Trattato di Breda (1667)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Immagine della firma del trattato

Il trattato di Breda fu un accordo firmato nella città olandese da cui prende il nome dai rappresentanti di Inghilterra, Francia, Olanda e Danimarca. Fu decretata la fine della Seconda guerra anglo-olandese che aveva visto prevalere la flotta delle Province Unite contro quella del re Carlo II Stuart con la battaglia navale di Medway, in cui la flotta inglese era stata annientata. Michiel de Ruyter, ammiraglio olandese, aveva il pieno controllo dei mari e questo spinse gli inglesi ad affrettare i negoziati di pace.

Durante i negoziati, i rappresentanti inglesi proposero a quelli olandesi di cedere loro la città americana di New Amsterdam, ribattezzata New York, in cambio dei fruttuosi territori sulla costa del Suriname presi dagli olandesi nel 1667. Gli olandesi rifiutarono. Nelle Indie gli olandesi avevano il monopolio della noce moscata e gli inglesi furono costretti ad abbandonare le loro aspirazioni sull'isola di Run, piccola isola facente parte delle isole Banda. L'Atto di navigazione fu modificato in modo da permettere agli olandesi scambi con la Germania e con la stessa Inghilterra.