VTech Laser 200

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vtech Laser 200
Disk smith vz200 with ram expansion.jpg
Dick Smith VZ200, omologo del VTech Laser 200, con espansione RAM collegata
Classe di computer Home computer
Produttore VTech
Presentazione 1983
Fine commercializzazione 1985
CPU Zilog Z80A
Frequenza 3,58 MHz
ROM 16 KB
RAM di serie 8 KB
Altro software di serie Microsoft BASIC

Il Laser 200 è stato un home computer a 8 bit prodotto da VTech dal 1983 al 1985.[1] È stato venduto anche come Salora Fellow in Fennoscandia (in modo particolare in Finlandia),[2] come Texet TX 8000 in Inghilterra[3] e come Dick Smith VZ200 in Australia e Nuova Zelanda.[4] Progettato e costruito dalla Video Technology (VTech) con sede ad Hong Kong, derivava dal Tandy TRS-80.[5]

Al lancio la versione rimarchiata Texet dichiarava di essere il microcomputer a colori più economico del mercato. Tuttavia questo non bastò per assicurarne il successo contro il Sinclair ZX Spectrum che stava spopolando in Inghilterra in quel periodo. Il "Dick Smith" VZ 200 ebbe maggior successo in Australia dove divenne popolare come primo computer[6][4] e dove fu venduto in circa 30.000 unità.[7]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Il Laser 200 era basato su una CPU Zilog Z80A pilotata da un quarzo operante alla frequenza di 3,58 MHz. Era dotato di 16 kB di ROM che contenevano il Microsoft BASIC e di 8 KB di RAM. Di questi, 2 KB erano riservati al Video Display Controller (VDC) mentre i rimanenti 6 KB erano a disposizione dell'utente. Il VDC Motorola era il Motorola 6847, grazie al quale il computer poteva offrire due modalità video, una testuale ed una grafica. La modalità testuale permetteva di visualizzare 32×16 caratteri ad 8 colori: i caratteri rappresentabili erano prelevati da una tabella di 256 elementi, dove i primi 128 erano i classici caratteri alfanumerici ASCII mentre i restanti 128 erano simboli semigrafici che permettevano una grafica a bassa risoluzione di 64×32 punti. In modalità grafica il computer metteva a disposizione un'immagine di 128×64 pixel a 4 colori, di cui uno era quello dello sfondo.[8]

Il computer era dotato di una tastiera in gomma con 45 tasti, molto criticata per la sua scarsa qualità,[9] e di alcune porte di espansione, fra cui quella per collegare un lettore di cassette da usare come memoria di massa predefinita: per questo motivo i giochi, come Frogger, Scramble, Space Invaders e Moon Patrol, furono rilasciati principalmente in cassetta dato che per pilotare altre periferiche servivano apposite schede di espansione.[7]

VTech Laser 310 / Dick Smith VZ300[modifica | modifica wikitesto]

Una versione migliorata conosciuta come VTech Laser 310, o Dick Smith VZ 300 fu rilasciata successivamente: si differenziava dal modello 200 per una tastiera con tasti in plastica rigida e per una dotazione di memoria RAM maggiore, 16 KB espandibile fino a 64 KB.[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda del VT Laser 200, Old-computers.com. URL consultato il 29/12/2014.
  2. ^ Salora Fellow, Old-computers.com. URL consultato il 29/12/2014.
  3. ^ Texet TX 8000, Old-computers.com. URL consultato il 29/12/2014.
  4. ^ a b Dick Smith VZ200, Old-computers.com. URL consultato il 29/12/2014.
  5. ^ Wikipediani, Early Home Computers, Pedia Press, 2011. URL consultato il 29/12/2014.
  6. ^ Dick Smith VZ-200, Thepcmuseum.com. URL consultato il 29/12/2014.
  7. ^ a b Risorse sul VZ200, vz200. URL consultato il 29/12/2014.
  8. ^ Manuale di riferimento del VZ200, Dick Smith. URL consultato il 29/12/2014.
  9. ^ Il VZ200, Thepcmuseum.com. URL consultato il 29/12/2014.
  10. ^ Video Technology Laser 310, Old-computers.com. URL consultato il 29/12/2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Immagini[modifica | modifica wikitesto]

informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica