Ugo Morin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ugo Morin (Trieste, 17 febbraio 1901Padova, 1º gennaio 1968) è stato un matematico e antifascista italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Laureatosi all'Università di Padova nel 1926, conseguì nel 1933 un incarico alla cattedra di geometria descrittiva. Ottenne la libera docenza nel 1935, proseguendo l'insegnamento a Padova e, dal 1942 al 1945, all'Università di Firenze (geometria analitica). Dal 1946 fu di nuovo a Padova e vi rimase sino alla morte. Fu autore di lavori scientifici riguardanti la geometria algebrica classica sia l'algebra astratta.

Mentre era a Firenze, facendo la spola con Padova e il Veneto, si distinse per il suo impegno civile, contribuendo non poco alla resistenza: organizzava clandestinamente il Partito d'Azione e le milizie e la sua attività nelle file della Resistenza, dedicandosi all'organizzazione clandestina del Partito d'Azione e delle formazioni partigiane di Giustizia e Libertà; nel 1945 assumeva la presidenza del CLN del Veneto.

A lui sono intitolati un liceo scientifico di Mestre e il Centro Ricerche Didattiche "Ugo Morin" di Paderno del Grappa (Treviso) che si occupa di Didattica della Matematica e delle Scienze e pubblica la rivista "L'insegnamento della Matematica e delle scienze integrate".

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Gli è stata intitolata l'aula più grande del Dipartimento di Matematica e Informatica dell'Università degli Studi di Trieste e vi è stato collocato un suo busto.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]