[modifica | modifica sorgente]

Ha tenuto corsi di insegnamento di Chimica generale ed inorganica, Fotochimica, Chimica supramolecolare. È stato coordinatore del dottorato di ricerca in Scienze Chimiche dal 2002 al 2007 e della laurea specialistica in Fotochimica e chimica dei materiali dal 2004 al 2007. Nell’AA 2008-2009 ha fondato nell’Università di Bologna il corso interdisciplinare Scienza e Società.

Attività scientifica[modifica | modifica sorgente]

Ha svolto una intensa attività scientifica nei campi della fotochimica, fotofisica, reazioni di trasferimento elettronico, chimica supramolecolare, nanotecnologia, macchine e dispositivi a livello molecolare, conversione fotochimica dell'energia solare. Ha pubblicato più di 600 lavori, in maggior parte su riviste internazionali. È stato invitato a tenere conferenze in gran numero di congressi internazionali e seminari in università e centri di ricerca di tutto il mondo. È da molti anni fra i cento chimici più citati del mondo, con indice H 84. È anche autore di numerosi libri scientifici, fra i quali:

  • Photochemistry of Coordination Compounds, Academic Press, London, 1970 (con Vittorio Carassiti).
  • Supramolecular Photochemistry, Horwood, Chichester, 1991 (con Franco Scandola).
  • Molecular Devices and Machines. A Journey into the Nano World, Wiley-VCH, Weinheim, 2003 (con Alberto Credi e Margherita Venturi), tradotto in cinese e giapponese.
  • Molecular Devices and Machines. Concepts and Perspectives for the Nanoworld, VCH-Wiley, Weinheim, 2008 (con Alberto Credi e Margherita Venturi), tradotto in cinese.
  • Energy for a Sustainable World – From the Oil Age to a Sun-Powered Future, Wiley-VCH, 2011 (con Nicola Armaroli).
  • Powering Planet Earth – Energy Solutions for the Future, Wiley-VCH, 2013 (con Nicola Armaroli e Nick Serpone).
  • Photochemistry and Photophysics - Concepts, Research, Applications, Wiley-VCH, 2014 (con Paola Ceroni e Alberto Juris).

Attività divulgativa[modifica | modifica sorgente]

Ritiene che gli scienziati abbiano una grave responsabilità che deriva dalla conoscenza e che quindi sia loro dovere istruire i cittadini e aiutare i politici a trovare soluzione per i problemi della società. Alla ricerca scientifica affianca quindi un’intensa attività di divulgazione sulla chimica, sul rapporto fra scienza e società, fra scienza e pace e, particolarmente, sui temi dell’energia e delle risorse. A tal proposito ha scritto, assieme al collega Nicola Armaroli, il libro "Energia oggi e domani - Prospettive, sfide, speranze", diventato punto di riferimento nel dibattito sulle fonti energetiche. Inoltre con Energia per l’Astronave Terra (Zanichelli, 2008, scritto con Nicola Armaroli) ha ricevuto il Premio Galileo per la divulgazione scientifica. Nel 2011 ha ricevuto il premio Città di Sasso Marconi per la divulgazione sul tema dell’energia.

Incarichi[modifica | modifica sorgente]

È stato presidente del Gruppo Italiano di Fotochimica (1982-1986) e della European Photochemical Association (1988-92). È presidente onorario del International Symposium on Photochemistry and Photophysics of Coordination Compounds e membro del comitato scientifico di numerose riviste internazionali (nel 2011: Chemistry - An European Journal, ChemPhysChem, Small e ChemSusChem).

Associazioni e accademie[modifica | modifica sorgente]

È membro di: American Association for the Advancement of Science; Royal Society of Chemistry; European Academy of Sciences; Academia Europaea; Accademia Nazionale dei Lincei; Accademia Nazionale delle Scienze detta dei XL; Accademia delle Scienze di Torino; Società Nazionale di Scienze, Lettere ed Arti in Napoli; Accademia delle Scienze di Bologna.

Riconoscimenti principali[modifica | modifica sorgente]

Pacific West Coast Inorganic Lectureship, USA and Canada, 1985; Gold Medal "S. Cannizzaro", Italian Chemical Society, 1988; Doctorate "Honoris Causa” University of Fribourg (CH), 1989; Accademia dei Lincei Award in Chemistry, Italy, 1992; Ziegler-Natta Lecturer, Gesellschaft Deutscher Chemiker, Germany, 1994; Italgas European Prize for Research and Innovation, 1994; Centenary Lecturer, The Royal Chemical Society (U.K.), 1995; Porter Medal for Photochemistry, European Photochemical Association, 2000; Grande Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, 2006; Quilico Gold Metal, Organic Division, Italian Chemical Society, 2008; Premio Alta Qualità delle Città, Bologna, 2008; Honor Professor, East China University of Science and Technology of Shanghai, 2009; Blaise Pascal Medal, European Academy of Sciences, 2009; Premio Internazionale Galileo dei Rotary Club per la ricerca scientifica, 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]